VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Le panchine di marzo e il giallo di Zamparini. Inter, un altro parametro zero

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
10.03.2016 08.32 di Luca Marchetti   articolo letto 35148 volte
© foto di Federico De Luca

Quando arriva marzo le panchine tengono banco. Sondaggi, novità, interessamenti, progetti, incontri. Ma mai potevamo immaginare che Palermo fosse il centro delle panchine. Già la stagione del rosanero sembrava un film corale: uno di quelli dove tutti i principali attori del momento si ritrovano, anche con una piccola parte, tutti nella storia. Solo che questa storia sta assumendo invece che caratteri della commedia quella di un film drammatico. Finora sui cambi d'umore di Zamparini in molti avevano scherzato. Peraltro lui ha sempre fatto così, è sempre stato definito vulcanico. Fa e disfa. Aveva chiesto anche scusa, in questa stagione. Dopo l'ultima intervista in cui veniva massacrato però Iachini ha detto basta. Non ce la fa più, sperava che il presidente fosse veramente cambiato, ma non è così. Richiamo Ballardini, ma Ballardini non lo vuole lo spogliatoio (che vorrebbe che rimanesse Iachini, ma neanche loro sono riusciti a convincere l'ormai ex allenatore del Palermo) e Ballardini non trova l'accordo (perché si era svincolato) con Zamparini. Così mentre da Boccadifalco gli ex collaboratori di Iachini sono divisi fra campo e valige Zamparini butta sul piatto tre allenatori: Novellino, Corini e Colomba. Alla fine è stato scelto Novellino, che sarà allenatore dei rosanero fino alla fine dell'anno senza alcun vincolo per il futuro.

Il problema è che comunque vada a finire con la questione panchina, tutto questo ha portato ad un Palermo in caduta libera ad un punto appena dal Frosinone terzultimo. Ecco perché un film drammatico. Mai nessuno aveva pensato (dopo il primo esonero di Iachini) che il Palermo potesse essere messo così male. E il presidente Zamparini (che per il Palermo ha fatto tanto in tutti questi anni) dovrebbe capire che purtroppo per lui e per i tifosi tutto questo è la logica conclusione dei suoi interventi, almeno quest'anno, non facilmente comprensibili.

Dopo una storia così articolata e avvincente pensate che sia meglio interessarsi del resto delle panchine di A? Potrebbe non essere abbastanza interessante. Anche perché di punti fermi non ce ne sono, molto dipende anche da come finisce la stagione. Alla Juventus sono sicuri che si proseguirà con Allegri senza problemi e che il rinnovo potrebbe addirittura essere annunciato dopo il ritorno di Champions con il Bayern, indipendentemente dal risultato. Al Napoli la situazione di Sarri è particolare. Perché se i risultati del suo lavoro sono sotto gli occhi di tutti De Laurentiis gli ha fatto firmare un contratto talmente particolare che sono pochi gli appigli per chiedere un aumento, a meno che il presidente non decida di fare un regalo a chi l'ha riportato in alto. 5 anni ma con rinnovo automatico soltanto in favore del presidente. Per questo De Laurentiis continua a dire che decide lui sul rinnovo di Sarri. Scendendo in classifica (e saltando Spalletti, che delle prime è quello con più le percentuali più alte di permanenza, visto anche il lavoro che ha fatto) troviamo Sousa. A Firenze vorrebbero farlo rimanere: i risultati parlano chiaro. Bisognerà capire quali sono le squadra che concretamente si sono interessate a lui. Perché è vero che la Juventus lo sta studiando, ma è anche vero, come abbiamo detto poche righe fa, che sono convinti di tenersi Allegri. Mancini è un altro degli allenatori legati ai risultati: con il terzo posto in tasca sarebbe tutt'altra musica. Il periodo peggiore sembra essere passato, ora bisogna rincorrere. Perché se l'Inter non è da scudetto (ancora) non andare in Champions sarebbe comunque un bel problema. E poi il Milan, giusto per fermarsi alle grandi. Forse qui i risultati conteranno meno, nonostante la possibilità di alzare un trofeo. Il rapporto fra Berlusconi e Mihajlovic è ai minimi termini, da ambo le parti. Difficile, ora, pensare che tutto sarà ricomposto nel giro di pochi mesi. Più facile che tutto cambi. Per andare dove? Sta risalendo posizioni su posizioni Di Francesco (che potrebbe interessare anche all'Inter così come Montella). Insomma cambiamenti sì, ma ancora è una nebulosa. Pensate all'Udinese che non trova l'allenatore per chiudere la stagione (visto che Colantuono ormai non gode più della fiducia incondizionata della famiglia Pozzo) visto che per l'anno successivo c'è già un big prenotato (e c'è chi sussurra il nome di Pioli c'è chi invece che il posto sia per Widmer).

L'Inter ha messo le mani su un altro parametro zero. E così dopo Banega un altro buon colpo per i nerazzurri. Si chiama Caner Erkin e Ausilio aveva provato a prenderlo anche prima di arrivare a Telles sfruttando proprio la sua situazione di giocatore con un anno soltanto alla scadenza di contratto. Poi sono cambiate strategie e opportunità. Non il gradimento nei confronti del ragazzo: e infatti dopo 12 mesi eccoci qua di nuovo con il contratto pronto da firmare appena passa le visite mediche. Tre anni a circa due milioni (nonostante ancora non ci sia accordo totale). L'Inter continua a portarsi avanti: passi in avanti concreti anche con il procuratore di Brozovic pere il rinnovo.

Mentre invece uno dei corteggiamenti più lunghi del calciomercato sta per finire. Maksimovic Napoli evidentemente non è un matrimonio che doveva funzionare. Ancora fra Torino e partenopei c'è troppa distanza, e ultimamente si è inserito anche lo United.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.