VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

La verità sulla cessione del Milan. Berlusconi spinge per Sarri con Valdifiori. Jovetic, una strada per l'Inter. Macia lascia la Fiorentina

Enzo Bucchioni, giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
13.03.2015 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 35521 volte
La verità sulla cessione del Milan. Berlusconi spinge per Sarri con Valdifiori. Jovetic, una strada per l'Inter. Macia lascia la Fiorentina

Il Milan è in vendita, questa forse è l'unica cosa certa tra tutte quelle che si leggono e si sentono. Ma c'è di più, per dire addio alla sua proprietà forse più amata, Berlusconi ha fissato anche il prezzo: un miliardo di euro.

Tutto questo ci racconta che c'è qualcosa che non torna negli ultimi resoconti e nelle ultime ipotesi che sono state fatte (almeno quelle più serie) attorno a questo affare.

Intanto nessuno può e deve pensare che una vendita del genere si possa fare nel giro di qualche settimana, è necessario molto tempo, l'intervento di analisti finanziari per esaminare il valore reale e la situazione patrimoniale della cosa venduta e la completa solvibilità e capacità di gestione dell'acquirente.

In questa fase sono anche normalissime le continue smentite di Fininvest, certi affari vanno negati fino all'evidenza per evitare intromissioni, fluttuazioni del valore del bene trattato, ripensamenti e altre situazioni.

Per capirci il paragone con quanto accaduto all'Inter calza perfettamente. Anche Moratti aveva diversi contatti, poi ha stretto con Thohir, quello che ha ritenuto più affidabile dopo indagini finanziarie lunghissime. La trattativa è durata dieci mesi e puntualmente Moratti ha sempre smentito di voler vendere l'Inter, lo ha ammesso soltanto a cose fatte. Così accadrà anche per il Milan, ma nessuno pensi che il nuovo proprietario possa già fare la campagna acquisti o rilanciare l'estate prossima questa squadra alla deriva.

Tornando alle trattative in atto, la più avviata sembra quella con il broker thailandese chiamato sinteticamente Mister Bee. Si legge e si dice che ci sia già un accordo per il trenta per cento del Milan valutato 250 milioni. Non torna. Ma chi è quel signore che mette tanti soldi in una società che non fa utili (anzi, perde) per non averne il controllo, per essere in minoranza e accettare tutto quello che fa il padrone vero. Insomma, pago e non conto nulla. Non sta in piedi. Probabilmente Mister Bee ha dato solo una sorta di caparra, trattasi di un anticipo con mandato a vendere. Nel frattempo, visto che lui è un broker, si starà dando da fare per trovare un magnate disposto a comprarsi tutto il Milan. Operazione non facile, come dicevamo. Di tempo ne serve e tanto.

Secondo tavolo sul quale Berlusconi sta lavorando è quello del cinese Mister Pink con il quale ha già fatto affari soprattutto per la villa Certosa in Sardegna e villa Germetto in Lombardia. Mister Pink di soldi ne ha tanti, ma anche per lui mille miliardi sul Milan per il momento sono troppi e l'investimento non lo attrae. E' vero che in ballo c'è la costruzione dello stadio e che il brand Milan è importante nel mondo, però l'affare si potrebbe chiudere a cifre più basse. Tutti stanno ragionando, i tavoli sono aperti, ma le foto circolanti negli ultimi giorni con Berlusconi e Pink nell'atto di firmare un accordo sono relative ad altri affari fra i due e non per il Milan. Comunque la pista è sempre aperta e si cercano soluzioni: anche per le ville la strada giusta poi è stata trovata.

Dopo queste, resta sempre in piedi il discorso Wanda. Come sapete la Wanda è la società che ha comprato Infront da Bogarelli. Infront è l'advisor della Lega per i diritti televisivi e per tante altre cose nel calcio e nello sport. La Wanda appartiene invece a Wang Jianlin che secondo la classifica di Forbes è l'uomo più ricco della Cina.

Bogarelli e Galliani hanno suggerito a Berlusconi di aprire un tavolo privilegiato proprio con Mister Wang visto che ha anche aziende nel mondo delle costruzioni e l'idea di costruire lo stadio poteva essere interessante. La Wanda ha manifestato interesse all'inizio, proprio per entrare anche nel business dello sport e in Italia con un marchio importante come il Milan, ma l'interesse è congelato. Anche qui spaventa il famoso miliardo e i conti che potrebbero anche diventare più pesanti per la gestione di tutta la Galassia Milan da Milanello, alla nuova sede, ai dipendenti.

Insomma, in tanti si avvicinano, ma poi devono riflettere.

Secondo indiscrezioni di ieri attorno al Milan ci sarebbe anche uno degli sceicchi Mastour, proprietari del Psg, ma nessuno pensi che sia facile chiudere un affare con i cinesi o con gli arabi. Di soldi ne hanno molti, ma non buttano niente, anzi pensano di guadagnare quando si muovono.

Questo è il quadro in continua evoluzione. Si naviga a vista. In mezzo c'è il Milan nel caos totale di programmazione futura e di gestione del presente.

Forse Berlusconi sperava che l'ingresso del denaro fresco di un socio in attesa della cessione definitiva potesse essere più facile, ma ora i progetti di rafforzamento sono tutti congelati. Voi investireste in restauri su una casa messa in vendita? Certo che no. Ecco, questo sta facendo Berlusconi con il Milan. E' proprio per questo che la mega offerta fatta a Conte un anno fa non è stata ripetuta. E' per questo che Spalletti ha chiesto tempo. Che Lippi contattato come avevamo anticipato due settimane fa, ha rifiutato anche il ruolo di direttore tecnico. Che fare? L'ultima idea è quella di prendere Sarri dall'Empoli per l'anno prossimo. Costa poco, per Berlusconi potrebbe quasi essere una sfida, sai se riuscisse… L'allenatore, eventualmente, ha chiesto di portare il suo fedelissimo Valdifiori che il Milan potrebbe pagare con Verdi e Saponara.

Nel frattempo, invece, l'Inter in attesa di sapere cosa chiederà esattamente l'Uefa, sta cercando di contattare i giocatori che vuole Mancini. Jovetic è nella lista, punta esterna o vertice alto del rombo è perfetto. Ausilio sta lavorando, il procuratore del giocatore Ramadani vuol riportare Jovetic in Italia e la pista è giusta.

A proposito di City (la squadra di Jovetic) e di Italia, da tenere d'occhio anche la posizione di Ancelotti. Chiamato dal Milan per un consiglio e una boutade (torna da noi) e anche questo abbiamo scritto tempo fa, Carletto vuol capire se restare ancora a Madrid o meno. E' stimato da Perez, ha vinto, ma l'atteggiamento del pubblico gli piace poco. L'idea è di andar via da vincente. Anche Ronaldo è stanco della poca riconoscenza, per i due c'è la proposta del City. Ancelotti riflette anche se gli piacerebbe tornare a casa e rilanciare la Roma, suo vecchio sogno italiano.

Chi ha già deciso, invece, è il direttore tecnico della Fiorentina Edoardo Macia. Portato in Italia da Pantaleo Corvino quattro anni fa, sta pensando di ritornare in Spagna dove ha ricevuto diverse offerte. Ha rifiutato un ruolo nel Barcellona che ha poi accettato Braida, ma con il Betis Siviglia è diverso. Il ruolo di direttore generale gli piace, l'accordo c'è, manca solo la firma e salvo ripensamenti, tutto dovrebbe andare in porto molto presto anche se Macia ha molti estimatori e potrebbero arrivare altre offerte. Una cosa è certa, la sua avventura a Firenze chiude qui.

TWITTER @EnzoBucchioni


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.