VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

La passione del tifoso ha un limite di sopportazione. Basta con gli scandali, il calcio non può essere di pochi...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
14.10.2015 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 21132 volte
© foto di Federico De Luca

Ho deciso di fare un'eccezione... L'Italia ha già fatto il suo, Conte ci ha portato agli Europei, quindi c'è modo e tempo per parlare d'altro... Provo, ormai da diverso tempo, una spiacevole sensazione. Ho l'impressione che il mio giocattolo preferito, il pallone da calcio per intenderci, abbia imboccato una via pericolose, di quelle che faresti evitare anche al tuo peggior nemico... Per ora è solo un sospetto ma, si sa, è un attimo a ritrovarsi in guai seri, soprattutto quando parliamo del gioco più diffuso al mondo, nonché quello che muove più quattrini... Spesso ho la fortuna di confrontarmi con tifosi con 10 o 20 primavere più di me sulle spalle... Raccontano il calcio in maniera diversa, più appassionata, per certi versi più reale. "Mi ricordo della traversa di Rivera, l'ho aspettato fuori dallo stadio per dirgli di tirare meglio la prossima volta...", "Mamma quanto era forte Jair, lo vedevi subito se era in giornata... Se aveva freddo, allora era finita". Il loro era un calcio semplice, popolare, di tutti... Oggi non è più così, sia per il tifoso, così come per gli addetti ai lavori. Tutto è ovattato, tremendamente lucido ma incredibilmente falsato. Una volta il contatto con i giocatori era immediato, naturale. Ora l'accesso ai club è di pochi, pochissimi, ossia di chi ha certi diritti (pagati a prezzo carissimo). Le notizie sono filtrate. Si raccontano tante verità a sostegno di questa "chiusura verso l'esterno": siamo in troppi (giornalisti), è un modo per "gestire meglio la professionalità dei giocatori", non si può accontentare tutti. Non è così... Il calcio è diventato uno sport visto da centinaia di milioni di persone ma gestito da sempre meno persone, il cui pass è garantito solo da investimenti di milioni di euro... Forse è meglio così... Indubbiamente l'offerta è meravigliosa. Puoi sapere o vedere ogni singolo calciatore, anche della più sperduta squadra dell'Irlanda del Nord... Eppure non sembra più esserci spazio per la fantasia, dentro e fuori dal campo. Quando i giocatori arrivano allo stadio, pare di assistere ad un'adunata di militari. Cuffie, smarthphone, iPad, nessun sorriso, nessun contatto... Eppure, al pubblico, i "fuori legge" piacevano e piacciono ancora. Mourinho è l'esempio lampante. Lui è fuori dal coro e, per questo, è lo Special One (anche per le vittorie, ovviamente). Grande comunicatore, vero, ma anche uno che non riesce a "farsi inquadrare", nonostante sia anch'egli parte di questo mondo ovattato. Uno come Oronzo Pugliese, allenatore anni '60 famoso soprattutto per le imprese con il suo Foggia, oggi sarebbe un personaggio dalla presa mediatica inimmaginabile. Il Mago di Turi (vi consiglio un giro sulla rete per saperne di più) non era pazzo, era solo sé stesso, quello che, oggi, è difficile essere nel dorato mondo del pallone che conosciamo o, forse, che pensiamo di conoscere. Non so voi ma io mi sono "rotto le palle" (detto alla Gallinari) di svegliarmi la mattina e ritrovarmi per colazione l'ennesimo scandalo legato al calcio. Blatter, Platini, Messi, Lotito, Galliani... Ogni giorno un rappresentante, più o meno illustre, finisce sotto i riflettori ma per motivi che, con il calcio che si pratica su un campo verde, non c'entrano nulla... E se fosse perché non c'è più accesso al calcio come un tempo? E' più facile mettersi d'accordo in pochi che trovare un'intesa se tutti sanno, no? Mi chiedo: fino a quando il tifoso sarà in grado di tollerare tutto questo? Lo stadio, quello che rappresenta, a conti fatti, il teatro del calcio è sempre più deserto. Certo, c'è la splendida offerta televisiva, i costi alti dei biglietti, le troppe partite in settimana, gli impianti fatiscenti, i pochi campioni rispetto al passato, tutte motivazioni che hanno cittadinanza eppure mi pare che c'entri anche con la passione... Che ce ne sia meno? O, meglio, che si sia adeguata ai tempi? In fin dei conti siamo tutti un po' dopati. Forse si è persa quell'innocenza che oggi ritrovi solo nei racconti di chi ha visto un altro calcio, quello che non era in mano a pochi...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.