VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

La Juve non libera Conte, ancora un anno insieme? Vidal, il Manchester United offre 50 milioni. Per Montella nessuno paga 7 milioni. Il giallo Prandelli: la firma non arriva, aspetta il Milan

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
16.05.2014 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 38710 volte
© foto di Federico De Luca

Giorni decisivi per la vicenda Conte. Noi siamo qui ad aspettare l'incontro che non c'è, ma la verita' è un'altra: Agnelli, Conte e Marotta si sentono tutti i giorni. Non c'è bisogno di summit o di vertici in sede per spiegare o per spiegarsi, la situazione è molto chiara da ambo le parti.

Si tratta solo di trovare un punto d'incontro per poter continuare la strada assieme ed evitare una clamorosa rottura. I margini erano pochissimi lunedì scorso, nel frattempo la situazione sembra cambiata. Cosa è successo?

La Juventus ha fatto capire a Conte di non essere disposta a liberarlo a cuor leggero per soddisfare la sua voglia di un'esperienza più stuzzicante, come lui stesso ha detto. In sostanza l'allenatore ha ancora un anno di contratto e se non lo vuole prolungare, la Juventus gli chiederà comunque di onorarlo. Insomma una sorta di vicolo cieco nel quale le due parti si sono infilate, in certi caso il muro contro muro non paga quasi mai. E allora?

In questa situazione Conte non avrebbe tante vie d'uscita e sarebbe costretto a restare fino al giugno del 2015. Conviene alla Juve tenere un allenatore controvoglia? La società bianconera conosce Conte e sa benissimo che comunque si butterebbe a capofitto nel lavoro perché è orgoglioso e non gli piace perdere. Nello stesso tempo Conte, se costretto a restare con una squadra non di suo gradimento, ha intenzione di parlare chiaro ai tifosi e dire in sostanza .

Conte ha paura di non riuscire più a motivare questo gruppo, di non dare più obiettivi stimolanti, per questo chiede un profondo rinnovamento della rosa. Ma la Juve ha un budget ridotto all'osso. Che fare? L'ipotesi di una cessione eccellente per fare cassa non è poi così da scartare.

Nei giorni scorsi Ferguson a Torino per la finale di Europa League ha chiesto ufficialmente Arturo Vidal proponendo una cifra attorno ai 50 milioni di euro. La Juve è tentatissima, meglio privarsi di Vidal che non di Pogba molto più giovane e con margini di miglioramento. Vidal, grande giocatore, potrebbe però aver già raggiunto il suo massimo e potrebbe tornare dal mondiale in condizioni non ottimali.

Con i soldi di Vidal, gli introiti della Champions e il premio scudetto la Juventus potrebbe comunque attuare un buon potenziamento per accontentare le esigenze di Conte che ha sostanzialmente ragione: se i bianconeri vogliono provare a fare meglio in Europa c'è bisogno di gente nuova.

Dunque se non si dovesse trovare un accordo, la Juve non è disposta a mollare Conte anche perché arrivare a Spalletti è molto complicato. E' ancora legato allo Zenith che per liberarlo vuole un accordo tra gentiluomini con una minima buonuscita, mentre Spalletti non vuol rimetterci troppo del contratto ancora in corso. Poi Spalletti costa molto, è abituato a lavorare con uno staff di una decina di persone. Montella è stato contattato, ma la Juventus non sapeva della clausola rescissoria di 7 milioni: con sette milioni si compra un giocatore e non un allenatore.

La pista Prandelli era stata abbandonata da tempo, mentre Mancini (la scelta della prima ora) può liberarsi dal Galatasaray, ma anche lui ha un costo non da poco e uno staff numeroso. Insomma, mettere Conte con le spalle al muro sembra la strada più facile.

I contatti e gli incontri continueranno anche oggi e domani, probabilmente la situazione sarà più chiara lunedì a campionato finito e festa per i 102 punti in archivio. I colpi di scena sono sempre possibili, ma la Juve non vuol mollare e chiederà anche l'intervento di Marchionne e John Elkann che gestiscono la cassaforte di famiglia.

A proposito di Prandelli, il mancato annuncio ufficiale della firma sul contratto della Nazionale in scadenza il 30 giugno, sta diventando un giallo. Due mesi fa sembrava tutto fatto con dichiarazioni entusiastiche poi, guarda caso, la bufera attorno alle panchine del Milan e della Juve ha bloccato tutto. Che succede? Abete dice che non c'è problema, ma se uno più uno fa due, non è che Prandelli sta aspettando gli eventi?

