VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Mancini-Inter: 4 buchi neri di mercato. Napoli, Sinisa non è convinto, Zenga a Genoa. Psg: Cavani resta, Ibra va. Milan: Ancelotti scalda Donadoni. Milan: Mr. Bee, l'onore delle armi

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
30.05.2015 07.22 di Mauro Suma   articolo letto 80173 volte

Abbiamo già avuto modo di sostenere che all'Inter c'è un uomo solo al comando in tema di mercato: Roberto Mancini. Decide lui chi e come. Sul piano del primo contatto e sul piano tecnico. Non può evidentemente decidere lui sul piano economico e qui sta il punto. L'Inter, che fa incontri al chiuso e che non riesce ad essere mediatica come il Milan nonostante il mandato ad esserlo coniato al suo arrivo dal presidente Thohir, difficilmente costruirà l'ossatura per la quale si era speso Roberto Mancini. I nomi: Pepe Reina, Toulalan, Yaya Tourè e Dybala, ovvero la spina dorsale di una squadra importante. Con Tourè contatti quotidiani, con Dybala quattro telefonate produttive e costruttive. Da ambienti manciniani trapela che era tutto fatto, per tempo. Ma anche che cautele economiche e prudenze sui tempi hanno fatto prima slittare e poi con ogni probabilità saltare tutto. E a Mancini sono girati i cosiddetti. Non al punto di lasciare, perché l'uomo oggi è più sereno rispetto al Marzo 2008 (Inter-Liverpool) e poi perché sa bene che le quattro operazioni non sono state chiuse per disagi sui conti e non certo per un dispetto nei suoi confronti. Ma da oggi in poi i conti devono tornare e Mancini si è rasserenato con la promessa del presidente Thohir di investire 60 milioni sul mercato. Nella settimana dello storico non possumus della Pirelli di Marco Tronchetti Provera, delle rivelazioni sui paradisi fiscali e delle incognite post Novembre 2016, quei 60 milioni promessi sono una boccata d'ossigeno.

Due settimane fa, confermano da Bogliasco, Sinisa Mihajlovic ha incontrato direttamente il presidente del Napoli, De Lurentiis. Confronto diretto. A tu per tu. Conoscenza, ragionamenti, programmi. Per farla breve, sembra non sia scoccata la scintilla. Sembra che l'incontro non sia andato bene. Noi abbiamo la versione vista da Bogliasco e non conosciamo quella partenopea. Ma nonostante la spinta data in settimana dal presidente Ferrero e che sembrerebbe confermare il contrario o che potrebbe essere anche un tenativo a cielo aperto di ricucitura, abbiamo più di un dubbio che Mihajlovic possa allenare a Napoli la prossima stagione. A questo punto, visto che il presidente Berlusconi sembra avere nei confronti di Sinisa dubbi sul piano umano e caratteriale in chiave Milan e non su quello tecnico e professionale, Mihajlovic potrebbe anche optare, extrema ratio, per una destinazione ad oggi non editata o anche rimanere a Genova. Dove, intanto, l'ambiente blucerchiato parla ormai con sicurezza e fondatezza dell'arrivo di Walter Zenga.

Dal Paris Saint Germain continuano a ripeterlo: quello che parte è Ibrahimovic, non Cavani. Vero o non vero lo vedremo. Premesso che potrebbe anche essere vero, è però il mercato che fa il mercato e se le offerte dovessero arrivare per l'uruguagio e non per lo svedesaccio, anche a Parigi dovranno prenderne atto. Il programma di partenza è però definito: dopo tre anni, Ibra può partire. Cavani meglio di no. Questo pensa il PSG. Perfino elementare che se parte Ibra e resta Cavani, la Juventus non entra nel giro. Lo farebbe solo in caso contrario, dovendo anche recuperare con Parigi dopo l'operazione Coman.

Carlo Ancelotti è stato bene con Galliani a Madrid, gli ha tirato su il morale dopo quella che lui definisce una brutta botta, l'esonero dal Real Madrid. Nel suo salotto di casa, Carlo, giovedì pomeriggio, con Galliani già sull'aereo per Malpensa, diceva all'amico di avere ancora dei dubbi ma che al Milan ci sta comunque pensando. A proposito, Carlo Ancelotti e Adriano Galliani nei cinque incontri madrileni hanno parlato per la prima volta di giocatori giovedì tra le 11 e le 13. Non è vero dunque che Ancelotti dovesse essere convinto dal progetto tecnico. Dall'offerta economica che ha ricevuto dal Milan come suo ingaggio, ha capito che quest'anno il Milan fa sul serio. Gli allenatori misurano da questo l'entusiasmo e la carica di un progetto: se spendono così tanto per me, lo faranno anche per la squadra. A proposito: alla partenza di Galliani i pronostici erano che al massimo Carlo avrebbe pagato il conto del ristorante e poi si sarebbe eclissato, che era tutto inutile questo viaggio tanto era già tutto scontato e deciso. Ma state calmi. Intanto se Galliani è partito per Madrid è per un motivo chiaro e semplice. Aveva capito che se fosse rimasto a Milano, Ancelotti non sarebbe mai venuto. Le poche speranze che c'erano bisognava giocarsele a Madrid. Fatto, cinque volte e non una e poi stop. E che non fosse tutto inutile è dimostrato dal fatto che mercoledì sera lo staff di Ancelotti ripeteva agli amici che non c'era una possibilità su un milione e invece il giorno dopo, Adriano Galliani e Carlo Ancelotti, al telefono con Milan Channel, si trovavano di fronte, d'accordo e in sintonia, sul cinquanta e cinquanta letto, firmato e condiviso. A proposito, retroscena. Erano grandi amici al Milan, Ancelotti, Tassotti e Donadoni. Nel suo ultimo anno al Milan, 2008-2009, Carlo continuava a ripeterci: ma perché non Tassotti, Tassotti se lo merita, Tassotti è bravo. Allo stesso modo nei primi approcci madrileni, il discorso è finito anche su Donadoni. Ma perché non Roberto è bravo, Roberto eccetera. Ma il Milan ha solo in testa Ancelotti. Ma Donadoni è bravo. A Parma ne dicono un gran bene. E' serio, preparato, maturo, esperto al punto giusto, con uno staff eccellente e professionale.

Nonostante i dischi rotti del direttore sportivo e dello scouting da parte di avversari subdoli che si presentano ai tifosi del Milan con il sorrisino di fuori e la zizzania di dentro, il Milan e la sua proprietà sono giunti non a nuove politiche o a nuovi tentativi in direzioni epurative, ma a due conclusioni ormai scolpite. La Fininvest: i tempi e i costi del calcio di oggi non lasciano alternative, meglio cedere. Il presidente Berlusconi: capisco ma prima di andare definitivamente in quella direzione, voglio fare io il primo intervento di rilancio e di investimento. Sotto la mia guida e con il mio coinvolgimento. Le cose stanno così. Come ha confermato mercoledì sera la dottoressa Barbara Berlusconi: per amore dei tifosi, mio padre ha rinunciato ad una opportunità. Vero. Premesso: a noi non piace la tifoseria di Mr. Bee, estranea in questa vita e anche nella prossima ad ogni singolo anello della catena del dna del Milan. Ma lui, Mr. Bee, merita l'onore delle armi: è giusto sottolineare che è investitore credibile anche se discutibilmente "supportato". Ha fatto una due diligence seria. Con studi legali, banche d'affari e banche d'appoggio impeccabili. L'offerta fatta da Mr. Bee al presidente Berlusconi aveva tutti i crismi. E se Silvio Berlusconi ha scelto di puntare ancora più in alto, difficile quasi impossibile ma proprio di cose difficili e quasi impossibili si è nutrita tutta la sua vita, e nel frattempo di fare lui il primo piano di rilancio, non è per impastoiare un paio di promesse. Ma per fare sul serio. Che duri, facciamolo durare, l'entusiasmo del presidente Berlusconi. Perché questa deve essere l'estate della vita. Rossonera. Non dei dischi rotti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.