HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Marco, Piermario, Gabriele e Davide... Morire senza un perché!

05.03.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 16393 volte
© foto di Federico De Luca

Non c'è una spiegazione. Non puoi darti una risposta se non conosci la domanda. Non puoi andartene se tua figlia ha due anni e ha iniziato a parlare da poco. Se al mattino Vittoria si sveglia e non ti trova per la colazione o non può dire buonanotte al suo papà. Quando piange le basterebbe un bacio per tornare a letto tranquilla. Siamo credenti ma non possiamo credere che tutto questo sia possibile. L'hotel di Udine che ospitava la Fiorentina, negli ultimi 5-6 anni, ha ospitato tutte le squadre che affrontavano l'Udinese al Friuli. I calciatori erano di casa lì. Vedere uscire una bara da quell'albergo è stata una scena straziante, così come l'arrivo dei genitori e della compagna Francesca. Davide Astori ha sempre fatto parlare bene di sé nel mondo del calcio. In queste ore ogni riga scritta è superflua. Nessuno può dire qualcosa in più o qualcosa di nuovo. Le uniche testimonianze che contano sono quelle dei compagni o di chi lo conosceva per davvero. Il resto è inchiostro sprecato. Come sono sprecate queste poche righe perché o ci diamo una spiegazione a queste tragedie oppure non abbiamo neanche la forza e la possibilità di prendercela con qualcuno. Puoi urlare ma nessuno ti sente. Piermario Morosini ci lasciò su un campo di calcio e quelle immagini non le cancelleremo mai dalla nostra testa. Marco Simoncelli morì mentre stava coronando il suo sogno e le lacrime dei suoi fans e familiari bagnano ancora il volto di ognuno di loro. Gabriele Sandri era un tifoso scambiato per assassino da un vero assassino e la sua unica colpa era quella di amare la sua squadra. Lo sport perde tanti angeli che se ne vanno via troppo presto ma soprattutto senza un perché. Non si può morire così giovani con tante pagine ancora da scrivere. Non si può salutare una figlia, come si fa tutti i giorni senza poterla abbracciare più forte di un qualsiasi giorno della settimana, e non tornare più a casa. Non si può morire a 31 anni in un letto di albergo, solo in una stanza prima di una partita di calcio. Non c'è e non ci sarà mai una spiegazione per tutto questo dolore. Non posso portare testimonianze dirette perché conoscevo Astori come calciatore e professionista. L'unica immagine ravvicinata mi riporta a qualche anno fa, in qualche serata milanese. Ragazzo a posto, faceva il calciatore ma non era uno di quei montati fanatici. Educato e cortese. Salutava con garbo anche senza essere un amico. Non riuscirei ad aggiungere nulla perché risulterei inutile e banale. Sicuramente, come tutto il mondo del calcio e non solo, mi sento di abbracciare genitori, compagna e figlia. Perché un dolore così ti rompe lo stomaco e ti fa venire solo voglia di rivedere le immagini in campo di Astori. Un gol al Verona oppure uno con il Cagliari sul neutro di Trieste. Un difensore che, a volte, faceva anche gol. La vita non ha avuto rispetto per tutti questi ragazzi che portiamo nel cuore e che non vogliamo dimenticare solo perché gli anni passano come treni sulle rotaie.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: in attesa del "miracolo Modric" si punta a Keita! Juve: altro tassello in arrivo al centro. Milan: attenzione, Leonardo ha un segreto... Napoli: 10 giorni per risolvere un equivoco 07.08 - Ciao. Mancano 10 giorni alla chiusura del mercato poi, purtroppo, inizierà il campionato. Il campionato non interessa a nessuno. A tutti interessa il mercato. “Chi arriva?”. “Ne prendiamo due?”. “La pista è calda?”. Queste cose qui. Pochissimi si chiedono “dove giocherà?” o “ha senso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy