VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
23.07.2017 10:02 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 116753 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore all'alba dei 30 anni, ma esattamente quello che serviva perché una squadra fortissima come quella bianconera si rinforza così: solo con i top player.
Una lucida follia che deve accompagnare anche questa finestra di calciomercato dei bianconeri, che ad oggi hanno completato il reparto avanzato con Douglas Costa e Bernardeschi, ma hanno perso un leader carismatico oltre che il difensore più forte in rosa: Leonardo Bonucci. Ed è andato via anche Dani Alves, sostituito con De Sciglio.
Questa Juventus è più forte di quella di un anno fa? Chissà. E' sicuramente più completa in attacco, soprattutto in virtù del 4-2-3-1. Ma se al posto di Cuadrado e Mandzukic inserisci Bernardeschi e Douglas Costa la squadra non cambia volto. Un anno fa, invece, con l'inserimento di Higuain i bianconeri sicuramente si rinforzarono. Si poteva discutere del prezzo, di come s'è sviluppata la trattativa, ma non del miglioramento netto dell'undici titolare grazie al nuovo innesto.
Un dettaglio che ha messo all'ordine del giorno anche Andrea Agnelli, che parla poco ma quando lo fa non manca di mettere bene in luce il suo punto di vista. Anche sul calciomercato: "Nuovi investimenti alla Higuain? Non invertiremo la rotta", ha dichiarato un paio di settimane fa.
Parole che dovranno recepire bene anche in società, perché se in difesa puoi pensare di sostituire Bonucci con Rugani e, al massimo tra un anno, con l'interessantissimo Caldara, a centrocampo serve il colpaccio. L'acquisto da 100 milioni, in questo reparto, non può aspettare.
Matic, N'Zonzi e Matuidi sono in tutti e tre i casi ottimi calciatori, all'altezza dei titolari Khedira e Pjanic. Ma la domanda da farsi è un'altra: cambiano il volto della Juve? La risposta, a mio modesto avviso, è negativa. Servono giocatori come Rakitic, Kroos, Verratti, Modric o Thiago Alcántara. Semplice a dirsi, molto meno a farsi, ci mancherebbe. Ma ormai con una Juve che per fatturato è tra le primissime in Europa anche queste non sono più operazioni impossibili: sia in termini economici che di appeal. E poi non ne servono due o tre, ma uno solo. Un solo grandissimo acquisto, proprio come fatto con Higuain un anno fa.

Se la Juventus non dovesse riuscire a mettere il colpo da 90, il campionato rischierebbe - solo e soltanto per la prossima stagione - di entrare in una congiuntura storica molto particolare. Perché da un lato ci sarebbe una squadra come quella bianconera che è reduce da sei Scudetti consecutivi, che ha perso il suo leader carismatico e, seppur con una panchina di maggiore spessore, non avrebbe sostanzialmente migliorato il suo undici titolare. Mentre dall'altro un Milan che, per come si sta muovendo e quanto sta investendo, è destinato ad aprire presto un ciclo di vittorie, ma adesso avrà il compito di amalgamare una rosa nuova di zecca. Un rodaggio che non durerà a lungo, al massimo qualche mese, ma che potrebbe comunque portare a perdere qualche punto di troppo per strada. Soprattutto se l'obiettivo è lo Scudetto.
Chi, allora, potrebbe inserirsi nel mezzo? Il Napoli, molto più della Roma che anche questa estate ha cambiato tanto, troppo. Condivisibile la strategia della società partenopea che ha deciso di non cambiare nulla rispetto a un ultimo girone di ritorno pressoché perfetto. I rinnovi di contratto di Insigne e Mertens hanno dato serenità e stabilità a un gruppo consapevole dei suoi mezzi come mai in passato. La squadra non avrà bisogno di quel rodaggio che lo scorso autunno, a causa del terribile 'combo' addio di Higuain/infortunio di Milik, ha portato a qualche sconfitta di troppo. Ha titolari e riserve all'altezza in tutti i reparti e deve sfruttare questa particolare annata per dare l'assalto a uno Scudetto che in qualsiasi altra stagione sarebbe quasi impossibile da raggiungere.

Nel discorso Scudetto non ho citato l'Inter. Non è un caso. Ho condiviso al 100% le parole rilasciate nella conferenza stampa di Riscone dal nuovo dirigente nerazzurro Walter Sabatini. "Il Milan - ha detto - non è il nostro modello da seguire. A questa squadra servono pochi innesti, ma di primissimo spessore. Giocatori come Nainggolan o Vidal".
Tutto giusto: ma allora perché impostare anche questa sessione di calciomercato sulla quantità? Sono già arrivati Skriniar e Borja Valero, arriveranno Dalbert e Vecino, mentre in attacco per sostituire Perisic potrebbero arrivare due calciatori: Keita e Schick.
Ottimi giovani e buoni calciatori, ma dei Nainggolan o dei Vidal non c'è traccia. Quali sono i volti nuovi (oltre a mister Spalletti) in grado di tenere alta l'asticella dell'attenzione quando la barca inizierà a sbandare? Chi, dal punto di vista caratteriale oltre che tecnico, permetterebbe a questa squadra di fare il salto di qualità tra i volti nuovi? Queste le domande per un Walter Sabatini che, da navigato dirigente e profondo conoscitore di calcio qual è, sa bene che il problema sussiste. E ha un mese abbondante di tempo per invertire la rotta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caso Donnarumma e Voluntary Agreement bocciato, una brutta settimana al Milan. L'Inter piange sulla prima sconfitta, Spalletti deve tenere la barca. Giacomelli horror, ma certi pianti... Complimenti a Massimo Oddo che ha già fatto nove punti 17.12 - Una settimana da Dio. Quella di Marco Fassone è stato a mercato ancora chiuso, perché l'amministratore delegato del Milan aveva già gettato le basi per il Milan del 2017-18, trovando accordi con praticamente tutti i giocatori poi acquistati in estate. Il mercato iniziava a luglio,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.