VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Mercato allenatori: per le grandi c'è anche Montella. Diawara e Vazquez: chi sale e chi scende. Inter: da Brozovic a Banega, ma non a zero. Milan: è Allegri, il grande ex

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
23.04.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 30793 volte

Vincenzo Montella sta saldando il suo debito con la Sampdoria, con reciproca soddisfazione. La società del presidente Ferrero lo ha liberato, Montella non lo aveva evidentemente dichiarato ma teneva evidentemente molto soprattutto a questo, dal vincolo con i Della Valle e con la Fiorentina. E lui sta salvando la squadra. Liberarsi e ringraziare la Samp per averlo liberato: questo è stato il disegno, la traiettoria seguita in questa stagione dal tecnico campano. Che a fine stagione, se tanto ci dà tanto, si libera e torna sul mercato degli allenatori. Senza grosse pretese economiche e rasserenato dal ritorno nel giro attivo delle panchine, Montella potrebbe tornar buono per la Nazionale e potrebbe tenersi pronto per inserirsi eventualmente in una delle sfumature, in un eventuale chiaro di luna di una fra le prime 6 del Campionato. Non ha fatto solo palleggio e possesso palla Montella quest'anno a Genova, nelle ultime settimane ha dato anche ai blucerchiati spinta e dinamismo. La sua duttilità è stata notata e può tornare buona all'allenatore ex viola in Italia ma anche all'estero.

Il patron bolognese Joey Saputo ha speso tanto, soldi veri. Dopo due mercati di falle turate e di immediata risposta a tutte le esigenze economiche del Club, è normale che il Bologna si autogestisca in vista del prossimo mercato per non costringere il tycoon canadese ad ulteriori, ingenti, nuovi esborsi. Toccherà quindi al gioiellino del centrocampo, ad Amadou Diawara, prestarsi allo scopo. Il suo sacrificio non dovrà essere compensato da prestiti o formule varie, ma da soldi veri. Ecco perché... andrà all'estero. Probabilmente proprio in Inghilterra, piazza ben nota al suo entourage e al suo procuratore. Chi invece rischia di scendere nelle valutazioni, nonostante la nota allergia a questi concetti da parte del presidente Zamparini, è il palermitano Vazquez. Con il Palermo eventualmente in B, non lo auguriamo agli sportivi siciliani, il potere contrattuale è destinato a scendere. Il Palermo potrebbe ricavare per Vazquez poco più di quello che raccolse da Ilicic, nel malaugurato caso, dopo la retrocessione del 2013.

Tutte le strade portano a Brozovic. Il grande sacrificato potrebbe essere lui, nonostante la palla finita sopra la traversa a Genova. La Roma perdeva e se Brozovic avesse portato in vantaggio l'Inter, forse neanche la gigantesca magia di Totti sarebbe riuscita a scalare la montagna. Quindi, palla alta e Inter sotto l'asticella. Ci sono tanti soldi dei prestiti da saldare e anche lo stesso Banega difficilmente arriverà a zero, per cui il centrocampista croato sarà il primo, vedremo se l'unico, sacrificato dell'estate nerazzurra.

Giorni caldi, caro Milan. Anni difficili, caro Milan. Giorni caldi, perché Fininvest è all'erta e qualcosa sta succedendo. Anni difficili perché dal Gennaio 2012 (Pato che resta e Tevez che non arriva) passando per il Febbraio 2012 (gol di Muntari) e per il Luglio 2012 (cessioni di Ibra e Thiago), è iniziata una nuova fase storica. Entusiasmante per la Juventus dopo cinque anni di sofferenza, dal 2006 al 2011, e cupa per il Milan che è al terzo/quarto anno di sofferenza, dal 2012/2013. Appunto. Colpa di questo o colpa di quello non ci interessa e non risolve il problema, molto più semplicemente il Milan è nell'emisfero cattivo e la Juventus in quello buono e spostamenti epocali di questo genere non accadono mai per una sola ragione. Possiamo urlare, possiamo accusare, possiamo avvelenare i pozzi, possiamo agitarci, possiamo fare quello che vogliamo ma è così, è una ruota che gira e in questi anni tocca al Milan e ai Milanisti stare sotto. In anni così, ad una grande piazza, non solo al Milan, è un problema tipico, prendono le scalmane e si dicono e si fanno cose un filo strane. Tutto è contaminato e ammaccato. Il dibattito sugli allenatori di questi anni ad esempio è, come dire, "curioso". All'osservatore esterno disincantato, sembriamo un po' matti. Ma come? Un ex allenatore del Milan sono due anni che intanto allena, due anni che vince Scudetti, due anni che firma le cose migliori dell'Italia in Champions League, due anni che arriva in fondo in Coppa Italia. Due anni che dimostra di saper pilotare una fuoriserie, due anni che prima del mercato non deprime con dichiarazioni spontanee il patrimonio tecnico della Società che, buono o cattivo che sia, è il patrimonio tecnico della Società e dovere di un allenatore vero, di esperienza, è di tutelarlo al di là di ogni ragionevole dubbio. Cosa che vale per qualsiasi squadra e prima di qualsiasi sessione di mercato. Ma di tutta questa sostanza, della polpa, le ossessioni rossonere non si occupano punto. No, preferiscono avvitarsi sulle trame da David Linch o Christopher Nolan che sarebbero state ordite nei mesi successivi per porre fine alle grandi introspezioni psicologiche che avrebbero portato certamente il Milan a superare la Juventus. Mesi in cui i talk con Balotelli a uso e consumo delle telecamere erano gettonatissimi, un po' meno i semplici ringraziamenti, anche di maniera, non era necessario essere convinti, per chi aveva lavorato magari per consentire al Milan di superare il girone di Champions League e di arrivare agli Ottavi contro l'Atletico Madrid di Simeone. Eccentricità che il dibattito rossonero prima o poi deve lasciarsi alle spalle, alle quali non ci appassioniamo e sulle quali non siamo severi. E' stato molto più gratificante riconoscere il Milan, il vero Milan sul piano dello stile e degli atteggiamenti, nel passaggio di consegne e di atmosfere da Sinisa Mihajlovic a Cristian Brocchi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.