VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

La Russia è una tristezza che capiremo solo a giugno. Napoli incompiuto ma pur sempre primo in classifica, la Juventus è più forte. Milan e Sardegna-gate: perché rinnovare a Montella?

03.12.2017 10:10 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 32270 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

C'è chi era al caldo di Zanzibar e chi al freddo di Mosca. Chi si godeva il bagno in un periodo che solitamente porta solo spifferi e chi rischiava di scivolare sul marciapiede in Russia in attesa di un sorteggio che non ci vedeva protagonisti. Sembrano due storie molto lontane fra loro, ma si lambiscono con un'anormale straordinarietà. Il primo è Giampiero Ventura, l'ex commissario tecnico della Nazionale Italiana per la prima volta dopo sessant'anni lontana dalla rassegna iridata. Il secondo è il giornalista italiano che ha la fortuna - e la sventura - di seguire il sorteggio nel palazzo del Cremlino, a fianco il giornalista iraniano che si dispera per avere pescato Spagna e Portogallo, ben sapendo che il suo Mondiale probabilmente finirà ai gironi. Magari esserci, ai gironi. La tristezza è davvero incredibile, nel teatro del palazzo più importante di Russia il nostro rammarico era palpabile. Non solo il nostro, quello di una nazione che poteva solo guardare gli altri (incominciare a) divertirsi. Lo capiremo solo a giugno, quando il Luzhniki di Mosca si vestirà a festa per Russia-Arabia Saudita (vabbè), salvo poi vedere uno Portogallo-Spagna meraviglioso, il giorno dopo, a Sochi. E l'Italia? Sarebbe finita nel girone dell'Argentina. Che brutto il condizionale.

Più o meno quello che dicono a Napoli in questo momento, al congiuntivo. "Se ci fosse stato Milik". "Se non si fosse infortunato Ghoulam". Le premesse sono diverse rispetto a quello che poi si è andato a verificare, con una Juventus guardinga e cinica, capace di vincere senza soffrire poi troppo, dando anche qualche pericolo in più - come il tiro di Matuidi - per Reina. I bianconeri sono più forti, hanno più profondità di rosa. E in un campionato si fa sentire, come alla fine di un percorso. Insomma, il Napoli sta alla Juve come la Juve sta al Real Madrid in finale di Champions. Può pure essere leggermente favorito ma poi, dovesse vincere l'altro sarebbe poi la normalità. Così oggi l'Inter può sorpassare tutti e salutare, mettendo la freccia. Due anni fa, a inizio dicembre, Sarri era primo in classifica - con l'Inter che poteva sorpassare - e la Juventus un pochino più dietro, anche alla Fiorentina a dir la verità. Poi sappiamo tutti com'è andata a finire, ma lì la Juventus era partita ad handicap e poi aveva centrato un filotto. L'idea è che i piemontesi siano meno quadrati rispetto a due stagioni or sono, possano perdere partite e terreno. Ma che siano più avanti comunque. Anche se l'Inter di Spalletti è un bell'avversario (a parte il Napoli e la Roma, oramai arcinemiche di questi anni).

E il Milan? Ecco, i rossoneri sono dietro, dietrissimo, addirittura invischiati nella nebulosità della propria campagna acquisti. Poteva essere più oculata e meno mirata al futuro, anche se alcuni - come Andre Silva o Kessie, oppure ancora Conti - rischiano di diventare dei pilastri del Milan del futuro. Non tutto è da buttare, ma l'equivoco è molto semplice: a giugno il Milan aveva invitato molti giornalisti in Sardegna, facendogli filtrare l'idea che Montella venisse esonerato. Tutti i giornali sono usciti così, prendendo il buco: il giorno dopo il tecnico rinnovava in diretta Facebook, ma chissà se l'intenzione fosse davvero quella di trattenerlo oltre l'estate. A posteriori si può dire che è stato un errore, paragonabile a quello di Thohir con Mazzarri, seppur diverso. Ora tocca a Gattuso, dopo i Seedorf, i Leonardo e gli Inzaghi. Non c'è molta fantasia, in rossonero, nonostante la discontinuità di proprietà. Nemmeno nei risultati...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gattuso: il Milan dice la verità. Mazzarri: infierire est diabolicum. Sarri: su Ghoulam si gioca lo Scudetto. Mancini: la Nazionale la vuole davvero 10.02 - Gattuso non si conta. Gattuso si pesa. Senza sapere quanto dureranno e a dove porteranno i miglioramenti della squadra in campionato, senza sapere se il Milan andrà in finale di coppa Italia e senza sapere se supererà zero, uno o più turni di Europa League, Rino ha già convinto. Per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Arbitro napoletano per la Juve, l’ultima follia dei complottisti che non la smettono di inquinare il calcio. Dybala lascia la casa a Torino. Anche Ronaldo spinge Icardi al Real. E l’Inter cosa aspetta a ridiscutere la clausola? 09.02 - Finalmente un campionato incerto, due squadra in corsa per lo scudetto, uno straordinario Napoli per il gioco che esprime, un’altrettanto straordinaria Juventus che non molla un centimetro, eppure c’è qualcuno che questa volata non se lo gode.  Ma come si fa nel 2018 a pensare ancora...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato non finisce mai: l’Inter mani su Martinez, Napoli Younes e Sarri e Gattuso sempre più rossonero... 08.02 - È davvero passata già una settimana dalla fine del mercato. Non ce ne siamo neanche accorti, davvero, e la battuta (troppo semplice) che è perché anche durante il mercato non è che è successo molto non ve la passo. Semplicemente le società hanno continuato a lavorare... Il colpo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.