HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
L'Italia di Mancini può vincere l'Europeo?
  Sì: ha dimostrato di essere all'altezza delle migliori
  Sì ma solo con un sorteggio favorevole
  Serve un miracolo, è ancora presto
  No: il girone era facile e il vero valore è sempre lo stesso

La Giovane Italia
Editoriale

La lezione di Barcellona, (antipasto prima della Juve) e il rammarico del Napoli: le prestazioni non valgono allo stesso modo

03.10.2019 06:35 di Luca Marchetti   articolo letto 31041 volte
© foto di Federico De Luca

Solo la Juve fa risultato pieno con una prestazione convincente in questa due giorni di Champions, ma la prestazione dell’Inter a Barcellona deve essere valutata al di là del risultato. Perché è vero che nel finale è calato il ritmo, e che nel secondo tempo i blaugrana hanno registrato le cose che non andavano nei primi 45 minuti e hanno sfoderato alcune giocate degne della loro fama. Il primo gol di Suarez è una prodezza, così come la giocata per il raddoppio e il definitivo sorpasso. Ma l’Inter ha giocato con consapevolezza e a tratti con autorità. Il primo tempo avrebbe meritato anche di essere in doppio vantaggio, ma come diciamo spesso la Champions i particolari fanno la differenza. I fuoriclasse fanno la differenza, ma la prestazione c’è stata, eccome. E’ vero che a Conte i complimenti (dopo una sconfitta così) non piacciono poi così tanto. Ed è vero che l’Inter avrebbe dovuto capitalizzare meglio, ma la partita di Barcellona è sicuramente un eccellente biglietto da visita sul lavoro che ha impostato Conte. Nel gioco e nella mentalità. Ed è un altro piccolo-grande step per la consapevolezza di essere sulla strada giusta, al di là dell’amarezza della serata. E alle porte c’è proprio Inter Juventus, la sfida fra le italiane, in questo momento più in forma. Nel giro di 4 giorni l’Inter ha i due grandi esami di maturità. E il primo non è andato bene solo per il risultato. Che è importante nel calcio, ci mancherebbe. Ma in questo momento, per avere la solidità di un progetto che sta nascendo, è altrettanto importante la prestazione.
La Juve ha dimostrato – allo stesso tempo – di aver cominciato ad acquisire la filosofia di Sarri. La prestazione autorevole contro il Bayer ha riconsegnato al campionato italiano una squadra sicura di sé e di grande qualità. Ecco perché l’attesa per Inter Juve ora è ancora più grande. Ed ecco perché – comunque vada – sarà un bello spettacolo.
Chi dovrà dare invece risposte più solide – in termini di risultati – in campionato è invece il Napoli: in questo caso la prestazione non basta. Perché il percorso iniziato da Ancelotti ha radici più profonde e ha già dimostrato di essere un progetto interessante. Il Napoli si è fermato sotto porta: tre legni, grandi occasioni da gol mancate, salvataggi sulla linea. Ma non è bastato a piegare il Genk. L’ultimo gradino che dovrà scalare il Napoli è proprio quello di essere più cinici. Intanto (come è successo alla Juve in queste ultime due partite) la fase difensiva ha sicuramente registrato dei passi in avanti. Ma in attacco (e la rotazione non c’entra nulla) bisogna essere più incisivi. Altrimenti si rischiano di perdere punti troppo importanti, sia in campionato che in Champions. E – tornando al turnover – non può essere sicuramente la causa della mancata vittoria del Napoli, la volontà di Ancelotti di cambiare gli interpreti delle partite. Perché la partita il Napoli l’ha fatta. L’unico neo, da questo punto di vista, potrebbe essere soltanto la tribuna di Insigne, che immaginiamo non l’abbia presa benissimo, nonostante le rassicurazioni di Giuntoli nel prepartita. Ed è anche normale che sia così: i grandi giocatori le vorrebbero giocare tutte, si arrabbiano quando vanno in panchina o vengono sostituiti, figuriamoci se le scelte impongono la tribuna. Ma a Napoli alle rotazioni dovranno abituarsi: per primi i giocatori. Importante è però che non ci siano scorie…
Stasera toccherà a Lazio e Roma chiudere la tre giorni europea. La Lazio è “costretta” a vincere: più per sé stessa che per l’Europa. La Roma proverà a sperimentare come si gioca senza Dzeko (autentico totem in questo avvio di campionato) e senza Lorenzo Pellegrini che sarà assente per un paio di mesi. Non sarà scontato sostituirlo, in questo periodo, visto che il trequartista giallorosso è stato decisivo praticamente in tutte le partite della Roma, allo stesso modo del bosniaco.
