VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Le panchine di marzo e il giallo di Zamparini. Inter, un altro parametro zero

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
10.03.2016 08:32 di Luca Marchetti   articolo letto 35168 volte
© foto di Federico De Luca

Quando arriva marzo le panchine tengono banco. Sondaggi, novità, interessamenti, progetti, incontri. Ma mai potevamo immaginare che Palermo fosse il centro delle panchine. Già la stagione del rosanero sembrava un film corale: uno di quelli dove tutti i principali attori del momento si ritrovano, anche con una piccola parte, tutti nella storia. Solo che questa storia sta assumendo invece che caratteri della commedia quella di un film drammatico. Finora sui cambi d'umore di Zamparini in molti avevano scherzato. Peraltro lui ha sempre fatto così, è sempre stato definito vulcanico. Fa e disfa. Aveva chiesto anche scusa, in questa stagione. Dopo l'ultima intervista in cui veniva massacrato però Iachini ha detto basta. Non ce la fa più, sperava che il presidente fosse veramente cambiato, ma non è così. Richiamo Ballardini, ma Ballardini non lo vuole lo spogliatoio (che vorrebbe che rimanesse Iachini, ma neanche loro sono riusciti a convincere l'ormai ex allenatore del Palermo) e Ballardini non trova l'accordo (perché si era svincolato) con Zamparini. Così mentre da Boccadifalco gli ex collaboratori di Iachini sono divisi fra campo e valige Zamparini butta sul piatto tre allenatori: Novellino, Corini e Colomba. Alla fine è stato scelto Novellino, che sarà allenatore dei rosanero fino alla fine dell'anno senza alcun vincolo per il futuro.

Il problema è che comunque vada a finire con la questione panchina, tutto questo ha portato ad un Palermo in caduta libera ad un punto appena dal Frosinone terzultimo. Ecco perché un film drammatico. Mai nessuno aveva pensato (dopo il primo esonero di Iachini) che il Palermo potesse essere messo così male. E il presidente Zamparini (che per il Palermo ha fatto tanto in tutti questi anni) dovrebbe capire che purtroppo per lui e per i tifosi tutto questo è la logica conclusione dei suoi interventi, almeno quest'anno, non facilmente comprensibili.

Dopo una storia così articolata e avvincente pensate che sia meglio interessarsi del resto delle panchine di A? Potrebbe non essere abbastanza interessante. Anche perché di punti fermi non ce ne sono, molto dipende anche da come finisce la stagione. Alla Juventus sono sicuri che si proseguirà con Allegri senza problemi e che il rinnovo potrebbe addirittura essere annunciato dopo il ritorno di Champions con il Bayern, indipendentemente dal risultato. Al Napoli la situazione di Sarri è particolare. Perché se i risultati del suo lavoro sono sotto gli occhi di tutti De Laurentiis gli ha fatto firmare un contratto talmente particolare che sono pochi gli appigli per chiedere un aumento, a meno che il presidente non decida di fare un regalo a chi l'ha riportato in alto. 5 anni ma con rinnovo automatico soltanto in favore del presidente. Per questo De Laurentiis continua a dire che decide lui sul rinnovo di Sarri. Scendendo in classifica (e saltando Spalletti, che delle prime è quello con più le percentuali più alte di permanenza, visto anche il lavoro che ha fatto) troviamo Sousa. A Firenze vorrebbero farlo rimanere: i risultati parlano chiaro. Bisognerà capire quali sono le squadra che concretamente si sono interessate a lui. Perché è vero che la Juventus lo sta studiando, ma è anche vero, come abbiamo detto poche righe fa, che sono convinti di tenersi Allegri. Mancini è un altro degli allenatori legati ai risultati: con il terzo posto in tasca sarebbe tutt'altra musica. Il periodo peggiore sembra essere passato, ora bisogna rincorrere. Perché se l'Inter non è da scudetto (ancora) non andare in Champions sarebbe comunque un bel problema. E poi il Milan, giusto per fermarsi alle grandi. Forse qui i risultati conteranno meno, nonostante la possibilità di alzare un trofeo. Il rapporto fra Berlusconi e Mihajlovic è ai minimi termini, da ambo le parti. Difficile, ora, pensare che tutto sarà ricomposto nel giro di pochi mesi. Più facile che tutto cambi. Per andare dove? Sta risalendo posizioni su posizioni Di Francesco (che potrebbe interessare anche all'Inter così come Montella). Insomma cambiamenti sì, ma ancora è una nebulosa. Pensate all'Udinese che non trova l'allenatore per chiudere la stagione (visto che Colantuono ormai non gode più della fiducia incondizionata della famiglia Pozzo) visto che per l'anno successivo c'è già un big prenotato (e c'è chi sussurra il nome di Pioli c'è chi invece che il posto sia per Widmer).

L'Inter ha messo le mani su un altro parametro zero. E così dopo Banega un altro buon colpo per i nerazzurri. Si chiama Caner Erkin e Ausilio aveva provato a prenderlo anche prima di arrivare a Telles sfruttando proprio la sua situazione di giocatore con un anno soltanto alla scadenza di contratto. Poi sono cambiate strategie e opportunità. Non il gradimento nei confronti del ragazzo: e infatti dopo 12 mesi eccoci qua di nuovo con il contratto pronto da firmare appena passa le visite mediche. Tre anni a circa due milioni (nonostante ancora non ci sia accordo totale). L'Inter continua a portarsi avanti: passi in avanti concreti anche con il procuratore di Brozovic pere il rinnovo.

Mentre invece uno dei corteggiamenti più lunghi del calciomercato sta per finire. Maksimovic Napoli evidentemente non è un matrimonio che doveva funzionare. Ancora fra Torino e partenopei c'è troppa distanza, e ultimamente si è inserito anche lo United.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.