HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

La Superlega, Football Leaks e il pallone sgonfiato: tutto molto triste. Dopo un decennio abbiamo una candidata alla Champions, forse più di una. Chi prenderà il quarto posto?

Nato a Bergamo il 23-06-1984, vive a Firenze. Giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
04.11.2018 14:27 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 27063 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Der Spiegel e L'Espresso stanno portando avanti, da anni oramai, una battaglia contro i furbetti del pallone. In principio si è parlato di Doyen Sports e Twente, dei rapporti di Radamel Falcao con i fondi di investimento, dell'ascesa dell'Atletico Madrid anche grazie agli investimenti di privati, vari altri scoop che avrebbero fatto impallidire i pirati dell'economia e della finanza. Tanto che Javier Tebas si lamentò con la FIFA. Non tanto per quello che era successo, bensì perché i documenti riguardavano pure dei giocatori della Liga. Lo stesso Tebas che si lamenta del Paris Saint Germain che bara, che doveva venire in Italia - e invece ha usato la Lega per ottenere un aumento di stipendio, beato lui - e che manovra per mantenere il primato per il suo campionato. Vero è che Barcellona, Real Madrid e Atletico sono stati grandi interpreti degli ultimi anni, però quando Cristiano Ronaldo se ne va via dà la colpa a vantaggi fiscali, divenendo il più classico degli smemorati di Collegno. Perché Ronaldo era andato in Spagna proprio grazie alla Legge Beckham.

Tebas a parte, è chiaro che al di là di quanto dicano FIFA, UEFA, PSG e City, qualche problema ci sia. Perché nessuna grande squadra è mai finita fuori per problemi economici? Il Milan è solo l'ultimo: godeva di uno status internazionale, ha fatto male ma non peggio di altri club della sua altezza. Però nel suo reintegro nel calcio europeo c'è una parte di giustizia, l'altra abbastanza nebulosa: giusto riammetterlo visto quel che è capitato ad altre società, ridicolo - quasi italiano, verrebbe da dire - aspettare e rimandare giudizi fino a che non è stato rimosso Yonghong Li. Anche questo discorso a parte, City e PSG evidentemente non potevano spendere quei soldi in caso di fair play finanziario da rispettare. Checché ne dica Blanc. Diciamo che, come nei vecchi videogame, si è trovato il modo per avere soldi infiniti per tentare di finire il coin-op. E non riuscendoci comunque, visti i risultati in rapporto ai soldi spesi finora.

Poi toccherà all'Inter, a Mancini, vedremo. Però è sicuro - e questo vale per tutti noi giornalisti, oltre che per i giornali - che se dessimo più notizie e meno opinioni ci sarebbe un migliore prodotto, letto da più persone e più curiosi. Perché è quello che porta avanti il nostro mestiere, ancora più dei risultati. Che, in questa stagione, potrebbero essere sontuosi per le italiane. In Europa League c'è qualche problema di più, perché Lazio e Milan devono ancora crescere per sperare di raggiungere gli ultimi stage della competizione. Mentre Juventus, Napoli e Inter sono messe benissimo nei rispettivi gironi. I bianconeri sono dei candidati seri alla Champions League, ma perché non sperare che pure le altre possano arrivare fino in fondo? C'è stata una finale tutta tedesca, ce ne sono state tutte spagnole, Chelsea e Liverpool hanno vinto arrivando quinte in campionato. Speriamo in una sorpresa positiva.

Infine il quarto posto. Chi è all'altezza? Perché la Roma sembra un po' troppo balbettante, Lazio e Milan altrettanto. Considerato che Napoli e Inter in questo momento sono di un'altra categoria - il pianeta è riservato alla Juventus - c'è da aspettarsi una bella lotta, magari con qualche outsider. Almeno finché non ci sarà la Super League toccherà consolarsi così.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il Milan tra Rodrigo Caio e Ibrahimovic. De Ligt primo nome per la difesa della Juventus. La Roma vuole blindare Manolas, che piace anche a Real e Barcellona. Napoli si continua a lavorare ai rinnovi di Zielinski e Hysaj 17.11 - Un mese e mezzo e si parte, anzi il mercato è già partito. E allora andiamo dritti all’obiettivo. In casa Milan è scattato l’allarme rosso. Gli infortuni di Musacchio e Caldara in difesa e di Biglia e Bonaventura a centrocampo hanno creato una situazione difficile. Insomma ci sono...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy