VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/2018 al via: chi vince il campionato?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Milan
  Inter
  Lazio
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
23.07.2017 10:02 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 116452 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore all'alba dei 30 anni, ma esattamente quello che serviva perché una squadra fortissima come quella bianconera si rinforza così: solo con i top player.
Una lucida follia che deve accompagnare anche questa finestra di calciomercato dei bianconeri, che ad oggi hanno completato il reparto avanzato con Douglas Costa e Bernardeschi, ma hanno perso un leader carismatico oltre che il difensore più forte in rosa: Leonardo Bonucci. Ed è andato via anche Dani Alves, sostituito con De Sciglio.
Questa Juventus è più forte di quella di un anno fa? Chissà. E' sicuramente più completa in attacco, soprattutto in virtù del 4-2-3-1. Ma se al posto di Cuadrado e Mandzukic inserisci Bernardeschi e Douglas Costa la squadra non cambia volto. Un anno fa, invece, con l'inserimento di Higuain i bianconeri sicuramente si rinforzarono. Si poteva discutere del prezzo, di come s'è sviluppata la trattativa, ma non del miglioramento netto dell'undici titolare grazie al nuovo innesto.
Un dettaglio che ha messo all'ordine del giorno anche Andrea Agnelli, che parla poco ma quando lo fa non manca di mettere bene in luce il suo punto di vista. Anche sul calciomercato: "Nuovi investimenti alla Higuain? Non invertiremo la rotta", ha dichiarato un paio di settimane fa.
Parole che dovranno recepire bene anche in società, perché se in difesa puoi pensare di sostituire Bonucci con Rugani e, al massimo tra un anno, con l'interessantissimo Caldara, a centrocampo serve il colpaccio. L'acquisto da 100 milioni, in questo reparto, non può aspettare.
Matic, N'Zonzi e Matuidi sono in tutti e tre i casi ottimi calciatori, all'altezza dei titolari Khedira e Pjanic. Ma la domanda da farsi è un'altra: cambiano il volto della Juve? La risposta, a mio modesto avviso, è negativa. Servono giocatori come Rakitic, Kroos, Verratti, Modric o Thiago Alcántara. Semplice a dirsi, molto meno a farsi, ci mancherebbe. Ma ormai con una Juve che per fatturato è tra le primissime in Europa anche queste non sono più operazioni impossibili: sia in termini economici che di appeal. E poi non ne servono due o tre, ma uno solo. Un solo grandissimo acquisto, proprio come fatto con Higuain un anno fa.

Se la Juventus non dovesse riuscire a mettere il colpo da 90, il campionato rischierebbe - solo e soltanto per la prossima stagione - di entrare in una congiuntura storica molto particolare. Perché da un lato ci sarebbe una squadra come quella bianconera che è reduce da sei Scudetti consecutivi, che ha perso il suo leader carismatico e, seppur con una panchina di maggiore spessore, non avrebbe sostanzialmente migliorato il suo undici titolare. Mentre dall'altro un Milan che, per come si sta muovendo e quanto sta investendo, è destinato ad aprire presto un ciclo di vittorie, ma adesso avrà il compito di amalgamare una rosa nuova di zecca. Un rodaggio che non durerà a lungo, al massimo qualche mese, ma che potrebbe comunque portare a perdere qualche punto di troppo per strada. Soprattutto se l'obiettivo è lo Scudetto.
Chi, allora, potrebbe inserirsi nel mezzo? Il Napoli, molto più della Roma che anche questa estate ha cambiato tanto, troppo. Condivisibile la strategia della società partenopea che ha deciso di non cambiare nulla rispetto a un ultimo girone di ritorno pressoché perfetto. I rinnovi di contratto di Insigne e Mertens hanno dato serenità e stabilità a un gruppo consapevole dei suoi mezzi come mai in passato. La squadra non avrà bisogno di quel rodaggio che lo scorso autunno, a causa del terribile 'combo' addio di Higuain/infortunio di Milik, ha portato a qualche sconfitta di troppo. Ha titolari e riserve all'altezza in tutti i reparti e deve sfruttare questa particolare annata per dare l'assalto a uno Scudetto che in qualsiasi altra stagione sarebbe quasi impossibile da raggiungere.

