VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

La nuova vita del Milan: il 2017 della svolta. Figc, "da Tavecchio razzista" a "siamo tutti con Tavecchio". Verona, il problema è in panchina. Lo strano caso del nutrizionista, amico di Borriello, che chiede il 10% sui contratti...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
21.11.2016 11:46 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 37937 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' stato l'ultimo derby di Silvio. Nella sua vita ne ha viste tante ma difficilmente rivedrà un derby con lui alla guida del Milan. Il giorno 13 dicembre è segnato in rosso (nero) sul calendario. Non solo per fare gli auguri a tutte le Lucia di Italia, ma anche perché il Milan cambierà la sua storia. Lo abbiamo scritto già tante volte, forse diventiamo monotoni: quando leggete sui giornali che c'è stato qualche intoppo e che forse interverranno le banche europee per saldare i conti sono solo operazioni strategiche di chi non vuole che questa operazione si concluda. Nel frattempo ci sono tre elementi che possono far sorridere i tifosi rossoneri: gli studi legali Chiomenti e G.O.P. hanno già fissato la data del closing con i loro rispettivi clienti. Milan con Studio Chiomenti e la cordata cinese con lo studio legale G.O.P. Fassone è stato in Cina e nessuno gli ha chiesto: ma questi cinesi li hai visti? Li hai conosciuti? Hanno gli occhi a mandorla? E soprattutto: esistono? Fassone è stato in Cina ed è tornato più contento di quando è partito. Evidentemente davvero ci diranno nome, cognome e numero di passaporto quando avranno chiuso l'operazione. Un'operazione già blindata dalla prima tranche depositata di 100 milioni di euro. Se non fanno il closing e hanno speso 100 milioni di euro per non avere neanche visibilità significa che non sono cinesi ma fessi. Dovremmo anche smetterla, poi, di fare del perbenismo inutile. Ai cinesi chiediamo di dirci nome, cognome e che scuole elementari hanno frequentato prima ancora di fare l'atto notarile perché in Italia ci sono le leggi specifiche dell'antimafia e poi abbiamo presidenti di società di calcio che dopo due anni non hanno ancora dimostrato come e con quali soldi hanno comprato il proprio club. Dalla A alla C. Siamo il Paese degli ipocriti e dei finti santi. Meglio essere schietti e risultare antipatici che essere falsi per risultare simpatici. Nel frattempo, la politica del calcio va avanti. Complimenti a Gravina per aver stravinto la seconda tornata elettorale in Lega Pro. Un Presidente che vince con 55 voti su 60 merita solo gli applausi. Ci sono ancora tante cose da fare in Lega Pro ma siamo certi che con il tempo Gravina ci farà felici. Ora che si è votato, Gravina potrà ragionare su un taglio delle società che non hanno possibilità economica. 60 club di Lega Pro sono inutili. Torniamo a chiamarla serie C e facciamo vedere più partite alla gente. Ci sono partite molto più belle in C che in A ma in serie A ci fanno vedere anche l'allenamento durante l'intervallo e poi in C non riusciamo a vedere la vittoria del Padova al Tardini di Parma per 4-1. Tavecchio vincerà - come Gravina - facendo incetta di voti e resterà presidente della Figc. Siamo contenti e gli auguriamo il meglio. In questo periodo ha lavorato politicamente molto bene e ha dimostrato di essere prima un grande politico e poi dimostrerà di essere anche un Presidente Federale. Come si definisce un grande politico: colui che prima aveva tutti contro, veniva etichettato come razzista e sembrava avesse la peste, mentre adesso gode addirittura dei favori di Agnelli e Malagò. Bravo, Carletto. Tuttavia, un bravo Presidente Federale si giudica dalle riforme e - dalla A alla D - c'è mezzo mondo del calcio italiano da riformare. 20 squadre in A sono troppe, il marketing delle società non funziona, i giovani possono essere scippati troppo facilmente ai club se prima non compiono i 18 anni, i settori giovanili fanno ridere, le squadre giovanili giocano su campi indecenti, mancano le strutture, i calciatori a fine anno si vendono le partite... Beh, qualcosa da fare Presidente c'è! Buon lavoro...
Una piccola parentesi di calcio di serie B: il Verona che becca 4 gol in casa dal Novara e 5 a Cittadella, in due giornate, fa notizia. Come scriviamo da tempo, il Verona vincerà il campionato di B a mani basse: perché ha una squadra nettamente più forte della media, perché quest'anno il campionato di serie B è scarso e perché le "rivali" del Verona, con tutto il rispetto, sono due matricole: Benevento e Cittadella, oltre al blasonato e forte Frosinone; ma tanto in A vanno due direttamente, quindi sulla poltrona c'è spazio come fosse un divano. Il Verona vincerà ma non dominerà come il Cagliari. L'Hellas in panchina ha un tecnico che la B l'ha vissuta di passaggio e non del tutto da protagonista, non ha vissuto negli ultimi anni la serie B ed è ancora impreparato per una piazza così esigente e costretta a vincere. Fabio Pecchia è un buon allenatore ma sulla piazza, per una società come Verona, ci sarebbero state tante migliori opportunità.
In chiusura, vi sveliamo una curiosità ma sarebbe più da Iene o da Striscia la Notizia che da Tuttomercatoweb. Premesso che non c'è nulla di male, per ora, e ognuno nella vita è libero di fare ciò che vuole, vi raccontiamo la storia. Marco Borriello, attaccante del Cagliari, ha un amico nutrizionista. Laureato e di bella presenza. Sembrerebbe che questo nutrizionista, del quale mi sfugge il nome e non credo sia importante, abbia una dieta che per i calciatori è una bomba. Ma è una dieta tutta particolare, sia nel cibo che nella tempistica. Roba che ti devi svegliare nel cuore della notte e fare attività fisica. Altri particolari non li conosco perché la dieta mi serve a poco, al massimo io gli chiederò che mi aiuti a potenziarmi fisicamente. Nell'ultimo raduno della Nazionale italiana, tra gli azzurri, si è parlato molto di questo nutrizionista. Una dieta la vende a 15.000 euro e molti calciatori la stanno seguendo, altri hanno richiesto un preventivo ma poi l'hanno rispedita al mittente. C'è un famosissimo calciatore italiano che ha trovato la soluzione migliore: dammi la dieta ma non ti do i 15.000 euro. Ahò mò te ne devi annà... Il problema, se tale può essere definito, è che sembrerebbe che il nutrizionista - oltre ai 15.000 euro per la dieta magica - chieda al calciatore di serie A (quelli delle altre categorie difficilmente se la possono permettere) anche il 10% sul prossimo contratto; infatti, a suo dire, l'ingaggio aumenterebbe grazie al risultato della cura. Su questo ultimo aspetto, ci sarebbe qualcosa da obiettare. Pensate se questa dieta l'avesse fatta Pogba. 15.000 euro li butto, vabbè... ma il caro Paul avrebbe dovuto dare il 10% del totale del suo ingaggio con lo United al nutrizionista. Beh, poi il nutrizionista la dieta magica l'avrebbe dovuta prescrivere a Mino Raiola, il quale, sotto choc, probabilmente, l'avrebbe anche gradita per passare da 180 chili a 179...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.