HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Marotta e un addio non da Juventus. Paratici, l'allievo che supera il maestro. Campionato già finito o mai iniziato? FIGC, svolta vicina: ecco perché Gravina è la scelta migliore...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
01.10.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 46810 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

L'addio improvviso di Marotta nasconde cose che probabilmente, anzi sicuramente, non sono state dette. E' nello stile Juventus che resti tutto tra le quattro mura del club. La Juventus è esempio di gestione manageriale, organizzazione e affidabilità. Ciò non toglie che non possiamo farci delle domande, in quanto siamo fessi ma non del tutto. Innanzitutto la Juve ha commesso il grande errore, anni fa, di affidare la carica di Amministratore Delegato a Beppe Marotta. Il Direttore è un grande Direttore ma nasce e muore Direttore Sportivo. Vuoi promuoverlo? Fagli fare il Direttore Generale, ma l'Amministratore Delegato di un club deve avere caratteristiche diverse. Figuriamoci se poi il club è anche quotato in borsa. Perché si sono lasciati ad inizio campionato e non alla fine dello scorso con uno scudetto sul petto? Si è rotto qualcosa ma soprattutto c'è stato uno scontro tra Agnelli e Marotta che ha fatto saltare i piani di convivenza per, almeno, un'altra stagione. E qui nasce il problema di perdere, a settembre, il tuo Amministratore Delegato. Sembrava chiaro che, ormai, l'uomo di Agnelli non fosse più Marotta ma il suo allievo Paratici. Il Direttore Sportivo oggi comanda tutto all'interno del club bianconero; ha dimostrato con fatti e gavetta di meritare la Juventus. Marotta, in questi anni di Juve, ha lavorato benissimo e ha vinto, ma non ha seminato per il futuro. Quando arrivi nei piani alti devi farti gli amici per quando poi torni tra i comuni mortali. Marotta ha avuto un po' troppo la puzza sotto il naso e sarebbe dovuto scendere prima dal piedistallo. Si è voluto infilare in questioni politiche che non gli appartengono ed evidentemente è andato oltre le sue competenze. Squadre B, mercato con chiusura anticipata e tante altre belle storie. Se sei il Direttore della Juventus devi pensare alla Juventus e non alle organizzazioni parallele. Questo è il difetto che possiamo riconoscere al Marotta juventino. Poi ci sono solo grandi pregi e grandi applausi. Ha indovinato quasi tutte le sue scelte, ha trovato le ceneri della Juventus e l'ha riportata nell'Olimpo del calcio mondiale. Cosa gli vuoi dire? Nulla. Anzi, c'è di più. Se Agnelli ha vinto la sua scommessa con il cugino John molto merito è proprio di Beppone. Non è un addio da Juventus, scrivevamo nel titolo. Sono strane le tempistiche e la velocità con la quale si sono detti addio. Un'intervista dopo Juventus-Napoli, senza dare tante spiegazioni. Ci sfugge il rapporto attuale Marotta-Paratici: un po' come padre e figlio, ma oggi il figlio cammina da solo, anzi corre e il papà ha perso il controllo sul ragazzo. Paratici si è fatto le ossa con la sua bravura ma, allo stesso tempo, ha rubato i trucchi del mestiere ad una vecchia volpe come Marotta. Si sono dati tanto a vicenda. Ora è giusto che le strade si separino. La Juve punta tutto su Paratici e la sua squadra capitanata da Cherubini. C'è Nedved ma lui è uomo ombra di Agnelli.
