HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Mercato 2018 finito: Promossi & Bocciati

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
20.08.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 25937 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Mercato finito. Poche parole e molti fatti. Alcuni colpi rimasti in canna, altri esplosi clamorosamente durante questa estate bellissima. La differenza l'hanno fatta le grandi. Unica delusione gli affari mancati all'ultimo giorno dove si poteva fare qualcosa di più. Ecco promossi e bocciati di una sessione più intensa che lunga.

PROMOSSI

FABIO PARATICI
Questa sessione l'ha consacrato, di fatto, il miglior Direttore Sportivo italiano. Alla Juventus, nel cuore di Agnelli, scavalca anche il suo maestro Beppe Marotta, quest'ultimo sempre più politico che direttore sportivo. Paratici vede i giocatori, fa le trattative e decide le strategie. Giovane ed italiano. Ormai ha in mano il potere e lo sta gestendo bene. La consacrazione gli è stata data il giorno della presentazione di Cristiano Ronaldo. Parla poco o nulla ma lavora tantissimo. La moglie per avere notizie del marito, in estate, deve accendere la televisione per capire se ha cenato e se torna a casa questa notte. Dietro le operazioni del Milan c'era lui. Deus ex machina della strategia Bonucci-Caldara-Higuain.

CLAUDIO MARCHISIO
E' arrivato bambino, se ne è andato signore. Ha fatto la scelta più giusta perché è inutile restare in un posto se non sei più considerato. Anche se quel posto è casa tua. Su Marchisio, Marotta ha sbagliato, perché l'ultimo giorno di mercato il Principino avrebbe meritato due parole ufficiali. Claudio si conferma ragazzo con sani principi e da calciatore può sparare ancora qualche cartuccia. Consiglio: resta in Italia. Andare all'Estero sarebbe confermare che, ormai, la benzina è finita. Resterà nel cuore dei tifosi bianconeri perché si può essere anche leader stando in silenzio per una vita.

PIERO AUSILIO
Il miglior mercato da quando è alla guida della prima squadra dell'Inter. Ovviamente, poi, dovrà essere il campo ad emettere i giudizi più importanti ma parlare prima è per pochi, parlare dopo è per tutti e sarebbe troppo facile. Non ha speso tanto, anzi, ha acquistato ottimi calciatori a parametro zero e ha chiuso colpi importanti senza svenarsi. Ha tentato il colpaccio ma non c'è riuscito. Questa squadra è avanti a Napoli, Milan e Roma. Dietro ancora alla Juve. Tocca a Spalletti, adesso, far girare la giostra come deve. I gettoni li ha.

SASSUOLO CALCIO
Mercato di un'intelligenza sottile che va spiegato. La coppia Rossi-De Zerbi ha funzionato alla grande, sotto la regia di Carnevali. Il Sassuolo ha fatto cassa pesante con le cessioni e ha speso il giusto, senza spandere, su calciatori mirati che in Italia pochi conoscevano. Qualche scommessa e qualche rilancio. Un club come Sassuolo deve operare così. Potrà togliersi delle grandi soddisfazioni. De Zerbi è uno degli allenatori più innovativi del nostro calcio. Un malato che vede 300 partite a settimane e conosce anche i calciatori di serie D. Alla lunga chi studia vince. Va lasciato lavorare in pace. I risultati si vedranno. Unico dubbio il doppio regista: se giocherà con i due registi, Sensi e Magnanelli, rischierà di perdere sostanza e palloni in mezzo al campo. Ottima gestione di Berardi nel pre campionato.

ORESTE VIGORITO
Il Presidente del Benevento costruisce sempre grandi squadre ma, questa volta, si è superato. Bucchi sente questo gruppo suo e il potenziale che gli ha messo a disposizione il Presidente è di notevole importanza. Squadra coperta in ogni ruolo e organico completo. Insieme al Verona ha costruito una corazzata. Subito dietro Perugia e Salernitana. Obiettivo serie A. Questa volta per restarci.

