VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

La verità sulla cessione del Milan. Berlusconi spinge per Sarri con Valdifiori. Jovetic, una strada per l'Inter. Macia lascia la Fiorentina

Enzo Bucchioni, giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
13.03.2015 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 35515 volte
La verità sulla cessione del Milan. Berlusconi spinge per Sarri con Valdifiori. Jovetic, una strada per l'Inter. Macia lascia la Fiorentina

Il Milan è in vendita, questa forse è l'unica cosa certa tra tutte quelle che si leggono e si sentono. Ma c'è di più, per dire addio alla sua proprietà forse più amata, Berlusconi ha fissato anche il prezzo: un miliardo di euro.

Tutto questo ci racconta che c'è qualcosa che non torna negli ultimi resoconti e nelle ultime ipotesi che sono state fatte (almeno quelle più serie) attorno a questo affare.

Intanto nessuno può e deve pensare che una vendita del genere si possa fare nel giro di qualche settimana, è necessario molto tempo, l'intervento di analisti finanziari per esaminare il valore reale e la situazione patrimoniale della cosa venduta e la completa solvibilità e capacità di gestione dell'acquirente.

In questa fase sono anche normalissime le continue smentite di Fininvest, certi affari vanno negati fino all'evidenza per evitare intromissioni, fluttuazioni del valore del bene trattato, ripensamenti e altre situazioni.

Per capirci il paragone con quanto accaduto all'Inter calza perfettamente. Anche Moratti aveva diversi contatti, poi ha stretto con Thohir, quello che ha ritenuto più affidabile dopo indagini finanziarie lunghissime. La trattativa è durata dieci mesi e puntualmente Moratti ha sempre smentito di voler vendere l'Inter, lo ha ammesso soltanto a cose fatte. Così accadrà anche per il Milan, ma nessuno pensi che il nuovo proprietario possa già fare la campagna acquisti o rilanciare l'estate prossima questa squadra alla deriva.

Tornando alle trattative in atto, la più avviata sembra quella con il broker thailandese chiamato sinteticamente Mister Bee. Si legge e si dice che ci sia già un accordo per il trenta per cento del Milan valutato 250 milioni. Non torna. Ma chi è quel signore che mette tanti soldi in una società che non fa utili (anzi, perde) per non averne il controllo, per essere in minoranza e accettare tutto quello che fa il padrone vero. Insomma, pago e non conto nulla. Non sta in piedi. Probabilmente Mister Bee ha dato solo una sorta di caparra, trattasi di un anticipo con mandato a vendere. Nel frattempo, visto che lui è un broker, si starà dando da fare per trovare un magnate disposto a comprarsi tutto il Milan. Operazione non facile, come dicevamo. Di tempo ne serve e tanto.

Secondo tavolo sul quale Berlusconi sta lavorando è quello del cinese Mister Pink con il quale ha già fatto affari soprattutto per la villa Certosa in Sardegna e villa Germetto in Lombardia. Mister Pink di soldi ne ha tanti, ma anche per lui mille miliardi sul Milan per il momento sono troppi e l'investimento non lo attrae. E' vero che in ballo c'è la costruzione dello stadio e che il brand Milan è importante nel mondo, però l'affare si potrebbe chiudere a cifre più basse. Tutti stanno ragionando, i tavoli sono aperti, ma le foto circolanti negli ultimi giorni con Berlusconi e Pink nell'atto di firmare un accordo sono relative ad altri affari fra i due e non per il Milan. Comunque la pista è sempre aperta e si cercano soluzioni: anche per le ville la strada giusta poi è stata trovata.

Dopo queste, resta sempre in piedi il discorso Wanda. Come sapete la Wanda è la società che ha comprato Infront da Bogarelli. Infront è l'advisor della Lega per i diritti televisivi e per tante altre cose nel calcio e nello sport. La Wanda appartiene invece a Wang Jianlin che secondo la classifica di Forbes è l'uomo più ricco della Cina.