In fondo per il Milan alle prese con il problema Seedorf, sarebbe la soluzione più facile, già suggerita da Galliani l'estate scorsa: Prandelli non costa molto, ha uno staff "normale", sa lavorare con i giovani e piace a Berlusconi. Inzaghi deve farsi le ossa, metterlo ora in panchina sarebbe troppo rischioso. Per Spalletti il Milan ha gli stessi problemi della Juve, mentre i contatti con Montella (la prima scelta di Berlusconi) si sono infranti sulla barriera dei sette milioni di euro.

Insomma la rivoluzione delle panchine è condizionata da troppe strade in salita.

La Fiorentina finora è stata alla finestra a sentire allibita la raffica di dichiarazioni del suo allenatore che in sette giorni ha parlato sei volte per dire la stessa cosa: voglio allenare una Fiorentina più forte. Nessuno ha detto che avrà una Fiorentina più debole, ha fatto tutto da solo e forse non merita neppure una risposta. I dirigenti viola sono piuttosto irritati, ma non lo diranno mai pubblicamente.

In fondo hanno preso Montella dal Catania, gli hanno affidato una squadra importante e dato fiducia, ora appena l'allenatore ritiene di poter volare comincia a fare il fenomeno. Un comportamento che non è piaciuto affatto, non è nello stile della casa. Comunque la società va avanti per la sua strada con i programmi di rafforzamento e forte della clausola rescissoria da sette milioni. Se Montella li porta (e chi glieli da?) potrà andarsene, in caso contrario si impone un chiarimento netto che arriverà tra oggi e lunedì. Come finirà? Montella dirà di essere stato frainteso (Berlusconi docet) dai soliti giornalisti e di aver parlato per il bene della Fiorentina e non per il suo interesse personale. Toccherà anche credergli.

A proposito di soldi che dovrebbero esserci e non ci sono, il Milan è in difficoltà. Basta vedere l'andamento del titolo Fininvest in borsa per capire tante cose. Se non arriva il socio di minoranza (ma chi?) e se Berlusconi continua a dire no alla vendita, con quali soldi si farà il mercato?

L'idea che sta prendendo sempre più piede è quella di vendere un paio di gioielli della casa: Balotelli e De Sciglio. Prima Balotelli, però. Per De Sciglio il Milan spera in un grande mondiale per rilanciarlo.

Dunque, Balotelli. La regia dell'operazione è stata affidata al solito Mino Raiola che sa sempre come e dove andare a parare. L'Atletico Madrid che cederà Diego Costa al Chelsea ha bisogno di un attaccante, questa potrebbe essere la prima delle soluzioni. Trenta milioni per Balo si possono anche pagare, con questo soldi il Milan potrà sicuramente rifare una squadra migliore dall'attuale tanto più che in avanti c'è un ottimo attaccante come Pazzini, El Shaarawy sta tornando e Kakà può fare la seconda punta. Insomma, senza soldi bisogna ingegnarsi: tempi duri per tutti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il Milan e il colpo a sorpresa, la Juve punta su Matuidi (e Keita), l'Inter avanza piano. E l'estero si prepara a un estate bollente... 27.07 - Mancano solo 24 ore poi sarà esordio per il nuovo Milan. Non sarà tutto il nuovo Milan, ovvio. Ma l'entusiasmo è tangibile. Mancheranno gli ultimi due acquisti perché sono da perfezionare tecnicamente dei passaggi finanziari in Lega, ma soprattutto manca ancora il grande colpo in...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Cassano, amabili resti! Milan, ma Diego Costa? Neymar, ora si sta esagerando! Juve, la 10 non è uno scherzo… 26.07 - Tempo fa mi sono imbattuto nel film Amabili resti… Racconta la storia di Susie, una ragazzina che, dopo essere morta in circostanze tragiche, si ritrova sospesa in un limbo, esattamente a metà tra vita terrena e paradiso… Oltre alle copiose lacrime versate, ricordo la preoccupazione,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Bernardeschi c’è, ma il colpo da urlo deve ancora arrivare. Inter: la verità dietro al “no” per Vidal, il piano-Perisic e la volontà cinese sui “botti”. Milan: l’ultima tempesta e il fatto. Napoli: l'idea di Sarri 25.07 - Buon fine luglio a voi tutti. Prima le cose importanti. La prima: tale Alberto Carlon mi scrive su Twitter. “Ti posso chiedere di salutare Roberto Marketing e dirgli che mi manca molto Mattia?”. Chi sono io per non eseguire? Nessuno. La seconda: Cassano ha lasciato il calcio,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, se ci sei, batti un colpo! Verratti con Raiola umilia Di Campli. Mirabelli e il rimpianto nerazzurro. Suning, ora i fatti... 24.07 - I voti al mercato sono una cosa, il campo un'altra. Il Milan ad oggi merita 8,5 per come ha lavorato e per i suoi acquisti. Certamente senza soldi si poteva fare ben poco ma la società ha dimostrato di avere le idee chiare e massima concretezza. I tifosi apprezzano e sanno che, in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.