HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Le lezioni di Juve e Roma: a tutti. Sarri e il suo sogno e i prestiti “vietati”

12.04.2018 07:53 di Luca Marchetti   articolo letto 26288 volte
© foto di Federico De Luca

È una beffa. Forse la peggiore. Un rigore, di cui discuteremo anche a lungo, nel tempo di recupero, con addirittura l’espulsione di Buffon, raramente visto così arrabbiato. La Juventus stava raddoppiando l’impresa della Roma, e sarebbe stato duro dover scegliere quale sarebbe stato il miracolo più grande.
La Spagna, le due spagnole, le più ricche del mondo sarebbero uscite. Insieme al City e allo United. Sarebbe stata la Champions delle idee e dei progetti. Rimane una grande competizione, con dei grandi campioni e un amaro in bocca, indipendentemente dalla squadra per cui fate il tifo. Perché la Juventus nei 180 minuti avrebbe meritato il passaggio del turno. Sia per la partita di andata, in cui non avrebbe probabilmente meritato nonostante un CR7 strepitoso, sia per quella di ritorno giocata in maniera magistrale soprattutto di testa. Come ha fatto la Roma. Ribaltando un 4-1 non veritiero e schiantando il Barcellona. L’Italia dimostra di essere ancora viva più che mai. Nonostante il passaggio del turno del Real, nonostante non andiamo ai Mondiali, nonostante i campionissimi vadano a giocare altrove e in Italia pare siano solo di passaggio. In Italia campioni si diventa. E la Juve ha dimostrato di saperli scovare nel corso di questi anni con grande continuità senza riunciare a vincere. Né in Italia né in Europa. Una serata che sarebbe potuta essere epica consegna consapevolezza che anche il terzo ciclo Juve funziona, anche in Europa. Alla pari con quelli che ti avevano massacrato, quelli che ti avevano sbattuto in faccia coppe e biciclette. Che per 3 secondi hai sperato di portare ai supplementari. Per 3 secondi quel CR7 la firma ce la mette sempre e ha esultato per un gol su rigore come se fosse il più importante della sua carriera.
Messi neanche quello ha fatto. Non ha potuto. I due matador del pallone d’oro annichiliti e quasi annientati da due condottieri speciali come Allegri e Di Francesco. Da progetti in espansione e crescita. Da un’impostazione europea che la Roma si sta dando e che sta costruendo anche con le scelte di mercato: Manolas rimane e porta la Roma in semifinale, Dzeko rimane e ne fa due al Barcellona fra andata e ritorno. O De Rossi che non ha mai pensato ad andare via. Roma oggi è appartenenza. È progetto solido. Che Pallotta vuole consolidare ancora di più. Analizzarli e metterli a confronto non è semplice: due anime diverse, necessità diverse. Portafogli diversi. Anche se il portafoglio, ci ha dimostrato la Champions, non conta poi così tanto. Come direbbe il mio barista: il calcio è poesia, non fatturato.
È vero, Sarri cambierà casa. Ma non è detto che non ne trovi una nuova a Napoli, anzi. Il fatto che cambi casa insomma non c’entra nulla con il suo comtratto, quanto con quello di locazione... anzi magari potrebbe essere una buona idea per De Laurentiis inserire il bonus casa (come era già successo a Benitez) per sbloccare la situazione. Intanto il presidente è tornato in Italia e ha convocato una riunione con tutti i suoi collaboratori di tutte le aree che compongono il Napoli. Prima di incontrare Sarri però probabilmente si aspetterà la Juventus, per due motivi: il primo che sarà più chiaro cosa succederà nel testa a testa con i bianconeri per il campionato, il secondo è perché la prossima settimana ci saranno tre impegni in sette giorni (a finire proprio con la Juve) e non ci sarebbe tanto tempo per altri discorsi, contratto compreso. Quindi bisognerà aspettare ancora, anche se obiettivamente, forse tutta questa fretta non c’è. Giustamente De Laurentiis vuole avee le idee chiare (e vorrebbe continuare con Sarri). Il quale, altrettanto giustamente, vuole pensare al campionato, per tentare anche lui l’impresa. Non è un gioco di attese, e non sappiamo quanto realmente Sarri ora abbia in mano delle offerte concrete. Che piaccia a mezza Europa non c’è dubbio: chi lo vuole deve ricordarsi però che la clausola scade il 31 maggio, quella da 8 milioni...
Per chiudere una considerazione sul discorso prestiti. Tecnicamente la Fifa sta ragionando sulla possibilità di limitare troppi prestiti a una stessa società (da una società specifica). Quindi non è un’abolizione totale del prestito ma sull’abuso. Una situazione che poi potrebbe essere assolutamente mitigata (almeno in Italia) dalla possibile realizzazione di squadre B ed eventualmente anche da un utilizzo più consapevole e frequente della “recompra”, anzi pr dirla in italiano del “riacquisto”. Quindi nessuna rivoluzione: al massimo aggiustamenti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->