BOCCIATI

MINO RAIOLA
Sono mesi che ci fa un pippone con Donnarumma. Fa la guerra a Mirabelli, la perde poi la vince perché Mirabelli salta e, in un'intera estate, non porta uno straccio di proposta per il portiere del Milan. Propone Kean, fa confusione e non risolve il problema, lascia Balotelli con il cerino in mano... C'era una volta il Re del mercato che sistemava tutto e tutti. Da valore aggiunto è diventato un guaio per i suoi assistiti. Ha fatto troppo il personaggio e ha pensato più ai suoi conti correnti che alle carriere dei suoi ragazzi. Il risultato è stato quello di questa sessione estiva di mercato. Non ne indovina mezza e, ormai, inizia a perde colpi. Mino, Mino...

RICCARDO MONTOLIVO
Nella vita i soldi sono, quasi, tutto ma la dignità viene prima di ogni cosa. Leggere sopra il giudizio su Marchisio e cambiare anche le virgole per Montolivo. Lo scorso anno gli hanno tolto la fascia, quest'anno il posto e quasi l'armadietto a Milanello. Va bene che guadagni 3,5 milioni di euro a stagione. Va bene che il contratto non te lo sei fatto da solo (ma neanche chi c'è ora al Milan) ma se non rientri più nei piani di società e staff tecnico tanto vale trattare sulla buonuscita e salutare tutti. Nello spogliatoio è l'unico corpo estraneo. Ha deciso di smettere in anticipo. Non è mai stato un fenomeno ma, sicuramente, avrebbe dovuto togliere il disturbo in questa sessione di mercato.

AURELIO DE LAURENTIIS
Se vuoi competere per lo scudetto, se vuoi migliorare la posizione dell'anno precedente e se vuoi far sognare i tifosi oltre i bilanci devi rinforzare la squadra e adeguarti anche in base agli avversari. Il rapporto tra De Laurentiis e i napoletani è ormai ai titoli di coda. Lo scorso gennaio, con lo scudetto alla portata, non ha investito quando c'era da investire. Quest'anno si presenta con il jolly Ancelotti ma non prende rinforzi di prima fascia. La vittoria di Roma fa ben sperare ma il campionato è lungo e per puntare al titolo, forse, siamo più lontani di tre mesi fa. Napoli da prime 4 posizioni, non da primato. Peccato perché bastava poco per restare in scia della Juve, come lo scorso anno. Adesso, almeno sulla carta, il gap è aumentato nuovamente. Il risparmio non è mai guadagno.

GIAN PIERO GASPERINI
Grande allenatore, pessimo comunicatore. Anche sotto il punto di vista gestionale lascia molto a desiderare nel rapporto con i calciatori. Le dichiarazioni contro la società erano di fatto contro Sartori, con il quale non si parla da due anni. Un allenatore non può dire pubblicamente che il mercato fatto dal Direttore non è stato idoneo e soddisfacente. Una società forte, come dovrebbe essere quella dei Percassi, lo avrebbe multato. Dovrebbe fare solo l'allenatore, cosa che gli riesce benissimo, ma non dovrebbe intromettersi in campi di competenza altrui. E' come se Sartori domani gli dicesse la formazione da schierare in campo. Certe cose devono restare in società o nello spogliatoio. Gasperini ha cannato tutto. Chieda scusa.

... Chi ha deciso date e orari del Mercato
Vogliamo imitare gli spagnoli con le squadre B, facciamo un progetto e nasce morto prima di vedere la luce. Vogliamo imitare gli inglesi con la chiusura anticipata del mercato ma ci dimentichiamo che in Inghilterra conoscono il calendario della prossima stagione non appena finisce quella in corso. Noi siamo italiani: abbiamo il TFN, il Tar e il collegio di Garanzia del Coni. Abbiamo una data per i calendari e la cambiamo 3 volte, abbiamo una data per i campionati e non sappiamo se è quella giusta. Abbiamo un format e non sappiamo se il numero di squadre è quello finale. Facciamo una cosa. Nel bene e nel male restiamo italiani e non copiamo più nulla. Anche perché ci vuole una certa competenza e abilità anche nel copiare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

L’assenza di Chiellini è più pesante di quella di Cristiano Ronaldo. Ma è la Champions della Juventus: anche così Allegri può vincere. Conte dentro, Icardi fuori: perché l’Inter deve decidersi, e presto 10.04 - Senza Chiellini contro l’Ajax non mancherà solo uno dei migliori tre difensori del mondo. Mancherà il condottiero, ancora prima che il capitano, quello che è capace di trascinare l’esercito fuori dal fuoco di fila. Si teme uno stop che possa includere anche il ritorno, ma il Chiello...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510