HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

La rifondazione della Juventus: è davvero possibile? E dove? Ecco quello di cui ha bisogno per crescere. Ma servono molti soldi, sicuri che questo non sia il massimo in Europa?

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
11.04.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 19585 volte

Si fa presto a dire rivoluzione juventina. Le macerie (solo europee, va detto) lasciate dagli attacchi aerei di Cristiano Ronaldo hanno stappato le discussioni sulla rifondazione a Vinovo. Gente che va, gente che viene, progetti che cambiano.
Ora, francamente sembra altamente impraticabile uno scenario simile, e lo insegna la storia bianconera: le rivoluzioni sono state fatte solo in momenti di stravolgimenti societari, a malapena è successo lo stesso in annate semplicemente negative. E questa volta non si tratta né dell'uno né dell'altro caso, visto che in società Andrea Agnelli poco ci manca che stampi anche la sua effigie sullo stemma societario tanta è l'osmosi tra club e leader, e in campo beh, stante la delusione europea, ci vorrebbe comunque del coraggio a definire negativa la stagione della Juve, anche finisse seconda in campionato e finalista in Coppa Italia.

Però è un dato di fatto che l'età media della squadra titolare sia piuttosto alta, che certi elementi fondamentali non possono essere più il punto di partenza, e che insomma il processo di transizione necessita di un'ulteriore spinta.
L'attacco è il reparto più intoccabile: Dybala-Higuain-Douglas Costa-Mandzukic (con corredo di Cuadrado e Bernardeschi) rappresentano una delle aree più complete al mondo. Il dubbio però non è tanto sulla volontà del club, che potendo manterrebbe tutto intatto, quanto su quella di alcuni elementi, e specialmente Mandzukic e Dybala. Il croato probabilmente deciderà dopo i Mondiali, con le offerte di platino provenienti dalla Cina che stavolta potrebbero essere davvero difficili da respingere. Sulla Joya invece gli scenari sono tutti aperti, da vedere se una mancata convocazione possa influenzarne la decisione, ma soprattutto se le pretendenti spagnole (e le scorie tra famiglia e club del passato autunno) modificheranno la situazione.
Ovvio, da Dybala dipende tutto. Dovesse andare, entrerebbero 100 e passa milioni, e a quel punto la programmazione sarebbe di altro tipo. Mentre Manduzkic, se ben venduto, potrebbe invece solo ripagare Douglas Costa, il cui diritto di riscatto è di 36 milioni di €.

A centrocampo Emre Can è quasi fatto, ed è il ricambio naturale della casella occupata da Khedira, con la coppia Pjanic-Matuidi che almeno per un biennio garantisce il completamento del trio.
Se in porta l'argomento non ha bisogno di essere affrontato, rimane però la difesa dove la carta d'identità esplode. Perché in verità la difesa titolare rimane la migliore, ma Alex Sandro forse è rimasto un anno di troppo, e Chiellini che Dio lo preservi ogni anno di più, e Lichtsteiner gioca sempre meno, e Rugani prima o poi esploderà ma quel prima ancora non viene, e Hoewedes chi è, e Asamoah se ne va.
E allora forse proprio la cessione di Alex Sandro può essere l'unica via, l'unico capitale reinvestibile senza influenzare eccessivamente gli equilibri.
E però, alla fine della fiera la Juventus avrà circa una sessantina di milioni di € da investire sul mercato - escludendo le cessioni. L'eventuale cessione di Mandzukic servirebbe (forse) a pagare Douglas Costa. L'eventuale cessione di Alex Sandro aggiungerebbe almeno altri 60 milioni, ma a quel punto bisognerebbe accantonarne 30 per rimpiazzare con un altro terzino esplosivo.
E allora, alla fine della fiera, con 60/90 milioni di € (ammettendo Dybala resti), che rivoluzione vuoi fare? Cosa possono incidere sull'organico della Juventus?
Possono aumentare ancora di più il divario in Italia, sicuro. Ma in Europa? Cosa ti possono permettere di raggiungere e di aggiungere che tu non abbia già?

Per la rivoluzione tecnica che può cambiare il corso europeo della Juventus servono molti, molti soldi. Conviene più cambiare il corso europeo con una rivoluzione tattica. Roma insegna.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->