Nel discorso Scudetto non ho citato l'Inter. Non è un caso. Ho condiviso al 100% le parole rilasciate nella conferenza stampa di Riscone dal nuovo dirigente nerazzurro Walter Sabatini. "Il Milan - ha detto - non è il nostro modello da seguire. A questa squadra servono pochi innesti, ma di primissimo spessore. Giocatori come Nainggolan o Vidal".
Tutto giusto: ma allora perché impostare anche questa sessione di calciomercato sulla quantità? Sono già arrivati Skriniar e Borja Valero, arriveranno Dalbert e Vecino, mentre in attacco per sostituire Perisic potrebbero arrivare due calciatori: Keita e Schick.
Ottimi giovani e buoni calciatori, ma dei Nainggolan o dei Vidal non c'è traccia. Quali sono i volti nuovi (oltre a mister Spalletti) in grado di tenere alta l'asticella dell'attenzione quando la barca inizierà a sbandare? Chi, dal punto di vista caratteriale oltre che tecnico, permetterebbe a questa squadra di fare il salto di qualità tra i volti nuovi? Queste le domande per un Walter Sabatini che, da navigato dirigente e profondo conoscitore di calcio qual è, sa bene che il problema sussiste. E ha un mese abbondante di tempo per invertire la rotta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Arriva Kalinic. Si chiude con senso, ma senza botto, la campagna del Milan. Forse. Giuntoli Re di Napoli, Aurelio gonfia il portafoglio. Chievo, da Sartori a Romairone: tempo di saldi. Parte la B: ecco la griglia di partenza 21.08 - Il Milan annuncia NK! Questa mattina alle 7.30, Nik Kalinic farà le visite e sarà il sostituto di Bacca nell’attacco rossonero. Su due piedi il confronto tra Bacca e Kalinic sembrerebbe favorevole al colombiano ma, nei piani di Montella, Kalinic è l’attaccante giusto. I tifosi non...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Inter, Juve, Milan, Roma e Napoli devono ancora lavorare sul mercato. E Marotta di cosa si lamenta? Il mercato non si deve accorciare 20.08 - È iniziato già il campionato, sotto il segno di Mario Mandzukic e di Paulo Dybala. E pure con Gianluigi Buffon sulla copertina, perché il portiere della Juventus ha ipnotizzato Diego Farias dagli undici metri, dopo che il Var - sarà protagonista pure lui, possiamo esserne certi -...

EditorialeDI: Mauro Suma

Nainggolan e Belotti meglio di Dembelè. Kalinic, crudo ma chiaro. Niang come Cerci? Keita: sarà vera ritirata quella della Juve? 19.08 - Tre anni fa era l'estate dell'Ice Bucket Challenge. Nato per scherzo e diventato virale. Questa è invece l'estate dell'I go where i want. E' altrettanto virale, anche se evidentemente non è un hashtag o qualcosa di definito. E' la moda, inaugurata da Neymar e Dembelè, di prendere...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Matuidi non basta. Con questo mercato l’obiettivo Champions si allontana. Oltre a Spinazzola anche Caldara? Il modulo da cambiare. Cuadrado via. Inter, Spalletti vuole un fantasista. Schick vice Icardi, arriva un centrale 18.08 - Erano due anni che un giorno si’ e un altro pure, puntualmente, Matuidi era dato come imminente acquisto della Juve. Una storia simile a quella del lupo e il lupo questa volta e’ arrivato. Un giocatore cosi’, fisico, ma anche piedi discreti e visione di gioco, servira’ di sicuro e...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Un Ferragosto di colpi: Juve, Inter e Milan. Caso Keita, restyling Fiorentina: ma non è affatto finita qui 17.08 - Entro il fine settimana sarebbe arrivato Matuidi. E Matuidi è stato. Anche in anticipo (leggero) rispetto alle previsioni. Approfittando della festa di Ferragosto Marotta e Paratici hanno rotto gli indugi e già da martedì sera Paratici era andato a Montecarlo per chiudere la trattativa...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Quanti pensieri sotto il sole di Riccione… Kondo, che pasticcio! Juve e le scuse di Higuain… Sarri, ora o mai più! Ma Asensio? 16.08 - Le spensierate vacanze sono agli sgoccioli… Sotto il sole di Riccione ci si diverte e la mente (e il fisico) si rilassa, immagazzinando energie per i mesi futuri… Eppure, tre o quattro volte al giorno, ci si ritrova a parlare di calcio! Impossibile farne a meno… La Juventus ridimensionata...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Allarme Juve: il rinforzo di Marotta e la scelta (complicata) di Allegri. Inter: la decisione su Schick. Bomber Milan? Un silenzio "studiato". Napoli: ecco la mossa giusta 15.08 - E ben ritrovati a tutti. Questo editoriale va in onda in forma ridotta per ovviare a una questione di "ferie del sottoscritto iniziate giusto ieri". Questo non significa che non si possa toccare il fondo anche questa settimana: ci riusciremo, solo in maniera più concentrata. Vi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

5 giorni al via della nuova serie A: ecco la griglia di partenza… e di arrivo aspettando il 31 Agosto 14.08 - Ovviamente preferiamo tutti la grigliata di Ferragosto alla griglia di partenza della serie A, però, è giusto parlare prima anziché dopo quando sarà tutto più facile per tutti. Certamente ci sono ancora due settimane piene per cambiare obiettivi e per spostare gli equilibri, con un...

EditorialeDI: Marco Conterio

L'anno zero del calcio mondiale. Il risveglio dal sogno Leicester, la lezione di Rooney, i milioni del PSG e le grandi d'Italia in cerca degli ultimi botti 13.08 - Il Leicester City di Claudio Ranieri aveva risvegliato, in tutti noi, una parola antica. Fanciullesca. Favola. Aveva riportato alla mente i racconti di un calcio che fu, le pagine polverose del pallone delle leggende, di quanto la televisione era un miraggio, o di quanto Davide aveva...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve, Milan e Inter: cosa manca. Biglia e Kondo: casi di Ferragosto. Kolarov: l'ovvio del derby 12.08 - Alla Juventus manca un centrocampista, al Milan un centravanti, all'Inter un colpo. Quello del centrocampista inizia ad essere un caso per i bianconeri. Sempre vincenti e sempre leader, ma nel corso degli anni il reparto-chiave, la sala macchine, ha perso irreversibilmente qualità....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.