VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

La solita abitudine italiana: tutti sul carro di Conte, dopo solo novanta minuti. Hooligans: altro che tifosi, solo vandali e teppisti. Ma l'Europeo regala anche storie splendide e favole infinite, come quella di Vardy

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
17.06.2016 14:42 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 37939 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Tutti sul carro, avanti c'è posto. E' la moda italiana, nulla di cui stupirsi. Vituperato ed attaccato per non aver convocato giocatori che avevano sbalordito in Italia, leggi Leonardo Pavoletti, bistrattato per aver scordato leggende come Andrea Pirlo, Antonio Conte ha avuto semplicemente ancora una volta ragione. Magari, poi, da oggi (scongiuri concessi, prego), i risultati gli daranno torto. Ma ha saputo costruire una squadra, vera. Tosta, concreta. Prima dell'Europeo ha confidato agli amici una cosa chiarissima: "non ho qualità, punto sui corridori e su chi ha la mia stessa fame". Non c'è spazio per le piroette. Per chi magari ha più talento (Berardi), più fantasia (Giovinco). E neanche per chi è comunque in Francia ma è stato convocato per le situazioni più d'emergenza che altro (Insigne). Conte ha una sua ossatura, che meglio s'amalgama tra di sè d'ogni altra. A centrocampo un incursore (Giaccherini o Florenzi) ed un interno (Parolo o Sturaro). Un esterno d'attacco (Candreva a destra, El Shaarawy a sinistra), uno di contenimento (Darmian e De Sciglio). In regia De Rossi o Thiago Motta, la BBC davanti a Buffon e davanti un ariete come Pellè e uno più mobile accanto (prima Eder, poi Immobile, con Zaza pronto a sostituire tutti e tre). Amen. Questa è l'Italia, volenti o nolenti, senza stelle ma con un cuore grande così. In pochi l'avevano capito prima del via, Conte si è chiuso dietro al suo forte di Coverciano prima e francese poi, facendo scudo davanti ai suoi.

Comunque, pensatene quel che volete, ma l'Europeo resta una figata. Sì, magari al netto di (passatemi il termine, senza censura) quegli imbecilli, vandali e teppisti che devastano la Francia in nome di niente e di nessuno. Non hanno una causa, un perché. Il terrore ed il panico che stanno seminando è figlio di un'ignoranza che deve essere combattuta, perché nulla ha a che vedere con quel che ci saremmo aspettati da un Europeo in questo momento storico. Dove una deputata viene assassinata in nome di un tempo antico e di confini che hanno poco senso d'esistere. Dove ogni uomo dovrebbe avere il diritto di amare chi vuole ma dove qualcuno che ha svenduto l'anima ad un diavolo che confonde con altre alte fattezze non accetta. Ed uccide, ad Orlando, nella terra delle libertà. Dove viviamo nel terrore dell'altro, dove uno scoppio lontano non porta più alla mente un petardo fuori stagione di un bambino incosciente ma subito le tragiche immagini di Parigi. Ecco, iniziamo noi, che scriviamo. Smettiamo, tutti, di chiamarli 'tifosi'. Sono vandali. Teppisti. E così vanno considerati.

Dicevamo di quella figata dell'Europeo. Dove la terra dei geyser manda in trasferta l'8% della popolazione e ferma pure quella faccia tosta di Cristiano Ronaldo. L'Islanda è una storia bellissima, così come l'Irlanda del Nord. "We're not Brazil, we're Northern Ireland" è canto nato di recente, quando la nazionale che fu di Best sconfisse, nel 2005, l'Inghilterra. "Non siamo il Brasile, non serve. Siamo l'Irlanda del Nord". Che gioisce, dopo la storica vittoria contro l'Ucraina, sebbene l'idolo del web, Grigg, non sia andato in rete. Parliamo del Galles? Che è arrivato ad un passo dal sogno (e da 3 milioni che avrebbe preso dagli sponsor in caso di vittoria proprio contro l'Inghilterra). Chi l'ha fermato? Jamie Vardy. Che Roy Hodgson, commissario tecnico dalle idee bislacche alla stregua di Marc Wilmots e Didier Deschamps, ha inizialmente lasciato fuori. Nossignore. Ha deciso poi di non fermarsi. Di continuare quel party iniziato a settembre. Perché l'Europeo è una figata. Ma sì, anche quando tutti saranno pronti a salire ancora sul carro di Conte o a scendere in caso di ko con la Svezia. Ah, gli scongiuri, son sempre concessi...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.