In tutto questo caos, forse, la Juventus ha già chiuso il campionato. Probabilmente non è mai partito. Va sotto, rimonta, vince, domina, non perde un punto... Che barba, che noia, che noia, che barba... Non ce n'è per nessuno. La Juventus vincerà ancora lo scudetto e il gap rispetto alle altre è aumentato. Non ci voleva un mago per dirlo, ma abbiamo avuto l'ennesima conferma. Si risveglia, invece, la Roma. Un derby vinto può essere la svolta della stagione. Vedremo se la squadra di Di Francesco è guarita, se aveva bisogno solo di tempo, oppure tornerà quella di Bologna. Abbiamo bisogno di altre due controprove prima di dare dei giudizi. Una cosa è certa: quest'anno si gioca solo per un posizionamento in Champions League. Più che Marotta, alla Juventus bisognerebbe togliere 4-5 titolari. E' una battuta. Se non fa ridere non ridete ma non prendetela male.
Corsa alla Presidenza Federale. Finalmente si vota. La data X si avvicina. Il Commissario Montalbano torna a fare il cinema e, forse, è la volta buona che diamo il calcio ai politici del pallone. Settimane fa avevamo esortato un patto Gravina-Sibilia. Bene, ci hanno ascoltati e finalmente le varie componenti si presenteranno con un unico nome e con massima compattezza alle urne. Gravina Presidente, Sibilia Vice Presidente e l'altro Vice Presidente sarà scelto dalla Lega serie A (difficile che sia un uomo di Lotito). Complimenti a Cosimo Sibilia, Presidente LND, che ha anteposto al suo interesse quello del calcio italiano. L'accordo siglato è perfetto per tutti e porta alla Presidenza della Figc l'unico dirigente uscito bene da questa folle estate italiana. Gravina è competente, professionista, manager e persona seria. Nome migliore non poteva uscire per la Presidenza di Via Allegri. Se Gravina lavorerà male saremo i primi a massacrarlo, mediaticamente, ma parte con ottime credenziali. Fare e non rinviare.
Da dove bisogna ripartire?
- Rivisitare da subito i format dei campionati: 18 in A, 20 in B, due gironi in C e fare una serie D élite e una serie D di seconda fascia come da progetto (sul tavolo) della LND.
- Rivedere il progetto squadre B. Così non serve a nulla se non a Marotta. Adesso non c'è più e possiamo abolire questo strazio.
- Riportare il mercato alla chiusura del 31 agosto e 31 gennaio. Da subito! Già da questa sessione invernale.
- Lavorare con Governo per abolizione o almeno rivisitazione della Legge Melandri
- Più agevolazioni per stadi e centri sportivi e più procedure semplici per andare allo stadio.
- Più spazio alle nazionali Giovanili italiane che stanno facendo molto bene ma che il mondo ignora. Eppure c'è un'Italia che funziona. Quella giovanile. Quella che non funziona è la Nazionale maggiore.
- Il calcio femminile è solo uno specchietto per far vedere che siamo interessati alle donne ma così non serve a nulla. Progetto politico e non tecnico. A chi serve?
- Lavorare con AIC per dare un futuro ai calciatori. A fine carriera sono semplici disoccupati con il conto pieno. Non sempre. Rivedere le regole degli Under perché così i giovani non si aiutano, si ammazzano. Hanno una scadenza e a 22-23 anni hanno già smesso di giocare se non sono da grandi palcoscenici.
- Ripristino delle comproprietà regolamentate
- Abolizione di obbligo della fideiussione per una compravendita tra club italiani. Fideiussione non prevista se i club italiani comprano da club esteri.
Buon lavoro Gravina, non vorremmo essere nei suoi panni. Sicuramente tiferemo per Lei.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve, la notte verità. Inter, basta frecciatine. Spalletti-Marotta chiudetevi nello spogliatoio. Roma, follia pura. Foggia, “Nember One” Venezia, da Vecchi-Zenga a Cosmi la gondola non gongola 11.03 - Potete raccontarci quello che volete. La cena tra Agnelli e Allegri, la Champions che è un’ossessione della stampa e non del club, che la partita di domani sera con l’Atletico Madrid sarà una come tante altre. Sappiamo e sapete che non è così. Domani, a Torino, ci sarà un bivio. Se...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510