VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Mercato e rinnovi, Calleri fra Inter e Chelsea. Pogba in visita a Manchester. Si avvicina il Natale, si avvicina il mercato

03.12.2015 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 26473 volte
© foto di Federico De Luca

Sarà l'atmosfera del Natale, sarà il freddo che è arrivato, sarà che nelle squadre tra chi va bene e chi va male c'è voglia di cambiare o di vedere se è proprio necessario farlo.
Sarà che ora quando vedi un procuratore in giro non lo saluti e basta. Pensi solo: e ora cosa starà facendo?
Insomma è iniziato il mercato, dai. Dicembre. Meno di un mese all'apertura. E mai come in questa stagione, dopo un'estate travolgente, il mercato è imperscrutabile. Anche perché in molti lavorano anche per la prossima estate. E la domanda principe che si fanno in tanti è: ora che le cose vanno bene devo davvero cambiare? Dipende dall'occasione ovvio.
Prendete la Juve: in Champions obiettivo centrato in un girone tutt'altro che facile, con una giornata d'anticipo. Allegri ha assemblato una rosa che a un certo punto sembrava leggermente squilibrata (con un sistema di gioco mancava tizio, con un altro mancava caio). Ora che le cose vanno bene l'arma in più è davvero Lavezzi. E nient'altro. Movimenti di aggiustamento: Rugani forse a fare minuti, Zaza idem (soprattutto se entra il Pocho) con grandi benefici per chi riuscirà a prenderli perché al di là dell'utilizzo questi sono comunque due grandi calciatori. Ma quello che tiene banco in casa Juve ora riguarda Morata e Pogba: rimangono o se ne vanno?
Ognuno ha la ricetta a casa sua. Dello spagnolo si parla tanto, ma l'unico che sa con certezza cosa farà è solo lui. Sembra una frase fatta ma in realtà la Juve non può nulla: prezzo fissato. Se Morata dirà sì al Real allora andrà via, altrimenti rimane. E allora adesso molti cercano di interpretare il pensiero di Alvaro. Dico anche io la mia: vorrei anche io un allenatore che mi dice "pensa a divertirti, se ti vedo con la testa bassa di cambio"...
Pogba è un'altra storia. Lui a Manchester è andato a cenare, non credo proprio a vedere com'è il clima. Se lo fai è difficile che ti beccano. Peraltro lui Manchester non ha bisogno di vedere come è, la conosce bene. Questo non significa che non possa partire e tornare di nuovo in Inghilterra. Ma servono i soldi. Il suo procuratore fra Gioconde, Munch, Modigliani e compagnia ha messo su una bella galleria d'arte. E si sa che i pezzi pregiati costano. Ma Paul ha dimostrato di avere le idee chiare. Finora chi lo ha cercato con più insistenza è stato il Psg insieme al Chelsea. Vedremo cosa succede. E a proposito di Chelsea: due incroci con le italiane. Il primo è proprio con la Juventus e il famoso trequartista: Oscar è da sempre un pallino di Paratici. I corteggiamenti così lunghi non sempre vanno in porto, ma se riesci a conquistare la bella allora è amore vero. L'altro riguarda invece Calleri, attaccante del Boca Juniors. Proprio il Chelsea sta mettendo i bastoni fra le ruote all'Inter che sta seguendo molto da vicino il ragazzo. La novità è che il Boca lo sta trattando anche con un fondo, ma questo potrebbe spostare di poco le trame di mercato. L'Inter sta valutando attentamente la situazione e addirittura in queste ore sta cercando di capire quali delle squadre che hanno ancora un posto da extracomunitario può essere interessata all'acquisto, visto che ora non potrebbero prenderlo. Insomma piace eccome, ma non è semplice e non sarebbe per ora.
Tornando a chi deve aggiustare: il Napoli meno fa meglio sta. Il fratello procuratore di Higuain ieri era a Castevolturno, sempre con il telefonino all'orecchio. Naturalmente si deve parlare di rinnovo (e non solo del suo). Ecco i rinnovi saranno un tema importante in casa De Laurentiis. Gli altri sono quelli di Mertens, Jorginho e Insigne. Più Ghoulam che ha già incontrato la società. Intanto sul mercato vorrebbe un difensore, ma sa che per acquisire le dinamiche di lavoro di Sarri ci vuole tempo. E allora visto che Tonelli ha rinnovato proprio ieri, l'unico candidato è Rugani (di cui abbiamo parlato sopra). Ma la Juve lo cederebbe al Napoli?
A proposito di rinnovi e di difensori che avrebbero potuto giocare con un altra maglia. Vi ricordate di Maksimovic? Il Napoli era arrivato quasi a 18 per portarlo via al Torino. Che aveva sempre detto: o ce ne porti 25 o rimane e rinnova. Entrambe le promesse mantenute. Fino al 2020 Nikola sarà legato al Torino: diverso da dire che ci rimarrà per sempre, anzi. Ma intanto è un gesto eccezionale (visto che il ragazzo è infortunato, frattura al piede) e misura la forza del Torino, che va avanti senza troppe variazioni rispetto al suo spartito.
Enigmatica la situazione della Roma. Di sicuro si sta cercando un portiere per prossimo anno (Allison piace molto), potrebbe servire anche un difensore centrale già pronto per il campionato italiano. Iturbe non vuole/può più rimanere a Roma. Insomma di movimenti ce ne saranno. E in questo momento di difficoltà è ancora più complicato trovare la strada giusta senza tentennamenti. In queste ore intorno alla società, allenatore e squadra abbiamo sentito, scritto, detto, letto, fatto di tutto. Veramente di tutto. E alcune cose le ho trovate nuove, alcune interessanti, altre populiste. Io non sono un profondo conoscitore delle vicende giallorosse ma visto da (un po') fuori mi sembra che la Roma (fatto salvo che lo scivolone con l'Atalanta e la brutta figura di Barcellona sono comunque indicatori) sia a 4 punti dalla testa della classifica (con lo scontro diretto ancora da giocare) abbia la possibilità di passare il turno di Champions e che ultimamente sia senza due degli uomini chiave del gioco di Garcia. Che sicuramente avrà fatto degli sbagli (nessuno lo nega, credo neanche lui): ma da qui a definirlo un disastro ce ne corre. Sicuramente il trend è negativo: ma basta poco (almeno dal mio punto di vista) a invertire la rotta. Poi è difficile anche mandar giù certi risultati, soprattutto in una piazza come Roma. Ma si cade per rialzarsi...
E visto che il cerchio bisogna chiuderlo proprio a Roma è stato Mino Raiola, nelle scorse ore. Incontrate Roma e Lazio. Opere d'arte anche qui? Certo, come può essere altrimenti... Le chiacchierate comunque ci risultano fronte Lazio su Kishna soddisfatto della personale stagione con i biancocelesti e un passaggio giallorosso con H'Maidat del Brescia, obiettivo da diverso tempo. Non prioritario d'accordo. Ma nel mercato vale tutto...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.