VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Lucarelli e l'occasione persa. Serve una notte da Juve. Napoli, senza Champions sarebbe l'ennesimo fallimento. Da Reggio Calabria a Frosinone, un anno dopo zero risposte. E a Varese nessun controllo...

Nato ad Avellino il 30-09-1983, si è trasferito a Milano per lavorare ad Eurosport e Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb dal 2007 e di Sportitalia. Conduttore del Gran Galà del Calcio AIC 2011 e 2012, fondatore della società Micri Communicat
16.03.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 36958 volte
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS

Tifiamo le italiane in Europa League perché ovviamente non possiamo andare contro il bel Paese ma che seccatura queste partite al lunedì. La domenica pomeriggio, una volta, era sacra. Oggi non gioca più nessuno e neanche i tifosi della rispettive squadre sanno più quando andare, eventualmente, allo stadio. Vogliamo riavvicinare la gente alle tribune e poi piazziamo le partite di lunedì alle 19. D'accordo il riposo ma poi non lamentiamoci che il cassiere piange miseria. La buffonata Parma continua, così Lega e Federazione sono contente e l'umiliazione per la squadra ducale non si placa. Se Lucarelli avesse voluto salvare veramente la dignità, sua e dei compagni, non avrebbe giocato neanche quando gli hanno prospettato il piano salva-Parma che non era null'altro che un piano salva credibilità per i vertici del nostro calcio. Poteva essere un eroe e, invece, è stato solo un megafono che si è spento non appena ha tolto il dito dal pulsante. Ditemi voi che senso ha far giocare il Parma che, sul campo, è già retrocesso e fuori dal campo è bello che morto. Ma Leonardi che fine ha fatto? Sarà rimasto inghiottito dal fumo del suo sigaro? Almeno ci metta la faccia e ci spieghi perché ha voluto portare avanti la tratta dei duecento calciatori. Se ci spiega non è detto che da bonaccioni non gli diamo anche ragione. Parliamo di cose belle che è meglio.
La Juve è Campione d'Italia nel deserto della qualità e tra i fantasmi degli avversari. Se fossi tifoso juventino neanche festeggerei. Allegri ha vinto contro nessuno, bravo lui certo ma ora sarebbe bello vedere un trionfo europeo; per ora accontentiamoci del passaggio del turno. Serve una notte da vera Juventus, non quella sbiadita in campionato delle ultime giornate. Ci aspettiamo una prova autoritaria e autorevole, dimenticando il mini vantaggio dell'andata e speriamo che i bianconeri vadano a dettare legge nella bolgia di Dortmund. Allegri ha una difesa di sostanza, un centrocampo di qualità e un attacco prolifico e imprevedibile. 60-40, in percentuale, per la Juve.
L'allarme Napoli suona in piena notte, come una casa ben custodita, dove non ti aspetti la visita di nessuno e credi che sia solo un fastidio quella sirena che continua a suonare e devi disattivare. Il problema serio è che alla porta di De Laurentiis c'è Claudio Lotito e, di questo passo, anche se l'allarme continua a suonare la villa rischia di essere violata. Il cane che abbaia non c'è più, il bulldozer Rafa non morde perchè anche se si avvicina mentre stai scavalcando l'aiuola al massimo ti spaventa. Il problema è che il bulldozer non riconosce neanche più il padrone. Questo Napoli non ha identità e neanche cattiveria. Gabbiadini dovrebbe essere titolare anche nelle partitelle, in hotel, a biliardo e invece riscalda la panchina con troppa costanza. Il futuro di Benitez non aiuta a spronare la squadra e se il Napoli fallisce anche l'appuntamento con il terzo posto, il che vuol dire secondo anno consecutivo senza Champions in un campionato di scappati di casa, sarebbe un suicidio economico e calcistico di dimensioni enormi. Da Palermo a Torino, fino a Verona... Il giro d'Italia per rimediare solo schiaffi da Giulietta, con Romeo cornut e mazziat.
Siamo il Paese delle banane, questo ormai è risaputo, ma neanche ci gonfiamo di potassio. Sta arrivando il periodo più "bello" in serie B e siccome gli allarmi che lanciammo lo scorso anno sono andati via con il vento con Rossella Oara, quest'anno tutti si sentono giustificati. A Frosinone è successo qualcosa di censurabile, in attesa di verifica delle autorità competenti. L'Entella pareggia al 93' su rigore, succede un gran casino al termine del match e un vigile del fuoco ritrova sulla panchina dell'Entella un biglietto con su scritto "Pareggiamo su rigore". E per una volta il pompiere più che spegnere l'incendio getta benzina sul fuoco. Forse, prima della gara, sarà passato il mago Otelma o qualche deficiente ha deciso di mettere nero su bianco quello che spesso, e non volentieri, accade solo per vie orali, come la pastiglia del medico. Sta di fatto che a Frosinone gridano allo scandalo e noi neanche gridiamo più perché non abbiamo più voce e la credibilità del nostro campionato è minata da tempo. A marzo, aprile e maggio succede di tutto. Preparatevi e state certi che nessuno dirà nulla. Vi ricordate quando un anno fa scrissi di Reggina-Cittadella e chiesi, con cortesia, un'indagine della Procura Federale? Bene, l'inchiesta non ci fu e la spiegazione ufficiale fu che essendo il fatto avvenuto in campo, bisognava far fede al referto arbitrale. Quindi prova tv, Coly che dice a Gerardi butta fuori 'sta palla, lui sbaglia il rigore, due mesi dopo Gerardi firma un contratto per il Cittadella e nel tunnel si prendono a schiaffi e pugni è tutto lecito sportivo. Allora dissero che ero parte in causa perchè sposato con la sorella del Presidente del Novara, oggi non mi sto sposando con la sorella o la figlia del Presidente del Frosinone, Stirpe (Giuro!) eppure chiedo una verifica pubblica sulla regolarità del campionato di serie B. Il Presidente del Cittadella, Foscarini e Marchetti mi querelarono al Tribunale di Novara, oggi credo che qualcuno almeno dovrà dare delle spiegazioni. Non tanto a me che vado a vedere tutte le partite gratis ma a quei tifosi che ogni settimana pagano il biglietto se la squadra del cuore gioca in casa o biglietto e viaggio se vanno in trasferta.
Visto che ci siamo, va fatta una panoramica su quello che sta accadendo a Varese; un Parma in miniatura. Le difficoltà economiche di Laurenza non sono un reato nè una vergogna ma le apparizioni di Imborgia, ex collaboratore di Leonardi a Parma, andrebbero approfondite. Imborgia compare a ridosso del mercato di gennaio, da Direttore viene promosso a Vice-Presidente con Laurenza che scompare, cambia allenatore e prende Dionigi, dura due partite e tutto ad un tratto Imborgia che aveva dato una mano, una grande mano, a Laurenza non c'è più, tornano il vecchio Direttore, il vecchio allenatore e il vecchio Presidente. La squadra è ultima in classifica, le difficoltà economiche sono oggettive e se la squadra retrocede si iscriverà al prossimo campionato di Lega Pro? Bene, tanto valeva fare due controlli sui bilanci prima dell'iscrizione e si sarebbero accorti che almeno la metà dei club di B è in netta sofferenza.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.