VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Mazzarri stramazzato, Thohir infuriato: tutte le teste che cadranno nell'Inter. Seedorf studia l'Atletico, Silvio promette regali: il primo colpo Milan ha un nome e un volto. Conte, Benitez e il segreto delle liste.

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista tv per Mediaset Premium e Telelombardia.
04.02.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 65191 volte
© foto di Federico De Luca

Anche quest'anno mi son messo d'impegno davanti al Superbowl. Avevo birra, biscotti, cioccolato Toblerone bianco di cui vado ghiotto, sette cuscini Ikea e tutta l'intenzione di capire e apprezzare quella gran rottura di balle del football americano. Ho pensato: "Peggio di Juve-Inter non può essere". E invece "è stato". Come sempre non ho capito una mazza nonostante le ottime intenzioni dell'esperto Guido Bagatta. Il commentatore tv diceva cose tipo: "Avete capito? Alla terza yard c'è la possibilità di un touchdown come se fosse Antani. Semplicissimo". Una colossale supercazzola notturna. Ho pensato: "'sticavoli Bagatta, mi diverto lo stesso: quando esultano loro, esulto anch'io". A fine primo tempo erano 234523423423 a zero. Poi nel bel mezzo dell'intervallo è comparso a centrocampo il cantante con il nome del dolciume al cioccolato: Bruno Mars. E ho pensato: "Ma che sport è?". Come se Pupo si mettesse a cantare "gelato al cioccolato" a metà Juve-Inter o Morandi "banane e lamponi" al Dall'Ara. Ecco, consiglio al vecchio Gianni: meglio se stai a casa per un po'.

Fatto sta che Brunetto Mars mi ha tolto le forze e son tornato a pensare a Juve-Inter. Anzi, a Mazzarri. E avevo finito il Toblerone. Proprio una bella serata di melma.

Dunque, il Mazza. Una brava persona, un buon allenatore. Solo che sta antipatico anche al suo specchio. Bergoglio, per dire, sapete che ha la passione delle telefonate a sorpresa. Un giorno chiama per sbaglio Mazzarri. E Walter: "Santissimo, che piacere!". Immediata la contromossa di Papa Francesco per farsi appendere in faccia: "Sono un testimone di Geova e vendo il Bimbi e il Folletto".

Un po', Walter, se le cerca, diciamola tutta. Va in conferenza e dice "Ho visto una bella Inter". Probabilmente aveva il dvd di Juve-Inter con Stramaccioni in panca. E poi: "La colpa del primo gol è di Kovacic. La colpa è dell'anno zero. La colpa è che siamo un cantiere". Pare che a un certo punto sia entrato in sala stampa lo Zì Michè direttamente da Avetrana: "Sì vabbè, facciamo così, mi assumo io tutte le responsabilità che altrimenti famo notte". E la verità è che Mazzarri resta l'ultimo dei responsabili dell'attuale delirio nerazzurro, ma è il primo nella lista di quelli che hanno il "terrore di osare". Per dire, Palacio. Contro i bianconeri sembrava la particella di sodio del noto spot o il protagonista del film fantasy "don Rodrigo nell'isola delle zebre"; correva come un pazzo, ma perennemente a vuoto poveraccio. E gli interisti abituati a Mou che quando bisognava recuperare metteva anche Beppe Baresi a far la punta: "Mortacci tua Walter metti uno straccio di seconda punta! Piuttosto entra tu ma fai qualcosa!". E lui niente, perché "l'equilibrio viene prima di tutto e comunque abbiamo il migliore attacco del campionato". Una cantilena che valeva fino a qualche mese fa, ora non più. L'Inter è miseramente all'ultimo posto nella speciale classifica 2014: peggio del Sassuolo, avversario domenica sera. Nelle ultime dieci partite la Beneamata ha tenuto un ritmo da retrocessione in serie B, qualcosa di inspiegabile e inaccettabile, perché è vero che domenica Mazzarri ha sfidato la super Juve, ma è anche vero che il Catania in casa si deve battere a prescindere dalla rava e dalla fava.

E le dichiarazioni post-gara: un vero disastro. Il piccolo Strama avrebbe dato la colpa a se stesso, il grande Mou avrebbe dato la colpa alla Fiat, Gasp e Rafa avrebbero dato la colpa alla proprietà, Leonardo avrebbe detto "non sono Leonardo, ve lo giuro, e comunque voglio aprire un chiringuito a Jesolo". Nessuno però se la sarebbe presa con un ragazzo di 19 anni per quanto responsabile, suvvia.

Parliamoci chiaro, Thohir non ha alcuna intenzione di cambiare la guida tecnica, almeno fino a fine stagione. Poi si faranno i conti. Toccherà al citatissimo "uomo forte" di Erick prendere delle decisioni per quel che riguarda la panchina: Simeone potrebbe essere l'uomo giusto e con un progetto serio (non dispendioso, serio), il Cholo verrebbe a Milano anche a piedi.

Per il resto ci si chiede dove sia in questo momento "la società": Thohir è stato bravo a tamponare le possibili contestazioni con il colpo Hernanes, ma non sappiamo ancora che fine faranno Guarin e Ranocchia (giocatore inutilizzato domenica e stipendiato dai nerazzurri) oltre alla contestatissima accoppiata Fassone-Branca. C'è chi assicura che si stia calcolando la buonuscita dei due dirigenti: staremo a vedere.

Il resto in pillole. Al Milan son sorrisi nonostante l'1-1 col Torino. Giustificati almeno in parte. Lo schema "alla garibaldina" non convince del tutto, ma Seedorf quantomeno sembra avere le idee chiare: parla in continuazione con i suoi giocatori, si prende la briga di andare a Madrid a studiare l'Atletico (Allegri pare che una volta sia andato in Svizzera a fare benzina, che là costa meno). Il tutto con il benestare del Berlusca, disposto ad accontentare il suo "cocco". A giugno, per intenderci, il primo colpo (Agazzi a parte) sarà l'indemoniato Cerci. Utile, utilissimo per dare corpo a un'idea di calcio irrealizzabile con il "dormiente" Honda e buona parte dei fantasisti rossoneri.

In chiusura la faccenda "liste europee", quelle che devi rendere pubbliche per forza e raccontano un sacco di verità. Seedorf fa secco Saponara: probabile punizione per aver rifiutato il prestito a Parma. Conte fa secco Quagliarella: idem. Benitez fa secco Jorginho: boh, io questa non me la so spiegare. Avrà mangiato pesante... (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.