VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Mazzarri stramazzato, Thohir infuriato: tutte le teste che cadranno nell'Inter. Seedorf studia l'Atletico, Silvio promette regali: il primo colpo Milan ha un nome e un volto. Conte, Benitez e il segreto delle liste.

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista tv per Mediaset Premium e Telelombardia.
04.02.2014 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 65198 volte
© foto di Federico De Luca

Anche quest'anno mi son messo d'impegno davanti al Superbowl. Avevo birra, biscotti, cioccolato Toblerone bianco di cui vado ghiotto, sette cuscini Ikea e tutta l'intenzione di capire e apprezzare quella gran rottura di balle del football americano. Ho pensato: "Peggio di Juve-Inter non può essere". E invece "è stato". Come sempre non ho capito una mazza nonostante le ottime intenzioni dell'esperto Guido Bagatta. Il commentatore tv diceva cose tipo: "Avete capito? Alla terza yard c'è la possibilità di un touchdown come se fosse Antani. Semplicissimo". Una colossale supercazzola notturna. Ho pensato: "'sticavoli Bagatta, mi diverto lo stesso: quando esultano loro, esulto anch'io". A fine primo tempo erano 234523423423 a zero. Poi nel bel mezzo dell'intervallo è comparso a centrocampo il cantante con il nome del dolciume al cioccolato: Bruno Mars. E ho pensato: "Ma che sport è?". Come se Pupo si mettesse a cantare "gelato al cioccolato" a metà Juve-Inter o Morandi "banane e lamponi" al Dall'Ara. Ecco, consiglio al vecchio Gianni: meglio se stai a casa per un po'.

Fatto sta che Brunetto Mars mi ha tolto le forze e son tornato a pensare a Juve-Inter. Anzi, a Mazzarri. E avevo finito il Toblerone. Proprio una bella serata di melma.

Dunque, il Mazza. Una brava persona, un buon allenatore. Solo che sta antipatico anche al suo specchio. Bergoglio, per dire, sapete che ha la passione delle telefonate a sorpresa. Un giorno chiama per sbaglio Mazzarri. E Walter: "Santissimo, che piacere!". Immediata la contromossa di Papa Francesco per farsi appendere in faccia: "Sono un testimone di Geova e vendo il Bimbi e il Folletto".

Un po', Walter, se le cerca, diciamola tutta. Va in conferenza e dice "Ho visto una bella Inter". Probabilmente aveva il dvd di Juve-Inter con Stramaccioni in panca. E poi: "La colpa del primo gol è di Kovacic. La colpa è dell'anno zero. La colpa è che siamo un cantiere". Pare che a un certo punto sia entrato in sala stampa lo Zì Michè direttamente da Avetrana: "Sì vabbè, facciamo così, mi assumo io tutte le responsabilità che altrimenti famo notte". E la verità è che Mazzarri resta l'ultimo dei responsabili dell'attuale delirio nerazzurro, ma è il primo nella lista di quelli che hanno il "terrore di osare". Per dire, Palacio. Contro i bianconeri sembrava la particella di sodio del noto spot o il protagonista del film fantasy "don Rodrigo nell'isola delle zebre"; correva come un pazzo, ma perennemente a vuoto poveraccio. E gli interisti abituati a Mou che quando bisognava recuperare metteva anche Beppe Baresi a far la punta: "Mortacci tua Walter metti uno straccio di seconda punta! Piuttosto entra tu ma fai qualcosa!". E lui niente, perché "l'equilibrio viene prima di tutto e comunque abbiamo il migliore attacco del campionato". Una cantilena che valeva fino a qualche mese fa, ora non più. L'Inter è miseramente all'ultimo posto nella speciale classifica 2014: peggio del Sassuolo, avversario domenica sera. Nelle ultime dieci partite la Beneamata ha tenuto un ritmo da retrocessione in serie B, qualcosa di inspiegabile e inaccettabile, perché è vero che domenica Mazzarri ha sfidato la super Juve, ma è anche vero che il Catania in casa si deve battere a prescindere dalla rava e dalla fava.

E le dichiarazioni post-gara: un vero disastro. Il piccolo Strama avrebbe dato la colpa a se stesso, il grande Mou avrebbe dato la colpa alla Fiat, Gasp e Rafa avrebbero dato la colpa alla proprietà, Leonardo avrebbe detto "non sono Leonardo, ve lo giuro, e comunque voglio aprire un chiringuito a Jesolo". Nessuno però se la sarebbe presa con un ragazzo di 19 anni per quanto responsabile, suvvia.

Parliamoci chiaro, Thohir non ha alcuna intenzione di cambiare la guida tecnica, almeno fino a fine stagione. Poi si faranno i conti. Toccherà al citatissimo "uomo forte" di Erick prendere delle decisioni per quel che riguarda la panchina: Simeone potrebbe essere l'uomo giusto e con un progetto serio (non dispendioso, serio), il Cholo verrebbe a Milano anche a piedi.

Per il resto ci si chiede dove sia in questo momento "la società": Thohir è stato bravo a tamponare le possibili contestazioni con il colpo Hernanes, ma non sappiamo ancora che fine faranno Guarin e Ranocchia (giocatore inutilizzato domenica e stipendiato dai nerazzurri) oltre alla contestatissima accoppiata Fassone-Branca. C'è chi assicura che si stia calcolando la buonuscita dei due dirigenti: staremo a vedere.

Il resto in pillole. Al Milan son sorrisi nonostante l'1-1 col Torino. Giustificati almeno in parte. Lo schema "alla garibaldina" non convince del tutto, ma Seedorf quantomeno sembra avere le idee chiare: parla in continuazione con i suoi giocatori, si prende la briga di andare a Madrid a studiare l'Atletico (Allegri pare che una volta sia andato in Svizzera a fare benzina, che là costa meno). Il tutto con il benestare del Berlusca, disposto ad accontentare il suo "cocco". A giugno, per intenderci, il primo colpo (Agazzi a parte) sarà l'indemoniato Cerci. Utile, utilissimo per dare corpo a un'idea di calcio irrealizzabile con il "dormiente" Honda e buona parte dei fantasisti rossoneri.

In chiusura la faccenda "liste europee", quelle che devi rendere pubbliche per forza e raccontano un sacco di verità. Seedorf fa secco Saponara: probabile punizione per aver rifiutato il prestito a Parma. Conte fa secco Quagliarella: idem. Benitez fa secco Jorginho: boh, io questa non me la so spiegare. Avrà mangiato pesante... (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.