VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

La pazza giornata di Astori e il suo personale derby, le ali mondiali del Milan, l'Inter e la punta. E la Juve? Ora tutto su Romulo!

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
24.07.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 51861 volte
© foto di Federico De Luca

La scena se l'è presa tutta Astori, senza dubbio. Già era una vicenda intricata con il Cagliari che non lo voleva mollare e la Lazio che lo corteggiava da un mese. Nel giro di poche ore si è passati dal rinnovo con il Cagliari alla cessione alla Roma ad un passo. Com'è stati possibile? I sardi (con la regia di Marroccu) hanno puntato tutto sul rapporto con il ragazzo: che vuole andare via per provare l'esperienza in una grande (che merita) ma che non vuole lasciare però in difficoltà il suo club. Il patto d'acciaio con Marroccu ha fatto sempre avere forza al Cagliari che ha sempre chiesto almeno 7 milioni di euro alla Lazio. Non uno di meno. Lotito non ci credeva e non ha rilanciato. E così il Cagliari ha fatto rinnovare il ragazzo fissando una sorta di clausola (i famosi 7 milioni chiesti alla Lazio) si è tenuto libero di trattare con chi voleva. La Roma si è fiondata suo giocatore con grande impeto. Il rapporto con il Cagliari è forte. La cifra c'è. Basta l'ultima telefonata pere definire la formula e i pagamenti. Ci sarà nella notte. Poi bisognerà capire quando si definirà nel dettaglio e con i crismi dell'ufficialità, ma l'operazione è decisamente avanti.
Che sia lui il giocatore a cui faceva riferimento Baldissoni? Possibile (anche se io su Sky mi ero "pericolosamente" sbilanciato, seppure con una via di fuga: ma bisogna assumersi le responsabilità e ammettere le "sboronate"!!!!). Ma comunque la Roma non finisce qui, Astori o non Astori. Si può stringere anche per Yedlin, il terzino destro statunitense del Seattle, nonostante la concorrenza di Genoa e soprattutto Inter. Insomma l'imperativo di Garcia (vincere) pare sia lo stesso anche per la società.
Anche il Milan si sta muovendo con grande intensità sul mercato. Alla ricerca dell'ala. Sempre con Cerci come italiano (e per via di questo e della facilità di rapporti con il Torino) ancora al momento sempre primo della lista ma insidiato eccome. Resiste il nome di Griezmann (seguito però dal Monaco molto da vicino), salta il nome di Lavezzi (ma proprio ieri Galliani ha chiamato Jean Claude Blanc che gli ha ribadito che Lavezzi non hanno intenzione di cederlo). Entrano con prepotenza quelli di due protagonisti mondiali. Uno è Campbell della CostaRica. Di proprietà dell'Arsenal ma lo scorso anno all'Olympiacos. Il Milan ha già chiesto informazioni, per età e caratteristiche intriga eccome. L'altro è Giovanni Dos Santos, del Villarreal. Grande talento, messicano. Ex Barcellona, erede designato di Ronaldinho che si era un po' perso, forse nel suo stesso talento, ma che ora si sta decisamente ritrovando. Insomma il Milan allarga gli orizzonti a tutto il mondo. Compreso naturalmente Douglas Costa dello Shakthar che però ha una situazione molto complicata proprio a causa della rigidità del club ucraino. Ma il Milan non molla tanto da andare nuovamente a pranzo con il suo manager Kia Joorabchian due volte in due giorni. Robinho intanto continua a trattare la sua cessione e si apre anche una pista Emirati Arabi.
L'Inter intanto sta definendo nel dettaglio Medel. Ora la differenza è sulle modalità di pagamento. Thohir vorrebbe farlo in tre anni (e da qui non si muove) il Cardiff vorrebbe in due. Insomma, la trattativa è alle battute finali. Non trovano conferme le voci su Balanta. Anzi a dire il vero l'offerta l'inte l'ha fatta: molto tempo fa e molto bassa. Si lavora invece a testa bassa sull'attaccante: non più di una settimana fa sondati ancora Lamela e Jovetic. La risposta è sempre la stessa: non si cedono (a maggior ragione dopo l'infortunio di Negredo il city per Jojo si è irrigidito ancora di più). Budget finora non c'è quindi l'Inter si prepara al colpo a zero (Osvaldo in pole), ma magari aspetta la cessione di Guarin. Attenzione però al Monaco stanno per prendere Gaitan.
Il Napoli per il centrocampo spera di poter arrivare a Javi Garcia: il City sembra aver aperto al prestito, ma io problema è l'ingaggio. Altissimo.
La Juventus sembra non volersi fermare più, invece. Forse stimolata proprio dalla Roma (scatenata sul mercato). Pereyra ha fatto le visite, chiama Eto'o per rinforzare l'attacco (dopo l'infortunio a Morata) ma soprattutto riprende i colloqui con il Verona (dopo la vicenda Iturbe) per cercare di prendere Romulo. Si parla per chiudere, magari il più presto possibile, anche per vincere la concorrenza (stavolta del Galatasaray).
La Samp ha cercato Osvaldo (ma il Southampton al momento rifiuta il prestito), la Fiorentina aspetta di parlare con il Barcellona per capire bene cosa succede con Cuadrado (che rimane sempre un'obiettivo blaugrana).
A Cagliari (al di là della vicenda Astori) arriverà Camporese della Fiorentina, il Cesena ha sondato Buchel e potrebbe mettere sotto contratto Rubin (sul quale c'è anche il Modena), il Verona ha incontrato Nené e si è portato in vantaggio sul Genoa (che molla Pavoletti), il Chievo ha incontrato Bellomo per il rinnovo e l'incontro è andato bene.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.