VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Meno male che Rafa c'è, perché dopo l'uscita dalla Champions darà ai tifosi del Napoli la gioia di lottare per lo scudetto. La squadra era già forte e ha preso solo rinforzi di suo gradimento

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
07.09.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 35124 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Si dissolvono tutte le perplessità di fronte a così tanta sicurezza. Un tecnico come Rafa Benitez, sempre sereno, sorridente, che sa il fatto suo, sa trasmettere quel senso di competenza applicata al calcio. Un vero incantatore con il suo eloquio forbito, sempre in italiano e con rari accenni iberici, quando la materia è troppo tecnica o la spiegazione completa è preferibile evitarla. Meno male che Rafa c'è, un coach di quelli che si fanno precedere dal palmares e che portano a spasso una valigia piena di trofei per poter dire: "Io so come si vince". E sarà certamente un dettaglio trascurabilissimo se tra i suoi 11 prestigiosi trofei, soltanto con una squadra (il Valencia) ha appuntato sul petto la stella di campione nazionale, un episodio che risale ormai a 11 anni fa. Benitez re di Coppe europee? Magari lo sarà stato, fino ai confini di Napoli, perché qui con lui la sfortuna ha voluto che la Champions volasse via dopo le sei gare del girone e, addirittura quest'anno, nel play off di accesso. Però "in Rafa we trust", bisogna fidarsi di Benitez, del suo patrimonio tattico che gli ha permesso di approdare a Napoli come un nuovo conquistador borbonico. In poco più di un anno ha smantellato la squadra che aveva conquistato una coppa Italia, un secondo e terzo posto, oltre a due qualificazioni in Champions, perché troppo proletaria rispetto alla sua raffinata idea di calcio. Qui nessuno mai l'ha contraddetto sulle operazioni di mercato svolte in prima battuta con il suo manager di fiducia, Manuel Quilon, ed ognuno dei rinforzi rientrava nel suo elenco di gradimento, che sia stato al primo, al secondo oppure al quinto posto dello stesso. La Rafa revolution ha portato a Napoli 15 acquisti negli ultimi due anni, per una spesa di 104 milioni complessivi, e la dismissione di gente che aveva dato lustro e personalità al Napoli: De Sanctis, Cannavaro, Behrami, Dzemaili e Pandev sono un pezzo di storia del Napoli recente che il club ha ceduto per la cifra irrisoria di 8 milioni. Ma è giusto così, se il progetto deve essere firmato da Benitez, non bisogna stupirsi, né contraddire le sue scelte. Se lui dice che David Lopez è meglio di Behrami, c'è da credergli ciecamente, se Michu non è ancora riuscito a dimostrare di essere più utile di Pandev, state calmi: prima o poi ci riuscirà. L'errore più grande sarebbe quello di demonizzare ciò che non risulta essere chiaro, né tantomeno logico, perché poi si finisce con il cadere in uno spirito polemico tipicamente provinciale. D'accordo, Napoli ha partecipato alla Champions soltanto 4 volte nella sua storia, e la gente ha esultato così tanto all'arrivo di Benitez, proprio per migliorare il ranking del club azzurro all'interno del panorama continentale. Peccato che per la seconda stagione di seguito non sia riuscito nell'intento di superare il turno, sarà stata la sorte avversa a volerlo. Però, ha lasciato perplessi il fare sornione, quasi disincantato con il quale don Rafè aveva licenziato la malaugurata circostanza, tanto che vuoi che sia per una piazza che aveva partecipato "soltanto 4 volte alla Coppa dei Campioni": una in più, una in meno... Beato lui che ne ha vissute così tante, noi siamo assetati di pallone ad alto livello e di ascoltare quell'inno che solo al San Paolo fa tremare le fondamenta per l'accorata partecipazione della gente. "Non sarà un dramma se saremo eliminati, perché il nostro progetto andrà avanti con lo scudetto, la Coppa Italia, ecc. ecc.", così Benitez rispose in conferenza stampa, probabilmente replicando ad un mio editoriale nel quale evidenziavo quanto sarebbe stato importante l'accesso alla fase a gironi e nefasto (sportivamente) il mancato arrivo delle risorse Uefa. Ora tocca a lui dimostrare che tragedia non fu, perché la squadra da lui allenata saprà lottare fino al termine della stagione per la conquista di quello scudetto che, lui sì, ci farebbe dimenticare la Champions perduta prematuramente. Rafa può, altrimenti non sarebbe Benitez e il Napoli l'ha dotato dei rinforzi "scelti da lui", come di recente ha ricordato De Laurentiis, per confermare l'autonomia di cui gode il coach spagnolo. Nella gestione degli uomini e dei tempi, anche di quelli apparentemente "morti", per attribuirsi un'intera settimana di vacanza in un periodo in cui gli altri allenatori di serie A sgobbano con le loro squadre per trovare l'assetto giusto e l'affiatamento migliore. Probabilmente siamo noi gli antichi, mentre Benitez è l'uomo della modernità vincente, quello che prima o poi trasformerà il calcio italiano e le nostre menti in qualcosa di molto vicino alla perfezione. Però ora tocca a te, Rafa, hai stima incondizionata e fiducia massima, perché quest'anno saprai mettere il tuo timbro vincente su di una squadra buona, ma non eccezionale come tu l'avresti voluta. Gli allenatori bravi sono quelli come Simeone, che vincono la Liga ed arrivano ad un passo dalla conquista della Champions con scarti italici, come Tiago o il Principito Sosa, altrimenti non c'è bisogno di chiamarsi Benitez, puoi essere anche Pinco Pallino, se in campo hai Gerrard, Ivanovic oppure Eto'o: si vince tuo malgrado.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.