HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Juve immobile sul mercato: è la decisione corretta?
  Si, questa squadra non ha bisogno di rinforzi adesso
  No, alla Juventus sarebbe servito un altro terzino
  No, bisognava portare subito Kulusevski a Torino
  No, il club forzi la mano per lo scambio Rakitic-Bernardeschi

La Giovane Italia
Editoriale

Maldini, in cerca di esperienza e alla ricerca della classe (persa a Genova): ecco cosa è successo. A Firenze ho visto la luce... classe 1997 e non è Chiesa

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
07.10.2019 11:20 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 32595 volte

Siete pronti a leggere una bestemmia pubblica? Eccola: in tutto questo strazio, al Milan, il meno colpevole è Marco Giampaolo. Un allenatore bravo, un grande teorico, non sempre un eccellente pratico a tal punto che pochi anni fa per far ripartire la sua carriera è dovuto scendere di categoria in serie C per guidare una Cremonese da metà classifica. Ognuno di noi ha i suoi pregi e i suoi difetti, ma se domani mattina mi chiama la BBC e non parlo inglese perché non ho avuto esperienza all'estero, non credo che la colpa sia mia che accetto ma del direttore della BBC che ubriaco mi ha affidato la direzione del canale e in due mesi vorrebbe farmi condurre il telegiornale in inglese. Passiamo agli aspetti pratici. Il Milan non ha una rosa da metà classifica, come lo scorso anno non aveva una rosa da quarto posto. In questi casi gli allenatori devono fare la differenza e Gattuso era riuscito a fare quello che in molti credevano fosse scontato. La società in primis. Nessuno, tra tanti uomini di calcio, si era reso conto che Gattuso aveva reso possibile l'impossibile. La squadra è mediocre e se fai acquisti che non sono richiesti da Giampaolo, il quale si trova già alla prima esperienza con una grande, sicuramente non stai aiutando il tuo allenatore. E se lo metti in discussione pubblicamente, non spegnendo le voci dei giornalisti maligni, lo hai perso definitivamente, anche perché Giampaolo non ha nel carattere combattivo il suo pezzo forte del repertorio. La colpa è di proprietà (inesistente) e di Gazidis, professore di inglese che non ha mai capito realmente che in Italia siamo un Paese a parte. A cascata arriviamo sulle colpe principali. Chiediamo scusa a Galliani che se, in tanti anni, non ha tirato dentro campioni del passato un motivo ci sarà stato. Boban è un grande politico e un ottimo commentatore televisivo. Esperienze in battaglia: zero. Massara fa l'osservatore ed è un altro mestiere rispetto al direttore sportivo e Paolo Maldini resta e resterà la bandiera di questa società, una dinastia rossonera e una grande famiglia di calcio, ma se voleva da Galliani, ai tempi, carta bianca perché non gli piaceva fare il manichino allora dovrebbe dare qualche risposta a chi finalmente gliel'ha data. Premessa: nulla contro Maldini che è un grande, un personaggio di altissimo livello ma per troppi anni fermo, arrugginito e senza alcuna esperienza dirigenziale. Talmente inesperto che a Genova è successo di tutto. Vi raccontiamo il fatto. Intervallo di Genoa-Milan, siamo in Tribuna d'Onore. La Tribuna a Genova è piccolina, uno addosso all'altro. Passano Gazidis, Boban e Maldini. Un tifoso, sulla cinquantina, urla dicendo "A casa, voi e quello là" indicando Marco Giampaolo. Il tifoso rossonero è un uomo abbastanza conosciuto nel mondo delle 4 ruote perché un manager di spessore di una grossa azienda. Tifoso del Milan doc. Sabato sera ha deciso di portare per la prima volta il figlio piccolo allo stadio. Voi starete pensando: perché deve urlare alla società di andare a casa? Perché il tifoso è deluso e senza insultare nessuno allo Stadio puoi dire ciò che vuoi, senza andare oltre. Il tifoso-manager non è andato oltre... Maldini sì. Cosa è successo davanti a centinaia di persone e a politici della Regione Liguria? Una sceneggiata non alla Maldini. Va a 20 centimetri dalla faccia del manager-tifoso, si avventa su questa persona e come un ossesso gli grida "Chi cazzo sei coglione", frase ripetuta con gli occhi spalancati 5-6 volte. Addirittura una reazione spropositata che ha obbligato lo staff ad intervenire. Era da poco finito il primo tempo. Un atteggiamento di scarsa professionalità (siamo al Milan) e di un nervosismo che sta divorando i dirigenti rossoneri; Maldini in primis. Tra le parti non c'è più sintonia. Una sceneggiata non alla Maldini, ma - da persona seria qual è - basterà chiedere scusa al tifoso. Capiamo il nervosismo e sappiamo che il calcio logora tutti. Non siamo bacchettoni da fare la morale, ci mancherebbe, ma forse Maldini dovrebbe una spiegazione anche perché allo stadio a vedere il grande Maldini insultare il papà c'era un bambino alla sua prima volta in uno stadio.
