VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

La settimana della Juve. Mercato da 3x2! Pippo, poche illusioni e molto lavoro. Samp, marca Ferrero che rischia di fare danni. Sms per Palazzi: Marchetti-Gerardi, qualcuno ci spieghi...

Nato ad Avellino il 30-09-1983 vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb. Organizzatore e conduttore del Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Twitter: MCriscitiello
14.07.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 75971 volte
La settimana della Juve. Mercato da 3x2! Pippo, poche illusioni e molto lavoro. Samp, marca Ferrero che rischia di fare danni. Sms per Palazzi: Marchetti-Gerardi, qualcuno ci spieghi...

Saranno due, forse tre, gli acquisti della Juventus nella settimana che sta per cominciare. Mentre scrivo stanno cominciando i supplementari della finale mondiale. Che tristezza, aspettiamo 4 anni per goderci l'estate dei mondiali e adesso pensiamo che non abbiamo visto neanche il sole a ferragosto. Prandelli è scappato in Turchia e le parole di Della Valle vanno sottoscritte una ad una. Il problema è che neanche dovevamo presentarci, in Brasile, con un ct così. Va bene, torniamo al mercato che è meglio. Tre acquisti e due cessioni per la Juventus. Questa settimana apre le porte agli ingressi di Evra, Morata e Iturbe. Se ne va Quagliarella e potrebbe partire anche Giovinco, sempre più chiuso dagli ultimi colpi in entrata di Marotta; anche se Conte stravede per Sebastian. I campioni d'Italia rischiano, in questa stagione, per tre ragioni. La prima: l'anno post mondiale rischia sempre di portare brutte sorprese, soprattutto per le squadre che hanno avuto molti calciatori impiegati nella competizione mondiale. Altro problema: alzare l'asticella. Si parte con la Juve che ha già lo scudetto in tasca, errore gravissimo. Se in Champions non arrivi almeno in semifinale hai ancora fallito in Europa. Conte è consapevole che questo è l'anno delle trappole. Ne troverà una ad ogni angolo di Vinovo. 
Benvenuto a Pippo Inzaghi. Tifiamo per lui, gran ragazzo e ottimo professionista ma da allenatore è tutto da scoprire. Le esperienze nel settore giovanile non fanno minimamente testo. Per Inzaghi è l'anno zero. Sarà il nuovo Montella o il nuovo Seedorf? Ha le idee e sta sempre sul pezzo. Parte bene. Abbiamo qualche perplessità sulla gestione del gruppo. Se dovesse restare Balotelli sarebbe un guaio grosso per Pippo. Criscito farebbe al caso suo. Il primo passo è stato quello giusto: ha strappato a Montella e alla Fiorentina il tattico sulle palle inattive che con l'aeroplanino aveva smesso di volare.
Un passaggio per Genova, dove ci giungono voci poco confortanti. Non ci vogliamo far trarre in inganno dall'apparenza ma dal giorno della conferenza stampa di Ferrero, il nuovo patron della Samp non ci ha per nulla convinto. Adesso anche le prime voci e mosse non ci sembrano confortanti per una società gloriosa come quella blucerchiata. Il taglio dei dipendenti, la poca chiarezza con Braida e un chiaro immobilismo sul mercato non lasciano sperare nulla di buono. La minaccia a Delio Rossi di affidargli la guida delle riserve è stucchevole. Sembra un De Laurentiis uscito male. Speriamo per la Samp che le nostre siano impressioni sbagliate e prive di fondamento.
In chiusura il mercato di Serie B, dove i riflettori sono spenti e un Direttore di Provincia crede di poter fare quello che vuole. Sollevammo il problema due mesi fa ma la Procura Federale ignorò completamente il nostro appello. Chiedemmo chiarezza su quanto accaduto in Reggina-Cittadella. Rigore sbagliato da Gerardi della Reggina al 94', sullo 0-1 per i veneti, con le pressioni di Coly e compagni su Gerardi di sbagliare quel rigore. Chiedemmo a Palazzi di spiegarci come erano andate realmente le cose. Giusto per chiarezza, perché a pensar male si fa peccato ma molte volte ci si azzecca. Tutto nel dimenticatoio. Gerardi rilasciò una dichiarazione sbalordito dal clamore e Marchetti, DG Cittadella, che ci querela per diffamazione. Passano due mesi e Gerardi firma per il Cittadella. Tutto normale, proprio tutto. Però continuiamo a chiedere a Palazzi e alla Procura Federale se ci può dire realmente come sono andate le cose, quel sabato a Reggio Calabria. Abbattiamo questa omertà e apriamo un fascicolo su Marchetti, questo personaggio che parla poco ma si muove tanto, a tal punto da fregarsene di tutto e tutti e non si pone il problema di mettere sotto contratto l'attaccante che due mesi prima, con un suo errore dal dischetto, ha di fatto regalato la salvezza al Cittadella. Usciamo allo scopetto, Palazzi. Confidiamo in Lei. Faccia pulizia, quando ancora non è troppo tardi e dimostri al nuovo presidente Federale che la Procura funziona e previene, anche se in questo caso dovrebbe curare. Basta partite all'italiana e un mercato dove tutto è consentito. Abbiamo chiesto il parere su questo trasferimento a Direttori Sportivi, procuratori e potenti del settore. Risposta unica: "Cosa volete che vi risponda. Tutta Italia sa... Ma non fatemi parlare, non posso rilasciare dichiarazioni". Solo Palazzi può salvare il Palazzo. Stop! Ha segnato la Germania, fatemi vedere questi ultimi 8 minuti. Vediamo se Marchetti salva anche l'Argentina al 120'...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.