Bogarelli e Galliani hanno suggerito a Berlusconi di aprire un tavolo privilegiato proprio con Mister Wang visto che ha anche aziende nel mondo delle costruzioni e l'idea di costruire lo stadio poteva essere interessante. La Wanda ha manifestato interesse all'inizio, proprio per entrare anche nel business dello sport e in Italia con un marchio importante come il Milan, ma l'interesse è congelato. Anche qui spaventa il famoso miliardo e i conti che potrebbero anche diventare più pesanti per la gestione di tutta la Galassia Milan da Milanello, alla nuova sede, ai dipendenti.

Insomma, in tanti si avvicinano, ma poi devono riflettere.

Secondo indiscrezioni di ieri attorno al Milan ci sarebbe anche uno degli sceicchi Mastour, proprietari del Psg, ma nessuno pensi che sia facile chiudere un affare con i cinesi o con gli arabi. Di soldi ne hanno molti, ma non buttano niente, anzi pensano di guadagnare quando si muovono.

Questo è il quadro in continua evoluzione. Si naviga a vista. In mezzo c'è il Milan nel caos totale di programmazione futura e di gestione del presente.

Forse Berlusconi sperava che l'ingresso del denaro fresco di un socio in attesa della cessione definitiva potesse essere più facile, ma ora i progetti di rafforzamento sono tutti congelati. Voi investireste in restauri su una casa messa in vendita? Certo che no. Ecco, questo sta facendo Berlusconi con il Milan. E' proprio per questo che la mega offerta fatta a Conte un anno fa non è stata ripetuta. E' per questo che Spalletti ha chiesto tempo. Che Lippi contattato come avevamo anticipato due settimane fa, ha rifiutato anche il ruolo di direttore tecnico. Che fare? L'ultima idea è quella di prendere Sarri dall'Empoli per l'anno prossimo. Costa poco, per Berlusconi potrebbe quasi essere una sfida, sai se riuscisse… L'allenatore, eventualmente, ha chiesto di portare il suo fedelissimo Valdifiori che il Milan potrebbe pagare con Verdi e Saponara.

Nel frattempo, invece, l'Inter in attesa di sapere cosa chiederà esattamente l'Uefa, sta cercando di contattare i giocatori che vuole Mancini. Jovetic è nella lista, punta esterna o vertice alto del rombo è perfetto. Ausilio sta lavorando, il procuratore del giocatore Ramadani vuol riportare Jovetic in Italia e la pista è giusta.

A proposito di City (la squadra di Jovetic) e di Italia, da tenere d'occhio anche la posizione di Ancelotti. Chiamato dal Milan per un consiglio e una boutade (torna da noi) e anche questo abbiamo scritto tempo fa, Carletto vuol capire se restare ancora a Madrid o meno. E' stimato da Perez, ha vinto, ma l'atteggiamento del pubblico gli piace poco. L'idea è di andar via da vincente. Anche Ronaldo è stanco della poca riconoscenza, per i due c'è la proposta del City. Ancelotti riflette anche se gli piacerebbe tornare a casa e rilanciare la Roma, suo vecchio sogno italiano.

Chi ha già deciso, invece, è il direttore tecnico della Fiorentina Edoardo Macia. Portato in Italia da Pantaleo Corvino quattro anni fa, sta pensando di ritornare in Spagna dove ha ricevuto diverse offerte. Ha rifiutato un ruolo nel Barcellona che ha poi accettato Braida, ma con il Betis Siviglia è diverso. Il ruolo di direttore generale gli piace, l'accordo c'è, manca solo la firma e salvo ripensamenti, tutto dovrebbe andare in porto molto presto anche se Macia ha molti estimatori e potrebbero arrivare altre offerte. Una cosa è certa, la sua avventura a Firenze chiude qui.

TWITTER @EnzoBucchioni


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.