HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

La lezione a Di Francesco: peccato di superbia o di sottovalutazione degli avversari? Che cosa succede alla panchina dell'Italia: la spilorceria dell'Arsenal che può portare Ancelotti a sorpassare MancinI

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
25.04.2018 07:23 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 26164 volte

Certo, adesso è facile, anche troppo, rimproverare a Di Francesco tutto quello che è evidente dopo il tracollo di Anfield. E sembra molto ovvio ricordare che il Liverpool non è il Barcellona e che quindi non ha senso affrontarlo nella stessa maniera: quelli giocano orizzontale e guizzi, questi invece sono un martello continuo, disordinato dietro ma letale avanti.
Però troppo facile dirlo ora. Ieri nessuno aveva avvertito Di Francesco di un pericolo simile. E allora fare la critica impietosa del giorno dopo non è molto corretto - anche se lo fa tutto il giornalismo in coro…
Però di qualcosa si può rimproverare giustamente Di Francesco, e cioè di non aver compreso in corso d'opera il suo errore, e quello sì è un peccato capitale.
Perché dopo 20 minuti era chiaro che Under fosse un uomo regalato, era ovvio che giocare in 1 contro 1 contro la linea d'attacco del Liverpool fosse un suicidio - visto che l'aiuto dei terzini era molto relativo - era lampante come il centrocampo fosse stato immediatamente smantellato e che quindi servisse che Nainggolan retrocedesse di una ventina di metri ad aiutare ad alzare un muro.
Ma non solo Di Francesco non ha preso le misure necessarie dopo che la partita era stata una verità sbattuta in faccia, ma si era persino illuso che un solo cambio di uomini, e non di disposizione, fosse sufficiente a recuperare: all'inizio del Secondo Tempo, con semplicemente Schick al posto di Under, provando a recuperare lo 0-2 ma senza essere supportato dalla prestazione, e anzi illudendosi con lo 0-2, non realizzando invece che il doppio vantaggio andasse molto stretto al Liverpool.
Ed è lì che maturato il suicidio romanista: si può anche non rimproverare Di Francesco per il crollo psicologico, del resto non tutto è possibile di fronte a una disfatta, ma capire cosa poteva essere corretto era obbligatorio, e addirittura lampante a un certo punto. Forse il mister ha peccato di superbia, pensando che se la sua idea era andata bene con il Barcellona allora comunque sarebbe potuta andare bene anche contro il Liverpool - e questo nonostante la realtà avesse già dimostrato il contrario.
O forse ha peccato di sottovalutazione degli avversari, facendosi accecare da quanto era stata bella Roma con il Barcellona e pensando dunque che non ci fosse bisogno di adattarsi al Liverpool, dimenticando però che contro il Barcellona sì che la Roma si adattò in corso d'opera.
45 minuti di lezione non sono serviti: speriamo che questi 90 servano almeno per il futuro.
Il futuro in Europa il prossimo anno, più che quello tra 7 giorni: perché i miracoli accadono solo una volta (e quella volta la Roma aveva la fiducia data dalla prestazione positiva al Camp Nou).
E' stata una tempesta quasi perfetta quella che si è abbattuta sulla Roma: nell'ultimo fotogramma del film si è vista affiorare una mano romanista, e adesso nel sequel scopriremo se fosse la mano di un morto o di un sopravvissuto.

Nel frattempo accade di tutto per la panchina dell'Italia. Se avremo Ancelotti ct, ci sarà da ringraziare l'Arsenal: perché Carletto e il club londinese avevano raggiunto un accordo di massima, ma l'Arsenal non vuole pagare lo stipendio a 8 cifre del mister, simile a quello percepito da Wenger. Una diminutio rispetto al suo salario al Bayern, al Real Madrid, e al PSG, che Ancelotti non può e non vuole accettare, e giustamente.
La spilorceria dell'Arsenal ha spinto Ancelotti oltre Mancini, voluto da Malagò ma non eccessivamente apprezzato da Costacurta. Ma lo status di Ancelotti convince molto facilmente anche il presidente del Coni.
Rimane uno scoglio però, una cosuccia da niente: Ancelotti per accettare dovrebbe dimezzarsi lo stipendio. Certo, l'Italia non è l'Arsenal, e per la patria un sacrificio si può accettare. Però i 5 milioni di € di sconto dovrà farli lui, non noi, quindi ci sta che la cosa gli possa far cambiare idea…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Esclusivo: Balotelli festeggia la convocazione in Nazionale regalandosi il Marsiglia, è quasi fatta. Nel frattempo, ecco perché la scelta di Mancini è la migliore possibile 16.05 - Mario Balotelli tornerà lunedì prossimo in Nazionale, e festeggia la convocazione dopo 4 anni regalandosi la nuova squadra: l'Olympique Marsiglia. E' quasi tutto fatto tra i francesi e Mario. L'accordo di massima c'è, si vuole però ancora aspettare su sponda Balotelli perché Raiola...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: un colpo a centrocampo, il futuro di Dybala e le polemiche sullo scudetto. Inter: dalla Champions passano i riscatti… ma non Icardi. Milan: Donnarumma e altri “autogol”. Napoli: Ancelotti sì o no? Italia: benvenuto Mancio, ma… 15.05 - L’Italia della politica cerca un modo per uscire dalla fase di stallo. Ci prova da mesi. Cercano un’intesa ma non la trovano. Ce la mettono tutta. E intanto l’Italia va avanti. Anche senza di loro. Ci si pone delle domande: “Ma non sarà che si può fare anche senza?”. Loro temono che...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve Campione nel deserto d'Italia. Spalletti, cosa combini? Derby milanese per Mulattieri. Follia a Perugia. Seconde squadre? Sì ma senza promozioni 14.05 - Ha vinto la Juventus. Qual è la novità? In Italia c'è il deserto e dobbiamo solo ringraziare il Napoli se, a Torino, hanno festeggiato a maggio e non a marzo. Ormai è diventato un problema di mese. Sinceramente una roba triste. La storia dice che, in Italia, lo scudetto va alla Juventus...

EditorialeDI: Marco Conterio

Emre Can e il mercato dei colpi di scena della Juventus. Milan, altra rivoluzione in vista e occhio ai tanti cambi in panchina in Serie A. Seconde squadre: a chi servono? 13.05 - Emre Can sarà un giocatore della Juventus. Che ha deciso, per la prima volta, di optare per una clausola rescissoria nel contratto di un giocatore, pur di farlo sbarcare a Torino. Quello dei Campioni d'Italia, al quarto meritato poker consecutivo e al settimo Scudetto di fila, è certo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, ora Allegri è più vicino a rimanere. Conte al Napoli difficile. Talisca e Coric per la Roma 12.05 - La tentazione Arsenal c’è sempre, l’idea di rilanciare un club ambizioso come quello inglese non è tramontata in maniera definitiva, ma la novità ora è che Allegri potrebbe restare in bianconero almeno un altro anno. E questa è la conferma che nel mercato gli scenari cambiano in fretta....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy