VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Mancini-Inter: 4 buchi neri di mercato. Napoli, Sinisa non è convinto, Zenga a Genoa. Psg: Cavani resta, Ibra va. Milan: Ancelotti scalda Donadoni. Milan: Mr. Bee, l'onore delle armi

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
30.05.2015 07:22 di Mauro Suma   articolo letto 80176 volte

Abbiamo già avuto modo di sostenere che all'Inter c'è un uomo solo al comando in tema di mercato: Roberto Mancini. Decide lui chi e come. Sul piano del primo contatto e sul piano tecnico. Non può evidentemente decidere lui sul piano economico e qui sta il punto. L'Inter, che fa incontri al chiuso e che non riesce ad essere mediatica come il Milan nonostante il mandato ad esserlo coniato al suo arrivo dal presidente Thohir, difficilmente costruirà l'ossatura per la quale si era speso Roberto Mancini. I nomi: Pepe Reina, Toulalan, Yaya Tourè e Dybala, ovvero la spina dorsale di una squadra importante. Con Tourè contatti quotidiani, con Dybala quattro telefonate produttive e costruttive. Da ambienti manciniani trapela che era tutto fatto, per tempo. Ma anche che cautele economiche e prudenze sui tempi hanno fatto prima slittare e poi con ogni probabilità saltare tutto. E a Mancini sono girati i cosiddetti. Non al punto di lasciare, perché l'uomo oggi è più sereno rispetto al Marzo 2008 (Inter-Liverpool) e poi perché sa bene che le quattro operazioni non sono state chiuse per disagi sui conti e non certo per un dispetto nei suoi confronti. Ma da oggi in poi i conti devono tornare e Mancini si è rasserenato con la promessa del presidente Thohir di investire 60 milioni sul mercato. Nella settimana dello storico non possumus della Pirelli di Marco Tronchetti Provera, delle rivelazioni sui paradisi fiscali e delle incognite post Novembre 2016, quei 60 milioni promessi sono una boccata d'ossigeno.

Due settimane fa, confermano da Bogliasco, Sinisa Mihajlovic ha incontrato direttamente il presidente del Napoli, De Lurentiis. Confronto diretto. A tu per tu. Conoscenza, ragionamenti, programmi. Per farla breve, sembra non sia scoccata la scintilla. Sembra che l'incontro non sia andato bene. Noi abbiamo la versione vista da Bogliasco e non conosciamo quella partenopea. Ma nonostante la spinta data in settimana dal presidente Ferrero e che sembrerebbe confermare il contrario o che potrebbe essere anche un tenativo a cielo aperto di ricucitura, abbiamo più di un dubbio che Mihajlovic possa allenare a Napoli la prossima stagione. A questo punto, visto che il presidente Berlusconi sembra avere nei confronti di Sinisa dubbi sul piano umano e caratteriale in chiave Milan e non su quello tecnico e professionale, Mihajlovic potrebbe anche optare, extrema ratio, per una destinazione ad oggi non editata o anche rimanere a Genova. Dove, intanto, l'ambiente blucerchiato parla ormai con sicurezza e fondatezza dell'arrivo di Walter Zenga.

Dal Paris Saint Germain continuano a ripeterlo: quello che parte è Ibrahimovic, non Cavani. Vero o non vero lo vedremo. Premesso che potrebbe anche essere vero, è però il mercato che fa il mercato e se le offerte dovessero arrivare per l'uruguagio e non per lo svedesaccio, anche a Parigi dovranno prenderne atto. Il programma di partenza è però definito: dopo tre anni, Ibra può partire. Cavani meglio di no. Questo pensa il PSG. Perfino elementare che se parte Ibra e resta Cavani, la Juventus non entra nel giro. Lo farebbe solo in caso contrario, dovendo anche recuperare con Parigi dopo l'operazione Coman.

Carlo Ancelotti è stato bene con Galliani a Madrid, gli ha tirato su il morale dopo quella che lui definisce una brutta botta, l'esonero dal Real Madrid. Nel suo salotto di casa, Carlo, giovedì pomeriggio, con Galliani già sull'aereo per Malpensa, diceva all'amico di avere ancora dei dubbi ma che al Milan ci sta comunque pensando. A proposito, Carlo Ancelotti e Adriano Galliani nei cinque incontri madrileni hanno parlato per la prima volta di giocatori giovedì tra le 11 e le 13. Non è vero dunque che Ancelotti dovesse essere convinto dal progetto tecnico. Dall'offerta economica che ha ricevuto dal Milan come suo ingaggio, ha capito che quest'anno il Milan fa sul serio. Gli allenatori misurano da questo l'entusiasmo e la carica di un progetto: se spendono così tanto per me, lo faranno anche per la squadra. A proposito: alla partenza di Galliani i pronostici erano che al massimo Carlo avrebbe pagato il conto del ristorante e poi si sarebbe eclissato, che era tutto inutile questo viaggio tanto era già tutto scontato e deciso. Ma state calmi. Intanto se Galliani è partito per Madrid è per un motivo chiaro e semplice. Aveva capito che se fosse rimasto a Milano, Ancelotti non sarebbe mai venuto. Le poche speranze che c'erano bisognava giocarsele a Madrid. Fatto, cinque volte e non una e poi stop. E che non fosse tutto inutile è dimostrato dal fatto che mercoledì sera lo staff di Ancelotti ripeteva agli amici che non c'era una possibilità su un milione e invece il giorno dopo, Adriano Galliani e Carlo Ancelotti, al telefono con Milan Channel, si trovavano di fronte, d'accordo e in sintonia, sul cinquanta e cinquanta letto, firmato e condiviso. A proposito, retroscena. Erano grandi amici al Milan, Ancelotti, Tassotti e Donadoni. Nel suo ultimo anno al Milan, 2008-2009, Carlo continuava a ripeterci: ma perché non Tassotti, Tassotti se lo merita, Tassotti è bravo. Allo stesso modo nei primi approcci madrileni, il discorso è finito anche su Donadoni. Ma perché non Roberto è bravo, Roberto eccetera. Ma il Milan ha solo in testa Ancelotti. Ma Donadoni è bravo. A Parma ne dicono un gran bene. E' serio, preparato, maturo, esperto al punto giusto, con uno staff eccellente e professionale.

Nonostante i dischi rotti del direttore sportivo e dello scouting da parte di avversari subdoli che si presentano ai tifosi del Milan con il sorrisino di fuori e la zizzania di dentro, il Milan e la sua proprietà sono giunti non a nuove politiche o a nuovi tentativi in direzioni epurative, ma a due conclusioni ormai scolpite. La Fininvest: i tempi e i costi del calcio di oggi non lasciano alternative, meglio cedere. Il presidente Berlusconi: capisco ma prima di andare definitivamente in quella direzione, voglio fare io il primo intervento di rilancio e di investimento. Sotto la mia guida e con il mio coinvolgimento. Le cose stanno così. Come ha confermato mercoledì sera la dottoressa Barbara Berlusconi: per amore dei tifosi, mio padre ha rinunciato ad una opportunità. Vero. Premesso: a noi non piace la tifoseria di Mr. Bee, estranea in questa vita e anche nella prossima ad ogni singolo anello della catena del dna del Milan. Ma lui, Mr. Bee, merita l'onore delle armi: è giusto sottolineare che è investitore credibile anche se discutibilmente "supportato". Ha fatto una due diligence seria. Con studi legali, banche d'affari e banche d'appoggio impeccabili. L'offerta fatta da Mr. Bee al presidente Berlusconi aveva tutti i crismi. E se Silvio Berlusconi ha scelto di puntare ancora più in alto, difficile quasi impossibile ma proprio di cose difficili e quasi impossibili si è nutrita tutta la sua vita, e nel frattempo di fare lui il primo piano di rilancio, non è per impastoiare un paio di promesse. Ma per fare sul serio. Che duri, facciamolo durare, l'entusiasmo del presidente Berlusconi. Perché questa deve essere l'estate della vita. Rossonera. Non dei dischi rotti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.