HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Fitwalking for AIL
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
11.07.2018 06:50 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 38913 volte

Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti in pochi.
Tutto il giorno, in tutti i lati di Mondiale qua a Pietroburgo, è rimbalzato Cristiano Ronaldo. Voleva prendersi la Coppa del Mondo in qualche maniera, beh c’è riuscito. La settimana scorsa scrivemmo “Vuoi vedere che punta a farsi presentare nelle ore subito dopo la finale dei Mondiali, cosicché il giorno dopo la finale tutto il mondo anziché parlare dei vincitori parlerà invece di lui?”. Ecco. Guarda caso Cristiano Ronaldo sarà presentato proprio il lunedì dopo la finale di Coppa del Mondo…
E allora bisogna ringraziare la Juve, perché ha riportato motivo di interesse verso l’Italia durante questo Mondiale in cui siamo stati presenti solo in quella decina di quotidiane domande stile: “Ma come mai non c’è l’Italia ai Mondiali?”. Roba da fare perdere la pazienza anche a un bonzo.
La Juventus ha invertito la leva dell’inerzia del calcio italiano, quella che proprio lei aveva tirato dall’altra parte 17 anni fa.
Fino al 2001 eravamo noi i signori e padroni incontrastati dei desideri dei calciatori, e dunque anche dei tifosi. Una tendenza che fu invertita nel 2001 quando Zidane lasciò la Juventus per il Real Madrid.
Lì cambiò tutto, da lì non fummo più i primi, lì cominciammo a non essere più la priorità per i migliori giocatori al mondo.
Seguirono poi Ronaldo dall’Inter al Real Madrid, la partenza di Crespo, quella di Shevchenko, e poi i campioni non partivano nemmeno più perché semplicemente arrivavano direttamente da un’altra parte.
Adesso cambia tutto. Dopo 17 anni, una squadra italiana si è presa il giocatore più rappresentativo della squadra più forte del mondo. Un acquisto paragonabile per la Serie A solo ad altri 3 del passato: Rummenigge all’Inter, Maradona al Napoli, Ronaldo all’Inter (non includiamo Zico all’Udinese perché fu forse il più sorprendente ma anche il più estemporaneo nella mancanza relativa di contendenti).
Ma Rummenigge arrivò all’Inter forte di due Palloni d’Oro, ma non essendo più il più forte. Maradona era il più ambito quando arrivò al Napoli, per il potenziale, ma non il più forte, quello in quel momento era Platini che aveva appena vinto il secondo dei suoi tre Palloni d’Oro consecutivi, dopo aver squassato l’Europeo conducendo la Francia con 9 gol in 5 partite.
Ecco, l’unico paragonabile è Ronaldo all’Inter: come Cristiano Ronaldo, il più forte e il più ambito. Certo, quello aveva tutta la vita davanti, mentre Cristiano - nonostante la sua fame atavica - sembra avere a disposizione ad alto livello ancora dai 2 ai 4 anni. Però ecco, sicuramente i due più grandi acquisti della storia in Serie A sono stati questi due, Ronaldo e Cristiano Ronaldo, e dunque è incredibile che stia accadendo.
Si obietterà: la Juventus e la Serie A corrono sue due binari diversi e paralleli, vedi degli juventini le vittorie consecutive, le finali europee, il budget abnorme.
Ma non è esattamente così: vero, ci sono colpi che solo la Juve si può permettere adesso (chissà, forse il prossimo anno ci proverà anche l’Inter) ma questo rimette la Serie A come destinazione possibile per i più forti. Se un campionato è stato scelto dal Cristiano Ronaldo nella sua condizione di più forte al mondo, allora possono sceglierlo anche altri, per giocare con lui o contro di lui.
Da Cristiano Ronaldo alla Juve hanno tutti da guadagnarci. Si alza il livello di scontro, si alza l’attenzione, si alza la passione, si alza l’interesse.
Badate bene: oggi la Francia, che fa registrare i picchi di qualità più alta al Mondiale, ha battuto il Belgio, che prima di questa semifinale ha fatto registrare il livello medio di gioco migliore di questo Mondiale, al termine di una partita godibile, magari dove è mancato un po’ di pathos e dramma, ma davvero valevole calcisticamente.
E con tutto ciò, dappertutto, a partire da questa astronave aliena di San Pietroburgo, passando per i normali tifosi russi che mi fermavano per strada mentre annunciavo in diretta su beIN Sports l’ufficialità di Cristiano Ronaldo alla Juventus, dappertutto si parlava solo di Cristiano, e dietro di lui di Juventus e Serie A.
Questo è un tesoro da non disperdere paragonabile ai 360 milioni di € spesi dalla Juventus per CR7…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il livello della Serie A è in crescita, ma lo Scudetto è un'altra storia. In B e in C il caos va avanti e c'è un colpevole: non si può riformare il calcio cambiando le norme in corsa 23.09 - Il gioco corale della Sampdoria orchestrato da Marco Giampaolo. La nuova Fiorentina, giovane, ricca di talento e con un tridente offensivo già forte, ma potenzialmente devastante. Il calcio rapido e verticale del Sassuolo di Roberto De Zerbi, e la personalità del leader del Cagliari...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter con la Samp per la svolta in campionato. Juventus: Dybala un anno decisivo, Bernardeschi ora è l’arma in più. Di Francesco merita fiducia ma serve un cambio di marcia. Atalanta: il rinnovo di Gasperini segnale forte della società 22.09 - Ne ero convinto e alla fine la Champions ha confermato la mia sensazione. Contro il Tottenham, l’Inter ha trovato il risultato, la prestazione ma soprattutto la reazione che voleva Spalletti. Quella rabbia che ha portato a ribaltare una situazione che avrebbe aperto in maniera ufficiale...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy