HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Totopanchina Juve: chi sarà l'erede di Allegri?
  Simone Inzaghi
  Maurizio Sarri
  Pep Guardiola
  Sinisa Mihajlovic
  Didier Deschamps
  Mauricio Pochettino
  Josè Mourinho
  Antonio Conte

La Giovane Italia
Editoriale

La Juventus ha presentato l’offerta per Icardi! Tutti i dettagli: 8.5 milioni di € all’anno, ma bonus ricchissimi. Davvero all’Inter conviene cedere? E a che prezzo? Guardiola ha declinato una prima volta la Juve

01.05.2019 20:33 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 173629 volte

L’offerta è arrivata. Tra Juventus e Icardi non ci sono solo contatti, promesse, dichiarazioni o molto prosaicamente “pagherò”.
La Juve ha fatto pervenire a Icardi una offerta precisa e circostanziata: 8.5 milioni di € netti a stagione, più una serie di bonus molto ricchi legati a rendimento di squadra e personale.
Bonus nell’ordine di circa 3 milioni di €, tra i più ricchi possibili, e per una durata contrattuale che dovrebbe essere di 5 anni.
Dunque la Juventus muove gli obici: fino ad oggi l’unica offerta vera e concreta sul piatto per Icardi era stata del Napoli, poco più alta peraltro visto che era di 9 milioni di € più 3 di bonus. Una offerta che però non aveva ricevuto il feedback desiderato. Oltre al Napoli, i contatti tenuti con Real Madrid, Atletico e PSG, a cui ancora non erano e non sono seguite offerte. Nel caso del Real Madrid, una linea aperta che si vedrà se avrà ulteriori sviluppi; nel caso di Atletico e PSG invece, un corteggiamento già declinato.
L’offerta della Juventus invece rischia di cambiare tutto: perché è la destinazione possibile che sin dall’inizio è stata evidentemente ritenuta più gradita a tutte le parti in causa, tanto il giocatore quanto il club (tranne che ai tifosi nerazzurri…). Un’offerta estremamente vicina alla volontà salariale di Icardi all’Inter, che nelle trattative per il rinnovo avrebbe probabilmente chiuso proprio sui 9 milioni. Una proposta di contratto che farebbe di Icardi il secondo giocatore più pagato in Italia ma alla pari di Higuain, che a giugno tornerà per percepire gli 8.5 milioni di € di stipendio aumentati dopo il prestito al Milan.
Adesso l’Inter dovrà decidere cosa fare (e prendere una decisione nell’organigramma internazionale sembra proprio l’atto più difficile): perché dal punto di vista morale, la questione di incedibilità alla Juventus è stata risolta da tempo senza alcun problema. Inoltre l’Inter ha un’esigenza di incassare circa 40 milioni entro il 30 giugno per assolvere all’ultimo step del financial fair-play (scadenza che fa imbestialire la dirigenza, quando vede invece il totale laissez-faire concesso dall’Uefa al Milan).
La valutazione dell’ex capitano è stata già abbattuta da tutta la telenovela, considerando che i 120 milioni di € spesi per esempio dal Barcellona per Coutinho avrebbero potuto benissimo fissare a 160 milioni il cartellino di Icardi (guarda caso, il prezzo della clausola originaria nel contratto, poi depennato per fare spazio all’attuale prezzo di 110 milioni in cambio di una mancata concessione del bonus-capocannoniere).
Certo l’Inter dovrebbe provare almeno a vendere l’argentino per un prezzo maggiore del passaggio di Higuain alla Juventus, per evitare di perdere completamente la faccia.
Ma il punto è che Marotta è ancora consapevole che la cessione alla Juventus gli rimarrebbe attaccata come uno stigma pronto a essere sfruttato non appena le cose possano andare male, e dunque da lì l’esigenza di non svendere più di quanto non si sia già fatto negli atti.
Ma l’idea Dybala è stata già declinata dall’interessato; l’opzione Higuain paventata dalla Juventus è stata già respinta al mittente; cosicché è vera l’ipotesi Kean, fatta per ora soltanto dall’Inter, e certo a cui dovrebbe essere data la giusta valutazione, che non potrebbe mai essere oltre i 25 milioni di €. E a quel punto la credibilità della dirigenza sarebbe quella di farsi aggiungere almeno altri 75 milioni di conguaglio, e non i 30 milioni che Paratici eventualmente affiancherebbe (ammesso e assolutamente non concesso che lasci andare Kean).
Ciò che importa al momento è che da qualche giorno sul tavolo di Icardi c’è anche l’offerta della Juventus, precisa e diretta.

