HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

La lezione a Di Francesco: peccato di superbia o di sottovalutazione degli avversari? Che cosa succede alla panchina dell'Italia: la spilorceria dell'Arsenal che può portare Ancelotti a sorpassare MancinI

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
25.04.2018 07:23 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 26434 volte

Certo, adesso è facile, anche troppo, rimproverare a Di Francesco tutto quello che è evidente dopo il tracollo di Anfield. E sembra molto ovvio ricordare che il Liverpool non è il Barcellona e che quindi non ha senso affrontarlo nella stessa maniera: quelli giocano orizzontale e guizzi, questi invece sono un martello continuo, disordinato dietro ma letale avanti.
Però troppo facile dirlo ora. Ieri nessuno aveva avvertito Di Francesco di un pericolo simile. E allora fare la critica impietosa del giorno dopo non è molto corretto - anche se lo fa tutto il giornalismo in coro…
Però di qualcosa si può rimproverare giustamente Di Francesco, e cioè di non aver compreso in corso d'opera il suo errore, e quello sì è un peccato capitale.
Perché dopo 20 minuti era chiaro che Under fosse un uomo regalato, era ovvio che giocare in 1 contro 1 contro la linea d'attacco del Liverpool fosse un suicidio - visto che l'aiuto dei terzini era molto relativo - era lampante come il centrocampo fosse stato immediatamente smantellato e che quindi servisse che Nainggolan retrocedesse di una ventina di metri ad aiutare ad alzare un muro.
Ma non solo Di Francesco non ha preso le misure necessarie dopo che la partita era stata una verità sbattuta in faccia, ma si era persino illuso che un solo cambio di uomini, e non di disposizione, fosse sufficiente a recuperare: all'inizio del Secondo Tempo, con semplicemente Schick al posto di Under, provando a recuperare lo 0-2 ma senza essere supportato dalla prestazione, e anzi illudendosi con lo 0-2, non realizzando invece che il doppio vantaggio andasse molto stretto al Liverpool.
Ed è lì che maturato il suicidio romanista: si può anche non rimproverare Di Francesco per il crollo psicologico, del resto non tutto è possibile di fronte a una disfatta, ma capire cosa poteva essere corretto era obbligatorio, e addirittura lampante a un certo punto. Forse il mister ha peccato di superbia, pensando che se la sua idea era andata bene con il Barcellona allora comunque sarebbe potuta andare bene anche contro il Liverpool - e questo nonostante la realtà avesse già dimostrato il contrario.
O forse ha peccato di sottovalutazione degli avversari, facendosi accecare da quanto era stata bella Roma con il Barcellona e pensando dunque che non ci fosse bisogno di adattarsi al Liverpool, dimenticando però che contro il Barcellona sì che la Roma si adattò in corso d'opera.
45 minuti di lezione non sono serviti: speriamo che questi 90 servano almeno per il futuro.
Il futuro in Europa il prossimo anno, più che quello tra 7 giorni: perché i miracoli accadono solo una volta (e quella volta la Roma aveva la fiducia data dalla prestazione positiva al Camp Nou).
E' stata una tempesta quasi perfetta quella che si è abbattuta sulla Roma: nell'ultimo fotogramma del film si è vista affiorare una mano romanista, e adesso nel sequel scopriremo se fosse la mano di un morto o di un sopravvissuto.

Nel frattempo accade di tutto per la panchina dell'Italia. Se avremo Ancelotti ct, ci sarà da ringraziare l'Arsenal: perché Carletto e il club londinese avevano raggiunto un accordo di massima, ma l'Arsenal non vuole pagare lo stipendio a 8 cifre del mister, simile a quello percepito da Wenger. Una diminutio rispetto al suo salario al Bayern, al Real Madrid, e al PSG, che Ancelotti non può e non vuole accettare, e giustamente.
La spilorceria dell'Arsenal ha spinto Ancelotti oltre Mancini, voluto da Malagò ma non eccessivamente apprezzato da Costacurta. Ma lo status di Ancelotti convince molto facilmente anche il presidente del Coni.
Rimane uno scoglio però, una cosuccia da niente: Ancelotti per accettare dovrebbe dimezzarsi lo stipendio. Certo, l'Italia non è l'Arsenal, e per la patria un sacrificio si può accettare. Però i 5 milioni di € di sconto dovrà farli lui, non noi, quindi ci sta che la cosa gli possa far cambiare idea…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Serie A in Cina? Vogliamo rasentare il ridicolo. Lecce, 7 bellezze. Catania, che flop. Tesser, un mago per tutti 25.03 - Solo al pensiero mi viene da prendere una tachipirina mille perché mi sale la febbre all'improvviso. Gravina dice: "La serie A in Cina? Per no". Miccichè della Lega Calcio lo segue. Facciamo una cosa: per ora... e mai la serie A non si tocca. Anche perché se vai in Cina devi portare...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

2024, l'anno della svolta: le coppe si sostituiranno ai campionati e viceversa. Agnelli e l'ECA a capo di un progetto che rivoluzionerà il calcio per sempre 24.03 - European Club Association. E' il nome dell'associazione che sta lavorando per cambiare per sempre il mondo per calcio. Forse non tutti ci hanno fatto caso, ma questa settimana tanti top club europei (alcuni anche italiani come Napoli e Milan) hanno fatto sapere tramite i loro profili...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, Politano sarà riscattato, c’è anche l’idea Bergwjin. Roma, per la panchina il favorito è Sarri. Senza Champions Under e Manolas potrebbero partire. Napoli, riflettori accesi su Lazzari, ma piace anche Lazaro dell’Hertha Berlino 23.03 - La sosta ci riporta inevitabilmente a parlare di mercato. Le grandi manovre stanno cominciando. L’Inter ha in mente di fare molte operazioni. È chiaro che tanto dipenderà anche dalle uscite. In attacco Politano verrà sicuramente riscattato dal Sassuolo. Perisic potrebbe invece partire....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve prova il grande colpo: Salah in cambio di Dybala. Paratici ha in mano Chiesa e Zaniolo. Una cena col romanista. Marotta punta Andrè Gomes. Icardi accordo per l’addio. Veretout al Napoli 22.03 - In Inghilterra svelano una nuova, clamorosa pista del mercato della Juventus: i bianconeri hanno offerto Dybala al Liverpool per avere Salah. L’indiscrezione è forte, ma anche consistente e ci conferma che l’estate prossima la Juventus farà grandi cose, soprattutto ha in cantiere...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510