VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Lapadula day che intrighi, Bielsa in arrivo un colpo Loco, Napoli ed Herrera incontro e quanti incastri a centrocampo. Inter attenta: per Ansaldi c'è concorrenza. Il Milan vuole essere italiano...

16.06.2016 08:44 di Luca Marchetti   articolo letto 48268 volte
© foto di Federico De Luca

Sembra strano, doveva essere una giornata sonnacchiosa di metà giugno con Europeo in corso. E' stato invece un turbinio di incontri, incroci, accordi e alleanze. E il protagonista è stato Lapadula, il bomber della B. Doveva essere il giorno dell'incontro fra Real e Juve, slittato per logiche di mercato e strategie di attesa, è stato comunque un giorno frenetico.
Partiamo dall'inizio. In tarda mattinata incontro Juve Pescara, per parlare del bomber dei biancoazzurri. Sul tavolo non solo l'attaccante ma anche alcune contropartite come Leali, Mandragora, magari anche Caprari. Allo stesso tempo, alla stessa ora il Napoli parlava con i procuratori del ragazzo. Nessun incontro decisivo, nessuno scatto in avanti. Ma una pressione costante. Perché poi nel pomeriggio è toccato al Napoli parlare con il Pescara. E anche qui: accordo virtualmente raggiunto e contropartita individuata in Sepe.
Poi è toccato al Genoa, che da tempo si è iscritta alla corsa per Lapadula. Ci siamo anche noi, non sarà un problema. Visto che il ragazzo potrebbe essere allettato di giocare con più continuità rispetto a delle piazze così importanti e impegnative come Juve e Napoli. In tutto questo si innesta il Sassuolo che ha parlato a lungo con la Juventus. Vista l'asse Torino-Sassuolo le possibilità sono due: che la Juve lo compri e poi lo giri proprio al Sassuolo, oppure che gli emiliani lo prendano da soli e poi consentano alla Juventus di avere una sorta di prelazione sul giocatore. Come era successo con Zaza e Berardi a suo tempo tanto per capirci. E questa sembra essere la strada preferita dalla dirigenza neroverde.
Ora a decidere tocca al giocatore. Juve, Napoli, Genoa, Sassuolo. Con un'ultima possibilità, per il momento molto remota. Il Milan, forte della sinergia con il Genoa, potrebbe pensarci. Al momento i rossoneri non possono fare mercato, visto che sono bloccati dalla salute di Berlusconi e dalla trattativa di cessione, ma potrebbero in futuro rivolgersi al Genoa per poter approfondire la situazione. Perché su Lapadula bisogna muoversi subito, altrimenti si perde il giro.
Allora aggiorniamo: Juve, Napoli, Genoa, Sassuolo e almeno per ora sfumato Milan. Una bella scelta, comunque vada a finire, ma deciderà lui che nei prossimi giorni si metterà a tavolino con i suoi procuratori per valutare i pro e i contro di tutto.
Ma naturalmente non è finita qui la giornata. Perché Juve e Sassuolo hanno parlato anche di Berardi. E' vero che il ragazzo ora non vorrebbe lasciare l'Emilia, ma la Juve non vuole perderlo di vista. Quindi si sta ragionando su una prelazione anche per il prossimo anno. E sempre la Juve ha incontrato anche il Leganes, squadra neopromossa in Liga con cui i bianconeri hanno già fatto affari in passato, e hanno incontrato anche il Lipsia per capire le reali intenzioni su Lemina: per il momento il ragazzo non vorrebbe andare. Poi capitolo difesa: su Benatia la Juve non è convintissima e lascia passare un po' di tempo prima di affondare il colpo, vuole aspettare di capire come si evolve la situazione di Mascherano e nel frattempo ha chiesto informazioni su Mustafi, difensore centrale del Valencia in gol con la Germania in questo Europeo.
Il Napoli pure non è stato a guardare. Intanto l'agente di Herrera è in Italia e ha incontrato il Napoli. Ha raccolto tutte le informazioni necessarie per andare poi a parlare con il ragazzo. La trattativa procede lentamente, ma procede. Almeno fino a fine mese non ci saranno novità, perché il procuratore di Herrera torna a parlare con il ragazzo che nel frattempo sta giocando in USA. Ma i nomi dei centrocampisti azzurri non finiscono qui: vicino Kums del Genk, costo inferiore ai 10 milioni. Vicino perché già pronto, vicino perché con la giusta esperienza internazionale, vicino perché Valdifiori potrebbe salutare e andare a Genova, sponda Samp. E qui parte l'incastro: state attenti. Fernando sta parlando (e la trattativa potrebbe chiudersi) con lo Spartak Mosca. La Samp vorrebbe sostituirlo con Valdifiori e all'interno della trattativa un'ipotesi di lavoro è uno scambio con Soriano.
Bene. Tutto questo però ci ha fatto parlare di tardi di un grande colpo. Quello che sta per mettere a segno la Lazio con Bielsa. In Argentina avevano anticipato il viaggio della Lazio nel tardo pomeriggio, la Lazio non commenta, ma Armando Calveri, dirigente biancazzurro, è volato in Argentina per far firmare il Loco. Tutto a posto? Sì, ma finché non c'è la firma sul contratto con la Lazio mai dire mai, soprattutto se di mezzo c'è uno soprannominato Loco. Chiedete a Prandelli se non ci credete, che sta ancora aspettando l'appuntamento per la firma con Lotito. Primo nome in entrata potrebbe essere Alessandrini, centrocampista, già allenato all'OM.
Fronte Inter continua la trattativa per Ansaldi. L'Inter sta cercando di capire se può comunque metterlo sotto contratto (lo avrebbe fatto trattando direttamente con lo Zenit, senza il riscatto del Genoa) inserendo nella trattativa Laxalt. Ma attenzione: sul giocatore c'è il fortissimo interesse della Fiorentina che fa sul serio.
La Roma continua a trattare Duda, centrocampista del Legia. Spalletti ha ufficializzato praticamente Mario Rui. Sabatini intanto ha incontrato intermediari con cui ha valutato Kante, Nagy (che interessa anche al Bologna) e Bakambu (attaccante del Villarreal che però ha anche un'offerta faraonica dalla Cina).
Il Milan comincia a fare i suoi primi passi: dopo la richiesta di info per Giaccherini e Immobile ecco che si comincia a essere più concreti su Vazquez. Contatti anche tra il Milan e l'agente dell'argentino. Nei giorni scorsi Galliani ne ha parlato con Zamparini e il giocatore, che piace al Milan da tempo. C'è l'ok sia di Brocchi che di Giampaolo. Questo rientra comunque nel progetto del Milan più italiano.
Il Sassuolo è molto interessato a Zappacosta (visto che partirà Vrsaljko, direzione Madrid, Atletico), Magnanelli potrebbe rinnovare, Ranocchia piace ma al momento non tornano i numeri. In attacco per l'Atalanta siamo alla stretta finale per Paloschi. Il Crotone invece dopo il "no" di De Zerbi (che vuole aspettare il Foggia per capire i programmi della sua società per una questione di correttezza con la gente che gli ha dato tanto in questa fantastica stagione e che per questo ha declinato anche la corte dell'Ascoli) ha cambiato obiettivo e ha contattato Di Biagio che però non vorrebbe lasciare l'Under21, domani possibili altri contatti: Gattuso, Simone Inzaghi e Stellone.
Al Pescara piace Biraghi (oggi chiacchierata con l'Inter) e Dezi, nel caso in cui parta Verre. Il Bologna accelerà per Faragò del Novara. Interessa anche Kleinheisler centrocampista del Werder, classe 94 e come detto piace Nagy anche lui centrocampista del Ferencvaros (anche lui 22enne).
Il Cagliari continua a chiacchierare per capire se Santon è una soluzione praticabile.
In serie B il Verona si prende Ganz (via Juve), a Perugia è ufficiale Bucchi e si tratta con Brighi (lo scorso anno a Bologna, oggi svincolato), Brescia per il post Boscaglia Zeman e D'Aversa in corsa. Ad Ascoli fatta per Aglietti. A Novara alla fine va Boscaglia che il giorno prima si era promesso con una stretta di mano al Benevento (dove di sicuro non l'hanno presa bene).
Abbiamo appena iniziato, ma tenetevi forte, come al solito.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.