La giornata di oggi ci ha regalato anche una splendida storia: quella di Gagliolo, convocato dalla nazionale svedese. Dai dilettanti a una nazionale, passando per due campionati di serie B vinti sul campo, con la capacità di mettersi sempre in discussione e a disposizione. Non è la prima volta che succede una cosa del genere: Margiotta ha giocato con il Venezuela, Max Vieri con l’Australia, Lapadula era stato cercato dal Perù, Acquafresca dalla Polonia, Pepito Rossi dagli Usa. Ma è comunque una rarità e soprattutto una grande soddisfazione per lui!
L’ultima considerazione su Giorgio Squinzi, scomparso poche ore fa dopo una lunga malattia. Dopo aver vinto tutto nel ciclismo, ha costruito un gioiello a Sassuolo. Prendendolo nel 2002, praticamente retrocesso nei dilettanti dalla C2 (dopo aver perso un playout, ma poi ripescato), portandolo dopo 10 anni in serie A e non interrompendo mai la sua salita. Ha continuato a far crescere questo piccolo paesino che ha imposto nel calcio dei grandi fino a farlo esordire in Europa League. Ha dato, nel corso degli anni, tre giocatori alla Nazionale Italiana, ha lanciato allenatori importanti come Di Francesco e Allegri. E’ stato uno dei primi ad avere uno stadio di proprietà, aveva appena inaugurato un centro sportivo all’avanguardia e non è mai retrocesso nei suoi 17 anni di “presidenza”. Ha dimostrato al mondo del calcio che con una grande organizzazione, con una visione chiara, con dei dirigenti capaci, sapendo scegliere gli uomini (di campo e non) si può fare impresa anche nel calcio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: l'ipotesi Rakitic e un numero che spaventa. Milan: Ibra, Piatek, Paquetà e le mosse del Diavolo. Inter: il caso-Gabigol. Italia: Mancini "oltre" i risultati 19.11 - Siccome siamo in drammatico regime di pausa per le nazionali e non abbiamo veramente nulla da dire (apprezzate la grande onestà intellettuale: nulla-da-dire) facciamo una cosa facile-facile: scorriamo i principali siti pallonari e commentiamo quel che c’è. Sì, è vero, non si fa, ma...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Bravo De Laurentiis, adesso vai fino in fondo. Aspettando De Ligt e Rabiot... ad oggi i conti non tornano. Boga, la prossima plusvalenza del Sassuolo. Serie C a picco: ora tocca al Rieti 18.11 - Il 5% della multa, il collegio sindacale, il sogno di decurtare il 50% dall'ultima mensilità e trovare qualche cavillo sui diritti di immagine. Signori, tanto di cappello davanti ad Aurelio De Laurentiis. Proprio la scorsa settimana avevamo invitato il numero 1 del Napoli a prendere...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'insensata ossessione per la convocazione azzurra di Mario Balotelli e le ragioni di Mancini. Intanto il ct ha praticamente già scelto la rosa per l'Europeo 17.11 - La domanda sgorga quasi spontanea, per abitudine e per sensazionalismo. "Balotelli?". Roberto Mancini che ha tanto pelo sullo stomaco quanto ciuffo, è ben abituato e preparato. Risponde che in questa Italia non c'è posto per Mario, quello che è la storia esatta di mille però, di altrettanti...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Ibra, in Italia Milan o Bologna. Maldini e Boban a caccia di rinforzi: Demiral in difesa, Xhaka o Strootman a centrocampo. L’Inter ripensa a De Paul ma servono 30 milioni. Florenzi, il futuro tra un mese 16.11 - Sosta uguale punto di mercato inevitabile. I preparativi sono iniziati. Comincio da Ibrahimovic. Il campione svedese non ha fretta di decidere, sceglierà il suo futuro solo poco prima di Natale. La situazione al momento è questa. Il Bologna in Italia è l’unico club che sta trattando...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo fa il Fenomeno e risponde a Sarri con una tripletta. Ma non stava male? Ibra al Milan con Raiola che piazza Suso e Donnarumma. Napoli, ecco perché Adl può vendere allo sceicco Al Thani 15.11 - Della serie alzati e cammina, Cristiano Ronaldo ieri sera in nazionale ha segnato una tripletta alla Lituania. Abbiamo il forte sospetto che andando in Portogallo abbia allungato un po’ il viaggio passando da Lourdes, altrimenti fatichiamo a capire cosa possa essere successo da domenica...