Chiusa la parentesi Milan, che meritava ampio spazio, volevo solo fare una riflessione su un calciatore che conosciamo da tempo ma che ieri in Fiorentina-Udinese mi ha clamorosamente impressionato. Lo conosco dai tempi di Bari ma mai avrei immaginato di vederlo a questi livelli. Gaetano Castrovilli classe 1997. Attenzione: non sto dicendo che l'ho scoperto ieri, anche perché a Cremona lo abbiamo seguito passo passo, ma un ragazzo che passa dalla serie B a questi livelli in A con la Fiorentina è quasi sconvolgente. Ieri, contro un'ottima Udinese che ha fatto vedere enormi progressi, questo ragazzo ha comandato il centrocampo. Ha quantità, qualità, personalità e tiro. Signori, va bene parlare di Chiesa (anche lui classe 1997) che vale 70-80-90, ma una mezzala così non è facile trovarla. Castrovilli, se dovesse continuare così, varrà almeno 40 milioni di euro. Sono rimasto sorpreso perché era ovunque. Non conosco il ragazzo, non so chi sia l'agente e non ho bisogno di fare marchette. Ormai ci conosciamo da un po'. Scriverò un sms a Pradè, però, per farmi mandare la maglia autografata perché chiedere quella di Ribery è troppo facile. Chi chiede quella di Castrovilli, oggi, potrebbe essere riconosciuto come intenditore domani.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: una (non) novità di mercato e l'idea di Sarri su Ronaldo. Inter: la cifra per Eriksen, il piano per Moses e... un po' di calma. Milan: Ibra ma non solo Ibra. Napoli: sta accadendo qualcosa di grottesco 21.01 - Dieci giorni e finisce il mercato. Se questa notizia vi intristisce avete un problema. Procediamo. L’Inter ha giocato una partita discretamente brutta a Lecce. I padroni di casa hanno alzato le barricate in modo intelligente ed efficace, i loro avversari non hanno trovato alternative...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Marotta-Ausilio, una decisione per il bene dell'Inter. Napoli, crisi senza fine. Milan a 2 punte: serviva anche la fortuna. Lazio, che show 20.01 - Secondo pareggio di fila, questa volta più indigesto rispetto a quello precedente con l'Atalanta. Il Lecce si conferma fermagrandi. Al Via del Mare, dopo la Juventus, non passa neanche l'Inter. I problemi, però, restano. Per la corsa al titolo questi due punti pesano. Eccome. La settimana...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il naufragio della trattativa tra Inter e Roma è la triste fotografia di questo mercato. Le lacrime di Politano, lo sguardo di Spinazzola e il peso dei giocatori nel calcio di oggi 19.01 - Matteo Politano, con la sciarpa della Roma, aveva un sorriso grande come un sogno. Sulla pelle un tatuaggio: Matteo bambino, la sedici sulle spalle troppo larga per contenere tutte le speranze. Ai piedi un Super Santos, davanti San Pietro. Davanti Roma, casa, terra premessa e ora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, Eriksen in dirittura d’arrivo, accelerata per Moses. Lazaro in uscita, Vecino ha mercato in Premier. Il Milan pensa a Olmo per il dopo Suso. Il Napoli insiste per Amrabat, Llorente e Ghoulam restano 18.01 - L’Inter è sempre più vicina ad Eriksen. Il giocatore ha già comunicato al Tottenham di volere andare via a gennaio e ha scelto il club nerazzurro. La cena di mercoledì sera tra Marotta e il suo agente ha suggellato definitivamente l’operazione. Ora serve solo limare un po’ la distanza...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter da scudetto: presi Eriksen, Young, Giroud e Spinazzola. Vidal in attesa. Milan, Under per Suso. Rrahmani del Napoli. Gasperini, clamoroso autogol 17.01 - Presi Young, Giroud e Spinazzola, praticamente fatta per Eriksen: è il grande giorno dell’Inter. E se qualcuno poteva avere ancora qualche dubbio, Marotta e Ausilio li hanno spazzati via tutti: i nerazzurri vogliono lo scudetto. La strategia già chiara da qualche settimana sta diventando...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Inter scatenata: blitz a Londra, ancora attesa per lo scambio con la Roma, e anche il Milan ora parla con i giallorossi 16.01 - Si muove - eccome - il mercato, fra Milano, Londra e Roma. Andiamo per ordine. Intanto blitz a Londra di Piero Ausilio, volato nella capitale inglese per approfondire i discorsi relativi a Eriksen e Giroud. Sul danese si è certificata, in un ulteriore incontro con il suo procuratore,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Eriksen-Inter: ci siamo. PSG sorpassato, ecco la richiesta del Tottenham. Il Best XI del girone d’andata: vince l’Inter, i tifosi non votano Cristiano Ronaldo, quattro allenatori davanti a Conte 15.01 - Si entra nel vivo. Giro di boa del mercato di gennaio, e l’Inter prova a sferrare l’attacco decisivo per Eriksen. La settimana scorsa vi informavamo di come i nerazzurri fossero davanti a tutti nella trattativa per il giocatore, adesso dopo 7 giorni la situazione è in rapidissima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema di Sarri non è in campo (e per la difesa c'è...). Inter: Eriksen e Spinazzola (con Politano a Roma) a un passo! Milan: Ibra, il modulo... ma c'è di più. Napoli: mercato caldissimo 14.01 - Cose che sono successe nelle ultime ore e che mescoliamo con il calcio per creare ulteriore confusione. 1)      Salvo Veneziano è stato eliminato dal Grande Fratello ed è svincolato: può essere un buon rinforzo per molte squadre. 2)      Tal Favoloso era scomparso, ma per...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter, sei arrivata corta: serve il mercato. Rinnovo Ausilio meritato. Milan, finalmente il cambio modulo. La C è tornata dopo un mese: a cosa è servito?. Dal Pino in Lega ma più poteri a De Siervo 13.01 - Che l'Inter stia facendo molto di più di quello che ci aspettavamo è un semplice dato di fatto. Beppe Marotta ha lavorato benissimo in estate, ma lui stesso era consapevole lo scorso 2 settembre che bisognava aggiungere pezzi a gennaio e, soprattutto, completare la rivoluzione in...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Una lezione anche a San Siro: Gasperini è il miglior allenatore italiano. E' il Re di Bergamo e sarà difficile schiodarlo, ma chi vorrà provarci eviti l'errore della Roma 12.01 - Inter-Atalanta è stata una bella partita, uno spettacolo che è difficile da vedere altrove quando si parla di Serie A. Lo è stata perché il pressing di questa Inter è da studiare, è il segreto del successo di una squadra che arriva al giro di boa con 46 punti (meglio dell'anno del...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510