HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
15.10.2017 09:45 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 30438 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante.
Tutto si svolge tramite il medium dei social, che hanno grossomodo innescato questo processo: io posto tutto ciò che può generare ammirazione, consensi e/o invidia, tu sei automaticamente portato a vedere e sapere tutto della mia vita virtuale e quindi a conoscere apparentemente tutto di me. E viceversa. Salvo poi in alcuni casi nemmeno salutarci se ci si incontra per strada. O farlo, e probabilmente scoprire che non tutti sono novelli Sartre come le frasi pseudo-filosofiche cercate su Google, postate a margine di foto filtrate, costruite o seminude, vogliono far intuire.
Insomma, i social network hanno avuto il potere in pochi anni di cambiare tanto della nostra vita. Si vive sempre più dietro a una tastiera. Si vive sempre di più senza vivere.
Non è un discorso slegato dal calcio e non solo per come ormai giocatori e addetti ai lavori vivono i social network, sempre più esposti e quindi sempre più banali. C'è un sottile filo rosso che collega la tendenza a eliminare il confronto vis-à-vis nel quotidiano al nuovo modo di condurre le trattative in sede di calciomercato. Anche qui, si tratta senza trattare.

Pensate a come nel 2016 la Juventus acquistò Higuain dal Napoli. Poche ore prime De Laurentiis dichiarò il Pipita incedibile, poi da Torino arrivò un fax in cui la Juventus specificava la volontà di pagare la clausola rescissoria da 90 milioni di euro e la situazione cambiò da un momento all'altro. Arrivederci e grazie, senza alcun tavolo o incontro. Fu così poche settimane prima anche per Pjanic ed è stato così questa estate anche per la trattativa più costosa di sempre. Tra Bartomeu e Al-Khelaifi non c'è stata nemmeno una chiamata, è stato lo stesso Neymar a pagare la clausola rescissoria al Barcellona e a trasferirsi al Paris Saint-Germain.
E' un nuovo modo di condurre le trattative e, se ci pensate, va bene a tutti. Non a caso il Napoli dopo l'addio di Higuain ha inserito clausole rescissorie in praticamente tutti i contratti sottoscritti, salvo aggiungere la dicitura 'Valida solo per l'estero'. E quindi evitare nuovi trasferimenti a un club rivale.

E' un modello che abbiamo importato dai portoghesi, precursori nei secoli di tante mode e tendenze ben più importanti di questa. Porto, Benfica e Sporting Lisbona sono stati i primissimi club a fissare il prezzo di vendita già al momento dell'acquisto di un giocatore o del rinnovo, un modus operandi che ha attraversato e conquistato ben presto la Spagna e ha ormai sdoganato la penisola iberica. Conquistando l'Italia a mani basse.
Se ci pensate, le clausole rescissorie sono ormai il vero oggetto del contendere. Di questi tempi in Serie A si discute principalmente di tre rinnovi di contratto, quelli di Manolas, de Vrij e Ghoulam, e in tutti i casi il vero oggetto del contendere non è la cifra dell'ingaggio o la durata dell'accordo, ma a quanto ammonterà la clausola. Perché più di sapere se firmerà fino al 2021 o al 2022 un giocatore (e quindi i club potenzialmente interessati) oggi vuol conoscere a che cifra può andar via a gennaio, la prossima estate o quella dopo. Su suggerimento dei procuratori, i calciatori già apparecchiano la tavola e nel momento decisivo venditore e acquirente non dovranno nemmeno perdere tempo a trattare.
Quest'ultimo passaggio nel caso di Gianluigi Donnarumma s'è già consumato la scorsa estate. Al momento del rinnovo, nessun tifoso del Milan pensò che da quel momento in avanti Gigio sarebbe diventato una bandiera dei rossoneri. S'era solo salvaguardato l'aspetto economico fissando il prezzo di vendita a 70 milioni di euro e apparecchiata la tavola per un trasferimento che Mino Raiola vuole definire il prima possibile. Lui spera già a gennaio, anche se più verosimilmente avverrà la prossima estate. Raiola sul nuovo corso del Milan non ha cambiato idea: non lo convince. E il portiere classe '99, nonostante sia uno dei cinque giocatori più pagati del campionato già a 18 anni, può secondo il suo agente guadagnare molto di più trasferendosi oltralpe. In quel Paris Saint-Germain che non ha certo esaurito i suoi fondi con Neymar e Mbappé e che non ha mai chiuso una trattativa iniziata lo scorso giugno e che dovrebbe concludersi durante o subito dopo il Mondiale. Quando volente o nolente Fassone e Mirabelli dovranno sottostate a ciò che la clausola impone.

La dicitura 'rinnovare il contratto' ha quindi mutato il suo significato: non sancisce più la volontà di legarsi in modo ancor più stringente a un club. Ovviamente, si tratta di un cambiamento di senso ancora in corso e condizionato in modo vincolante ad una condizione: nei mesi successivi il giocatore in questione deve dimostrare di valere quella cifra. Perché non bisogna mai dimenticare che il calciomercato è sempre e comunque conseguenza del calcio giocato e basta invertire la curva del rendimento per trasformare la casa sapientemente architettata e costruita in un castello di sabbia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La lunga storia di Donadoni, le richieste di rettifiche e le conferme. Inter, Spalletti ha cambiato tutto. Politano, non ti avrei dato un euro. De Zerbi show: Sassuolo è leader 05.11 - Vi devo raccontare questa storia, anche se sono certo vi annoierà. E' talmente banale che l'hanno ingigantita perché, forse, colti nel segno. Avete mai visto un Direttore andare a cena con un allenatore e un procuratore? Qualche volta è successo. Prima puntata: il Milan perde il derby...

Editoriale DI: Andrea Losapio

La Superlega, Football Leaks e il pallone sgonfiato: tutto molto triste. Dopo un decennio abbiamo una candidata alla Champions, forse più di una. Chi prenderà il quarto posto? 04.11 - Der Spiegel e L'Espresso stanno portando avanti, da anni oramai, una battaglia contro i furbetti del pallone. In principio si è parlato di Doyen Sports e Twente, dei rapporti di Radamel Falcao con i fondi di investimento, dell'ascesa dell'Atletico Madrid anche grazie agli investimenti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy