VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

La lezione del Costa Rica e lo spirito dellaColombia. All'Italia serve una rivoluzione

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
29.06.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 27776 volte
© foto di Federico De Luca

Non esserci più è quasi una consolazione. L'Uruguay ci ha allontanato - prima di seguirci - da un Mondiale che avevamo conquistato con valori lontani da quelli che di ora in ora vediamo in campo. Valori non tecnici o tattici coi quali siamo abituati a competere. Valori umani smarriti lungo il cammino dell'illusione. La prima lezione - diretta - ce l'ha data il Costarica: combattenti di razza, loro, noi soldatelli viziati che ci siamo dati la coperta di Balotelli per sentirci più sicuri eppoi l'abbiamo scaricato quando ci siamo accorti che il più spaventato era lui. Questo mondiale sta offrendo squarci di eroismo pedatorio e se Prandelli - certo in buonafede - se ne usci dicendo "partita epica" dopo la vittoria sull'Inghilterra, Brasile-Cile e Colombia-Uruguay dovremmo infilarli nei libri di storia di questo sport che ha colto pienamente il messaggio del tempo: per giocare ad alti livelli, oggi, occorrono muscoli e menti salde, resistenza fisica e cuori forti; e anche una forte dose di patriottismo, quello che il nostro Ct chiese agli italiani spettatori e avrebbe dovuto invece pretendere dai suoi immaginari guerrieri, resi di scorza tenera dalla dolce vita del calcio business ormai imperante in Italia. Colombia-Uruguay pareva una derby nostrano, tanti erano i calciatori militanti o ex del nostro campionato, molli e narcisi a casa nostra, combattenti di razza appena indossano la maglia nazionale che per loro è come una bandiera, mentre la nostra sembra una camicia di Nesso. I cileni sono fratelli di quei minatori scampati a una tragedia perché hanno saputo coraggiosamente sfidare la morte; i colombiani danno vita insieme a un'esibizione di classe e di forza: Cuadrado e Zuniga, tanto per dire, ci hanno mostrato virtù a dir poco inedite, e Cavani - prendo lui per tutti gli uruguagi - ha potuto sbatterci in faccia una scomoda verità: "Abbiamo perso, ma a fine partita ci siamo guardati in faccia senza vergogna, orgogliosi di aver dato tutto quello che avevamo". E alla faccia degli appassionati di bassa macelleria ha aggiunto, senza paura: "Suarez ha sbagliato, ha avuto una punizione troppo pesante ma ha sbagliato". Le ultime parole degli azzurri - che spero di non sentire mai più, così come mai le avevo sentite prima - sono state quelle di Buffon e De Rossi, un'invettiva biliosa contro i Giovanotti e le Figurine; non solo Balotelli, col quale potevano chiudere i conti come facevano, nello spogliatoio dell'Inter, Ibra e Materazzi, mollando sergozzoni: ce l'avevano - tanto per dire - anche contro Darmian e Verratti, i migliori di questa povera Nazionale scoglionata. Bell'esempio, dai Veterani: non potremo certo ricostruire quest'Italietta spaventata partendo da loro, combattenti di scarso spessore personale - non tecnico - sconfitti da ragazzi con un cuore grande così. Gente che ha fatto fuori in un amen l'adorato Ct. Sarà difficile trovare chi possa riproporci i ritratti del coraggio raccolti nel museo delle glorie tradite: uno Zoff, un Rossi, un Tardelli, un Conti, un Cannavaro, un Gattuso e un Materazzi - e dico dei più generosi, per il 2006, non dei più bravi - ci hanno fatto vincere due Mondiali; e tuttavia sarà questa la ricerca da fare, partendo proprio dal piccolo Verratti che s'è infilato fortunosamente nella spedizione azzurra, e da Pepito Rossi, la cui pena fisica era stata sconfitta da un cuore grande. Mi torna in mente il Totò di "Siamo uomini o caporali"; o l'Albertone di "Tutti a casa": le partite di calcio perdute somigliano, soprattutto all'ora dei conti, alle guerre perdute: spesso protagonista è la vigliaccheria, qui limitiamoci a parlare di paura; spesso a pagare il conto sono i soldati, i generali se la cavano. Dobbiamo invertire la rotta, e non bastano i pannicelli caldi. Ci vuole una rivoluzione: come nel'66, dopo la Corea, o nel '74, dopo la Polonia. Allora ci pensarono il mite Valcareggi e il Dottor Bernardini, ma con loro c'era Artemio Franchi. Datemi un dirigente capace - vien da dire - e vi solleverò il mondo. No, quelli che abbiamo sott'occhio non disturbateli: stanno contando i soldi. Sta a vedere che ci toccherà aspettare un Uomo della Provvidenza.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Raiola, Casa Milan non è più casa tua! Pisa in cerca di gloria su Gattuso. Inter show: Suning prepara il bottino. Cittadella-Marchetti: vi avevamo detto tutto... 29.05 - Neanche una riga su Totti? Sarebbe la ripetizione delle ripetizioni di quanto hanno già scritto tutti. Totti e il suo addio è da libro cuore, nell'era dei social viene tutto ingigantito e siamo sicuri che, se non siamo romani e romanisti, non possiamo capire fino in fondo cosa provano...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.