VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Mercato da pazzi, i grandi club muovono tutto. La lenta, lentissima corsa verso l'Europa League che fa saltare tournée milionarie

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
07.05.2017 12:54 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 48558 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Per capire come sarà la prossima estate bisogna leggere i giornali di questo periodo. Perché in questo momento i club tirano le somme, capiscono chi può andare via e chi deve rimanere, muovono i fili per un eventuale cambio di panchina, di dirigenza o solamente di campo d'allenamento. In linea teorica rischia di essere un mercato esplosivo. Prendendo le prime 7-8 di Europa ci sarà un giro di campioni da capogiro: il Real Madrid cederà Benzema e forse Morata, Varane è in discussione mentre James Rodriguez potrebbe essere costretto a rimanere più per una questione di opportunità che non di reale voglia. Il Barcellona nella passata stagione ha iniziato un percorso di rinnovamento decisivo, sbagliando però qualche acquisto, dovrà svecchiare la rosa e rischia di perdere Neymar, obiettivo di quasi tutti i "super club". Come il Paris Saint Germain e, in realtà, pure il Manchester City. Gli allenatori poi inforcano porte girevoli, da Emery a Simeone, passando per Tuchel o Wenger. Chissà se rimane il francese oppure se ne va, come Guardiola del resto. Una cosa è certa: dopo un inverno imbarazzante a livello di colpi (in tutta Europa) le grandi si muoveranno come ingranaggi di orologio, in un domino potenzialmente infinito.

Ci sarà anche la Juventus, ovviamente. Il 2-0 del Louis II pone al riparo da sorprese sgradite, a meno di cataclismi che in questo momento sarebbero imprevisti (e imprevedibili) ma i bianconeri qualcosa faranno. Probabilmente Keita per la fascia, forse anche un altro esterno se Mandzukic dovesse essere scontento di sacrificarsi sulla corsia. Un centrocampista potrebbe servire ma dovrebbe - ed è un condizionale d'obbligo - il solito trequartista per fare rifiatare Dybala. Un obiettivo è anticipare il ritorno di Spinazzola, mentre per Conti ci sarà nutrita concorrenza e rischio asta. E poi il portiere... Detta così non sembrerebbe una squadra capace di vincere 6 scudetti di fila e essere lì lì per la finale di Champions, ma per continuare a vincere è impossibile fermarsi, Marotta lo sa bene.

Così come a saperlo è Monchi, nuovo direttore sportivo della Roma, ma forse non chi lo ha preceduto. Perché Franck Kessie è un obiettivo molto caldo per i giallorossi, la notizia - sbarcata a gennaio su tutti i giornali - del suo approdo alla Roma trovava conferme negli ambienti vicini ai club, ma non all'agente. Probabilmente perché sono stati fatti i conti senza l'oste e in un momento in cui c'è stata una deregulation di questa figura c'è una tendenza generale a scavalcare chi rappresenta e tutela gli interessi dei calciatori. Non volendo dare un giudizio di merito a questa pratica, è però chiaro che il rischio di farsi soffiare clamorosamente Kessie è parecchio alto. Poi dipenderà dalle altre società interessate, prima di tutte quelle straniere. In ogni caso è stata una bella settimanina per il nuovo dirigente romanista: prima annuncia che Totti lascerà il calcio (lo avevano già detto Baldissoni e altri, ma l'ufficialità è questa, visto come è stata gestita la dichiarazione da Pallotta) e poi vede quattro manichini penzolare vicini al Colosseo. C'è anche chi riesce a minimizzare il tutto, dando la colpa ai giornalisti. Vabbè. Personalmente mi scuso perché inizialmente avevo pensato fossero stati tifosi della Roma.

Poi ci sono i soliti Inter e Milan: le meneghine potrebbero vivere meglio la propria corsa all'ultima piazza dell'Europa League, ma i passi falsi sembrano intensificarsi con il finale di stagione. Lungi da noi pensare che le eventuali tournée in Medio Oriente da cancellare possano essere una motivazione, è una visione un po' troppo populista e probabilmente errata, come quella del paracadute per chi va in B. Però è anche vero che ci sono degli ottimi soldi in ballo e un brand da far crescere e rilanciare dopo anni di scelte sbagliate. Suning, fortuna sua, non si è trovata nell'ambigua situazione di dover per forza confermare un tecnico, Pioli, che ha fatto benissimo fino a un certo punto, ma che non è ancora all'altezza di una squadra che vuole vincere tutto (e che ha difficoltà societarie, ancora oggi). Montella è diverso, ha dovuto fare le nozze con i fichi secchi e ne sta uscendo un matrimonio laico, non frizzi e lazzi ma nemmeno da buttare. Si può dire che il Milan è inferiore all'Inter? Forse non all'Atalanta, ma orobici e la Lazio stanno tenendo giri da Champions League, fossimo in una stagione diversa.

Per finire, pensieri sparsi. Complimenti a Simone Inzaghi e Maurizio Sarri, due grandi professionisti che meritano una carriera di successi. Spalletti probabilmente lascerà Roma ma non farà un anno sabbatico, Paulo Sousa doveva salutare Firenze un anno fa perché da Lisandro Lopez e Mammana in poi i dirigenti viola non ne hanno azzeccata una: Corvino ha speso 21 milioni di euro per Milic, Olivera, Dragowski, Toledo, Sanchez, Maganjic e Diks. Si potrebbe obiettare che pure Marcos Alonso all'inizio non era un granché, ma forse ci sarebbe bisogno di altro. Finalmente la Spal ritornerà in Serie A, speriamo che riesca a salvarsi e non fare come le ultime Cenerentole del nostro campionato. La madre degli idioti è sempre incinta, basti rivolgere lo sguardo a chi imbratta Superga. La lotta salvezza si infiamma con il Crotone, coinvolgendo anche chi ha venduto i migliori a gennaio come il Genoa di Preziosi: togliere i pezzi al giocattolo può funzionare solo con l'allegro chirurgo. Infine la grande sorpresa del mancato closing a Palermo. Leggetela come volete: se poi lo giudicate sarcasmo, beh, avete ragione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.