HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

La lezione a Di Francesco: peccato di superbia o di sottovalutazione degli avversari? Che cosa succede alla panchina dell'Italia: la spilorceria dell'Arsenal che può portare Ancelotti a sorpassare MancinI

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
25.04.2018 07:23 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 26244 volte

Certo, adesso è facile, anche troppo, rimproverare a Di Francesco tutto quello che è evidente dopo il tracollo di Anfield. E sembra molto ovvio ricordare che il Liverpool non è il Barcellona e che quindi non ha senso affrontarlo nella stessa maniera: quelli giocano orizzontale e guizzi, questi invece sono un martello continuo, disordinato dietro ma letale avanti.
Però troppo facile dirlo ora. Ieri nessuno aveva avvertito Di Francesco di un pericolo simile. E allora fare la critica impietosa del giorno dopo non è molto corretto - anche se lo fa tutto il giornalismo in coro…
Però di qualcosa si può rimproverare giustamente Di Francesco, e cioè di non aver compreso in corso d'opera il suo errore, e quello sì è un peccato capitale.
Perché dopo 20 minuti era chiaro che Under fosse un uomo regalato, era ovvio che giocare in 1 contro 1 contro la linea d'attacco del Liverpool fosse un suicidio - visto che l'aiuto dei terzini era molto relativo - era lampante come il centrocampo fosse stato immediatamente smantellato e che quindi servisse che Nainggolan retrocedesse di una ventina di metri ad aiutare ad alzare un muro.
Ma non solo Di Francesco non ha preso le misure necessarie dopo che la partita era stata una verità sbattuta in faccia, ma si era persino illuso che un solo cambio di uomini, e non di disposizione, fosse sufficiente a recuperare: all'inizio del Secondo Tempo, con semplicemente Schick al posto di Under, provando a recuperare lo 0-2 ma senza essere supportato dalla prestazione, e anzi illudendosi con lo 0-2, non realizzando invece che il doppio vantaggio andasse molto stretto al Liverpool.
Ed è lì che maturato il suicidio romanista: si può anche non rimproverare Di Francesco per il crollo psicologico, del resto non tutto è possibile di fronte a una disfatta, ma capire cosa poteva essere corretto era obbligatorio, e addirittura lampante a un certo punto. Forse il mister ha peccato di superbia, pensando che se la sua idea era andata bene con il Barcellona allora comunque sarebbe potuta andare bene anche contro il Liverpool - e questo nonostante la realtà avesse già dimostrato il contrario.
O forse ha peccato di sottovalutazione degli avversari, facendosi accecare da quanto era stata bella Roma con il Barcellona e pensando dunque che non ci fosse bisogno di adattarsi al Liverpool, dimenticando però che contro il Barcellona sì che la Roma si adattò in corso d'opera.
45 minuti di lezione non sono serviti: speriamo che questi 90 servano almeno per il futuro.
Il futuro in Europa il prossimo anno, più che quello tra 7 giorni: perché i miracoli accadono solo una volta (e quella volta la Roma aveva la fiducia data dalla prestazione positiva al Camp Nou).
E' stata una tempesta quasi perfetta quella che si è abbattuta sulla Roma: nell'ultimo fotogramma del film si è vista affiorare una mano romanista, e adesso nel sequel scopriremo se fosse la mano di un morto o di un sopravvissuto.

Nel frattempo accade di tutto per la panchina dell'Italia. Se avremo Ancelotti ct, ci sarà da ringraziare l'Arsenal: perché Carletto e il club londinese avevano raggiunto un accordo di massima, ma l'Arsenal non vuole pagare lo stipendio a 8 cifre del mister, simile a quello percepito da Wenger. Una diminutio rispetto al suo salario al Bayern, al Real Madrid, e al PSG, che Ancelotti non può e non vuole accettare, e giustamente.
La spilorceria dell'Arsenal ha spinto Ancelotti oltre Mancini, voluto da Malagò ma non eccessivamente apprezzato da Costacurta. Ma lo status di Ancelotti convince molto facilmente anche il presidente del Coni.
Rimane uno scoglio però, una cosuccia da niente: Ancelotti per accettare dovrebbe dimezzarsi lo stipendio. Certo, l'Italia non è l'Arsenal, e per la patria un sacrificio si può accettare. Però i 5 milioni di € di sconto dovrà farli lui, non noi, quindi ci sta che la cosa gli possa far cambiare idea…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Chi deciderà all'Inter? Spalletti rischia e non poco. Il Milan viene colpito dall'UEFA, ma non affondato. Settimana nera in Europa, ma nulla è perduto 16.12 - Il tentativo è stato quello di introdurlo con tranquillità, come una figura che mancava in una già nutrita dirigenza. Ma l'arrivo di Giuseppe Marotta rivoluziona le decisioni all'Inter, per forza di cose. Niente scossoni, nessun addio brusco, ma lo stop dei rinnovi contrattuali e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Quagliarella ipotesi concreta, a centrocampo possibile nome a sorpresa. Juventus, Pogba pista forte per giugno ma attenzione anche a Rabiot se non rinnova con il Psg. Di Francesco, decisiva la sfida con il Genoa 15.12 - Ibra non arriverà e il Milan sta già lavorando su altri fronti. Anche perché il mercato è alle porte e il tempo comincia a stringere. Fabio Quagliarella ad ora è un’ipotesi concreta. Per l’attaccante c’è un discorso aperto con la Samp per il rinnovo di un anno ma la strada è ancora...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->