Editoriale DI: Luca Marchetti

È tempo di riflessioni, per mercato invernale e futuro in generale... all’insegna del prestito? 14.11 - Durante la pausa della Nazionale è sempre tempo di riflessioni in ogni società, per cercare di programmare al meglio il mercato invernale e per cercadi risolvere i problemi. Chi ne ha - al momento - più di tutti è il Napoli che deve cercare di sbrogliauna matassa piuttosto complicata....

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo è più grande della Juventus, e la Juve lo ha accettato. Ok il marketing, ma è venuto per la Champions League: per vincerla si perdona di tutto. Sarri-Allegri: dopo 3 mesi cosa è cambiato? 13.11 - Non è la prima volta che succede, e non è certo la fine del mondo del calcio, né tantomeno del mondo juventino, né tantomeno del mondo cristianoronaldiano. Un giocatore, stellare e acclamato, che esce in disaccordo per una decisione, e tira dritto per gli spogliatoi, incazzato per...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ronaldo e gli effetti collaterali generati da un giocatore diverso dagli altri. Inter: la "pace" di Conte e i 2 colpi sul mercato. Milan: senza attacco non si va lontano, serve "quel" nome. E... bentornato Andrea 12.11 - Ben trovati. Sapete molto bene quanto da queste parti apprezziamo le pause per la Nazionale. Moltissimo. Ecco, esatto, in regime di “pausa” viene fuori un po’ di tutto: ci si annoia, saltano fuori le balle di mercato, si esasperano le polemiche e così via. In questo specifico caso...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, multali tutti: da Insigne ad Ancelotti. Inter, fai lo stesso con Conte. Marotta non guardi in faccia a nessuno. Cellino, te la sei cercata. Ibra? Poi mettiamo la scritta “completo” a Milanello 11.11 - La settimana vissuta dal Napoli, molto probabilmente, non la vivono molte squadre dalla serie A alla serie D. Una pessima gestione… di tutto. Una squadra amatoriale, una società senza personalità e dirigenti succubi del Presidente che non riescono a gestire il rapporto tra squadra-staff-proprietà....

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Prima Marotta, poi Barella: ieri l'Inter ha risposto due volte a Conte (che è in una botte di ferro). Ma nel mirino c'era soprattutto il mercato: a gennaio Ausilio dovrà 'alzare i giri del motore' 10.11 - Trentuno punti in dodici partite. Solo cinque lasciati per strada, di cui tre contro la Juventus. Il primo scorcio di Serie A dell'Inter di Antonio Conte si chiude con numeri da squadra che vuole lottare fino alla fine per la conquista dello Scudetto. Vuole provarci, anche a costo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510