Preciso e diretto era stato anche Agnelli nel confermare Allegri nel post-Ajax. Ora, non è chiaro quanto fosse solo scena, e quanto davvero ci sia intenzione di continuare. Tutti aspettiamo il vertice dei prossimi giorni.
Escono ipotesi suggestive nel frattempo, su tutte quella di Guardiola.
A inizio marzo diedi la notizia delle minacciate dimissioni di Allegri, a cavallo delle due partite con l’Atletico. In quel frangente Agnelli, per premunirsi qualora non fosse riuscito a far recedere Max dalle sue intenzioni, contattò tre allenatori: Zidane per primo, che scelse in pochi giorni il Real Madrid; poi Guardiola, che ringraziò e declinò; e infine Deschamps, che ringraziò e declinò, e rinviò a dopo Euro2020 eventualmente.
Certo, dopo c’è stato il disastro con l’Ajax, e anche il City è andato a sbattere in Champions. Ma Guardiola vive in connubio con Begiristain e Soriano al City, e dalla proprietà emira non è mai stato messo in discussione. Al momento non risultano cambi di idea da parte di Guardiola, poi per carità, tutto è possibile nel calciomercato.
Quando la settimana scorsa mi chiesero su MCSport Network quale nome disponibile fosse adatto per la Juventus, risposi: “A disposizione non ce ne sono (togliendo Conte, la cui situazione personale con Agnelli è strana). Al massimo, Andrea Agnelli dovrebbe andare a provare qualcosa di impossibile, così come fece con Cristiano Ronaldo”.
Tuttavia, Guardiola o non Guardiola, se non c’è più fiducia totale in Allegri, a questo punto che senso ha continuare con lui?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La Juve e la panchina, Inter e Milan e l’ultima curva Champions 23.05 - Non si parla d’altro. Da giorni. Ed è inevitabile che sia così: quando la panchina di una delle squadre più importanti in Europa è ancora da assegnare è ovvio che ci sia grande fermento, soprattutto fra la tifoseria. Che non si fa prendere dal panico: sa che la società è solida e...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte: firmato il precontratto! La Juventus sempre più avanti per Sarri. Cosa ci faceva Allegri a Londra il 7 maggio? Ecco chi c’era nello stesso albergo negli stessi giorni… 22.05 - Non c’è tempo per discettare e o poetare, il mercato allenatori è già sangue e sudore, e le notizie si accavallano. Partiamo dalla prima. Lo posso annunciare in anteprima: Antonio Conte ha firmato per l’Inter! Il segreto meno segreto del 2019, con l’accordo pendente da settimane,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: per la panchina si sceglie tra Inzaghi e “il piano-Ronaldo” (due nomi). Inter: il contatto Marotta-Conte e l’orgoglio… a un passo dall’Abisso. Milan: il destino all’opposto di Gattuso. Allegri: il futuro non sarà al Bayern… 21.05 - Buondì. Diciamo alcune cose veloci. Facciamo una dozzina al massimo. 1) La serie A si ritrova con l’ultima giornata più bella da un sacco di tempo a questa parte e non sa nemmeno lei come ha fatto. Parliamoci chiaro: è più “colpa” che “merito” dei club coinvolti. 2) La Fiorentina...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510