VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

TMW Mob
Editoriale

La Russia è una tristezza che capiremo solo a giugno. Napoli incompiuto ma pur sempre primo in classifica, la Juventus è più forte. Milan e Sardegna-gate: perché rinnovare a Montella?

03.12.2017 10:10 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 31842 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

C'è chi era al caldo di Zanzibar e chi al freddo di Mosca. Chi si godeva il bagno in un periodo che solitamente porta solo spifferi e chi rischiava di scivolare sul marciapiede in Russia in attesa di un sorteggio che non ci vedeva protagonisti. Sembrano due storie molto lontane fra loro, ma si lambiscono con un'anormale straordinarietà. Il primo è Giampiero Ventura, l'ex commissario tecnico della Nazionale Italiana per la prima volta dopo sessant'anni lontana dalla rassegna iridata. Il secondo è il giornalista italiano che ha la fortuna - e la sventura - di seguire il sorteggio nel palazzo del Cremlino, a fianco il giornalista iraniano che si dispera per avere pescato Spagna e Portogallo, ben sapendo che il suo Mondiale probabilmente finirà ai gironi. Magari esserci, ai gironi. La tristezza è davvero incredibile, nel teatro del palazzo più importante di Russia il nostro rammarico era palpabile. Non solo il nostro, quello di una nazione che poteva solo guardare gli altri (incominciare a) divertirsi. Lo capiremo solo a giugno, quando il Luzhniki di Mosca si vestirà a festa per Russia-Arabia Saudita (vabbè), salvo poi vedere uno Portogallo-Spagna meraviglioso, il giorno dopo, a Sochi. E l'Italia? Sarebbe finita nel girone dell'Argentina. Che brutto il condizionale.

Più o meno quello che dicono a Napoli in questo momento, al congiuntivo. "Se ci fosse stato Milik". "Se non si fosse infortunato Ghoulam". Le premesse sono diverse rispetto a quello che poi si è andato a verificare, con una Juventus guardinga e cinica, capace di vincere senza soffrire poi troppo, dando anche qualche pericolo in più - come il tiro di Matuidi - per Reina. I bianconeri sono più forti, hanno più profondità di rosa. E in un campionato si fa sentire, come alla fine di un percorso. Insomma, il Napoli sta alla Juve come la Juve sta al Real Madrid in finale di Champions. Può pure essere leggermente favorito ma poi, dovesse vincere l'altro sarebbe poi la normalità. Così oggi l'Inter può sorpassare tutti e salutare, mettendo la freccia. Due anni fa, a inizio dicembre, Sarri era primo in classifica - con l'Inter che poteva sorpassare - e la Juventus un pochino più dietro, anche alla Fiorentina a dir la verità. Poi sappiamo tutti com'è andata a finire, ma lì la Juventus era partita ad handicap e poi aveva centrato un filotto. L'idea è che i piemontesi siano meno quadrati rispetto a due stagioni or sono, possano perdere partite e terreno. Ma che siano più avanti comunque. Anche se l'Inter di Spalletti è un bell'avversario (a parte il Napoli e la Roma, oramai arcinemiche di questi anni).

E il Milan? Ecco, i rossoneri sono dietro, dietrissimo, addirittura invischiati nella nebulosità della propria campagna acquisti. Poteva essere più oculata e meno mirata al futuro, anche se alcuni - come Andre Silva o Kessie, oppure ancora Conti - rischiano di diventare dei pilastri del Milan del futuro. Non tutto è da buttare, ma l'equivoco è molto semplice: a giugno il Milan aveva invitato molti giornalisti in Sardegna, facendogli filtrare l'idea che Montella venisse esonerato. Tutti i giornali sono usciti così, prendendo il buco: il giorno dopo il tecnico rinnovava in diretta Facebook, ma chissà se l'intenzione fosse davvero quella di trattenerlo oltre l'estate. A posteriori si può dire che è stato un errore, paragonabile a quello di Thohir con Mazzarri, seppur diverso. Ora tocca a Gattuso, dopo i Seedorf, i Leonardo e gli Inzaghi. Non c'è molta fantasia, in rossonero, nonostante la discontinuità di proprietà. Nemmeno nei risultati...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: sboccia Costa, ma “mister ottavi” ha il solito problema. Milan: Gattuso deve risolvere il “guaio estivo” (e c’è un esempio da seguire). Inter: Spalletti, Icardi e i pericolosi suonatori di violino. Napoli: Sarri non farti fregare 05.12 - Intanto chiedo un grande applauso al direttore artistico Luca Tommassini. Bravo Luca, riesci a sorprenderci ogni volta. (Se non chiedi un applauso per Luca Tommassini, oggigiorno non sei nessuno). Poi riflettiamo sul Natale. Il Natale sta arrivando con le sue luci e le sue mille...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, gli alibi sono finiti. Inter, adesso dimostra a Torino chi sei. Napoli, sono pochi 13 calciatori per lo scudetto. Sassuolo, quando paga Angelozzi? 04.12 - Siamo tutti professori senza cattedra ma è il bello del nostro mestiere dove giudichiamo ma non siamo giudicati perché alla fine parlare è facile ma fare calcio è davvero complicato. Puoi spendere soldi, puoi fare progetti ma il calcio è bello e maledetto proprio perché può stravolgerli....

EditorialeDI: Andrea Losapio

La Russia è una tristezza che capiremo solo a giugno. Napoli incompiuto ma pur sempre primo in classifica, la Juventus è più forte. Milan e Sardegna-gate: perché rinnovare a Montella? 03.12 - C'è chi era al caldo di Zanzibar e chi al freddo di Mosca. Chi si godeva il bagno in un periodo che solitamente porta solo spifferi e chi rischiava di scivolare sul marciapiede in Russia in attesa di un sorteggio che non ci vedeva protagonisti. Sembrano due storie molto lontane fra...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.