HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
11.07.2018 06:50 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 38919 volte

Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti in pochi.
Tutto il giorno, in tutti i lati di Mondiale qua a Pietroburgo, è rimbalzato Cristiano Ronaldo. Voleva prendersi la Coppa del Mondo in qualche maniera, beh c’è riuscito. La settimana scorsa scrivemmo “Vuoi vedere che punta a farsi presentare nelle ore subito dopo la finale dei Mondiali, cosicché il giorno dopo la finale tutto il mondo anziché parlare dei vincitori parlerà invece di lui?”. Ecco. Guarda caso Cristiano Ronaldo sarà presentato proprio il lunedì dopo la finale di Coppa del Mondo…
E allora bisogna ringraziare la Juve, perché ha riportato motivo di interesse verso l’Italia durante questo Mondiale in cui siamo stati presenti solo in quella decina di quotidiane domande stile: “Ma come mai non c’è l’Italia ai Mondiali?”. Roba da fare perdere la pazienza anche a un bonzo.
La Juventus ha invertito la leva dell’inerzia del calcio italiano, quella che proprio lei aveva tirato dall’altra parte 17 anni fa.
Fino al 2001 eravamo noi i signori e padroni incontrastati dei desideri dei calciatori, e dunque anche dei tifosi. Una tendenza che fu invertita nel 2001 quando Zidane lasciò la Juventus per il Real Madrid.
Lì cambiò tutto, da lì non fummo più i primi, lì cominciammo a non essere più la priorità per i migliori giocatori al mondo.
Seguirono poi Ronaldo dall’Inter al Real Madrid, la partenza di Crespo, quella di Shevchenko, e poi i campioni non partivano nemmeno più perché semplicemente arrivavano direttamente da un’altra parte.
Adesso cambia tutto. Dopo 17 anni, una squadra italiana si è presa il giocatore più rappresentativo della squadra più forte del mondo. Un acquisto paragonabile per la Serie A solo ad altri 3 del passato: Rummenigge all’Inter, Maradona al Napoli, Ronaldo all’Inter (non includiamo Zico all’Udinese perché fu forse il più sorprendente ma anche il più estemporaneo nella mancanza relativa di contendenti).
Ma Rummenigge arrivò all’Inter forte di due Palloni d’Oro, ma non essendo più il più forte. Maradona era il più ambito quando arrivò al Napoli, per il potenziale, ma non il più forte, quello in quel momento era Platini che aveva appena vinto il secondo dei suoi tre Palloni d’Oro consecutivi, dopo aver squassato l’Europeo conducendo la Francia con 9 gol in 5 partite.
Ecco, l’unico paragonabile è Ronaldo all’Inter: come Cristiano Ronaldo, il più forte e il più ambito. Certo, quello aveva tutta la vita davanti, mentre Cristiano - nonostante la sua fame atavica - sembra avere a disposizione ad alto livello ancora dai 2 ai 4 anni. Però ecco, sicuramente i due più grandi acquisti della storia in Serie A sono stati questi due, Ronaldo e Cristiano Ronaldo, e dunque è incredibile che stia accadendo.
Si obietterà: la Juventus e la Serie A corrono sue due binari diversi e paralleli, vedi degli juventini le vittorie consecutive, le finali europee, il budget abnorme.
Ma non è esattamente così: vero, ci sono colpi che solo la Juve si può permettere adesso (chissà, forse il prossimo anno ci proverà anche l’Inter) ma questo rimette la Serie A come destinazione possibile per i più forti. Se un campionato è stato scelto dal Cristiano Ronaldo nella sua condizione di più forte al mondo, allora possono sceglierlo anche altri, per giocare con lui o contro di lui.
Da Cristiano Ronaldo alla Juve hanno tutti da guadagnarci. Si alza il livello di scontro, si alza l’attenzione, si alza la passione, si alza l’interesse.
Badate bene: oggi la Francia, che fa registrare i picchi di qualità più alta al Mondiale, ha battuto il Belgio, che prima di questa semifinale ha fatto registrare il livello medio di gioco migliore di questo Mondiale, al termine di una partita godibile, magari dove è mancato un po’ di pathos e dramma, ma davvero valevole calcisticamente.
E con tutto ciò, dappertutto, a partire da questa astronave aliena di San Pietroburgo, passando per i normali tifosi russi che mi fermavano per strada mentre annunciavo in diretta su beIN Sports l’ufficialità di Cristiano Ronaldo alla Juventus, dappertutto si parlava solo di Cristiano, e dietro di lui di Juventus e Serie A.
Questo è un tesoro da non disperdere paragonabile ai 360 milioni di € spesi dalla Juventus per CR7…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il Milan tra Rodrigo Caio e Ibrahimovic. De Ligt primo nome per la difesa della Juventus. La Roma vuole blindare Manolas, che piace anche a Real e Barcellona. Napoli si continua a lavorare ai rinnovi di Zielinski e Hysaj 17.11 - Un mese e mezzo e si parte, anzi il mercato è già partito. E allora andiamo dritti all’obiettivo. In casa Milan è scattato l’allarme rosso. Gli infortuni di Musacchio e Caldara in difesa e di Biglia e Bonaventura a centrocampo hanno creato una situazione difficile. Insomma ci sono...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy