VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Lavezzi per la Juve, Vazquez per il Milan. Pirlo, gli allenatori che saltano. E sullo sfondo la Champions...

05.11.2015 09:22 di Luca Marchetti   articolo letto 43011 volte
© foto di Federico De Luca

Due decisi passi in avanti in Champions, forse decisivi. La Juve avrebbe anche potuto archiviare la fase a girone l'altra sera, ma va bene lo stesso. La Roma capovolge una situazione che cominciava ad essere preoccupante. Nulla è in tasca, soprattutto per i giallorossi, e se volete fate tutte le scaramanzie che volete, ma il peggio sembra passato.
E come al solito, il meglio deve ancora venire. Non solo per quanto riguarda la Champions, ma anche (e soprattutto) per il campionato.
Partiamo proprio dalla Juve che è quella che ha la necessità di forzare le tappe per riprendere la vetta. Ed è stato individuato nel Pocho Lavezzi un possibile innesto. Uno di quelli che ti possono dare la scossa in più per credere nell'impresa. I contatti sono continui, qualche giorno fa i procuratori dell'argentino sono stati anche a Vinovo. Si parla in continuazione, di ingaggio di cifre, di bonus. Una volta che ci sarà intesa con il ragazzo poi partirà l'offensiva al Psg che non creo farà molta resistenza per un giocatore che comunque a giugno se ne andrebbe a zero e che pesa (e non poco) sulle casse parigine. Insomma il nodo è tutto fra Juve e Lavezzi. E visto che spesso Allegri ha parlato di una Juve che con il 4-3-3 non gioca in maniera fluida perché manca l'alterego di Cuadrado, eccolo servito. Esperienza, qualità e duttilità. Nulla è definito, ma Lavezzi è una di quelle opportunità che non puoi lasciarti scappare.
Altra trattatvia che si sta scaldando in queste ore, ma per giugno, è quella di Vazquez. Anche qui si era parlato molto di Juventus, ma in realtà chi sta premendo di più in questo momento per il trequartista della nazionale italiana è il Milan. Che un trequartista lo aveva cercato a giugno scorso, senza riuscire a chiudere (si parlava di Soriano). Lo stesso Milan aveva parlato con il Palermo di Vazquez, ma i rossoneri al momento avevano altre esigneze tecniche su cui investire. Il colpo estivo invece potrebbe essere proprio in trequarti. E Vazquez ora viene valutato dal Palermo fra i 15 e i 20 milioni di euro. La volontà del Milan sarebbe quella di chiudere tutto a gennaio ma con il trasferimento fissato per giugno. La trattativa procede spedita.
Anche la Fiorentina, che vuole consolidare il primato, investirà sul mercato. A modo suo, con l'innesto di un centrocampista uruguaiano del Fenix. Si chiama Schetino (con una T sola mi raccomando!). Lo volevano Siviglia, Sampdoria e Lazio, ha 21 anni e firmerà 4 anni di contratto. Ma non sarà l'unico acquisto viola di gennaio. I nomi come al solito sono top secret, ma i movimenti ci sono eccome.
Si è parlato in queste ore anche molto di un possibile ritorno di Pirlo all'Inter, per via delle "vacanze" americane e la concomitanza con l'Europeo. Lo confesso subito: a noi non risulta che ci possa essere una possibilità di rivederlo in nerazzurro. Sarebbe una pista molto suggestiva, la chiusura del cerchio di Pirlo. Al momento però senza operazioni concrete da parte dei nerazzurri. A rigor di logica più "facile" vederlo al City, visto che la proprietà è la stessa. E a proposito di ritorni: in Inghilterra scrivono che Gerrard (sempre per le vacanze americane) sarebbe pronto a tornare al Liverpool. Sarebbe una bella storia anche questa.
Non lo è stata (almeno finora) quella del Carpi. Il ritorno di Castori, l'esonero di Sannino, l'addio di Sogliano, non sono segnali positivi. Intendiamoci: nessuno pensava che sarebbe stato facile l'esordio in A. Ma tante telefonate hanno indebolito le piccole certezze in casa del Carpi. L'ambiguita fra vecchio e nuovo non ha aiutato.va specificata però una cosa: comunque il Carpi avrebbe dovuto cambiare molto, visto che molti giocatori non erano di proprietà e che Giuntoli aveva appena fatto io grande salto fino a Napoli. Quando si cambia pelle non è mai facile, quando contestualmente si affronta il primo campionato di serie A bisogna avere le idee chiare, sin dall'inizio e avere il coraggio di portarle avanti. Oppure si rischia di portare confusione su confusione. Noi auguriamo al Carpi di risollevarsi da questa impasse il prima possibile ma non sarà semplice. Sogliano ha deciso di lasciare una volta che ha capito come sarebbe andata la situazione: gesto da non sottovalutare, neanche questo. Come a dire: la mia dignità (e la mia indipendenza) non ha prezzo. Evidentemente non c'era il giusto feeling con il presidente, come invece era successo in passato.
Resiste invece Mandorlini con un attestato di stima non comune da parte delle società: esistono delle "scusanti" per i risultati che non arrivano e la squadra è com l'allenatore. Ecco perché a Verona hanno deciso di continuare con lui. E chissà che questa non possa essere la mossa vincente, in un campionato dove generalmente le cose funzionano in un altro verso. Avevano provato a farlo a Bologna: resistere, ma si sono dovuti arrendere a una squadra che con grande difficoltà riusciva a mettere in campo quello che gli chiedeva Rossi. Con il cambio in panchina ne ha beneficiato soprattutto Destro che si è finalmente sbloccato. Vedremo se è un caso o se era un problema di testa e rapporti.
Infine il Genoa che sta vendendo la società. Preziosi intervistato da Telenord ha dichiarato che "il closing ci sarà entro la fine di Dicembre e che io resterò presidente finché non ci sarà qualcuno che dirà che non servo più". Difficile che sia Calabrò, con il quale si è stretto la mano e con il quale ha stretto anche un patto per rendere il Genoa sempre più competitivo. E visto che il mercato di gennaio è vicino i nomi a cui sta guardando il Genoa sono entrambi in B. Uno è Sensi del Cesena per il quale Preziosi vanta un'opzione proprio con il ds dei bianconeri Foschi, l'altro è Lapadula, attaccante del Pescara che sta facendo molto bene anche in B. In ogni caso, giura Preziosi, a gennaio il Genoa interverrà e non farà scommesse...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.