VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Juve ko in Supercoppa: di chi le colpe?
  Massimiliano Allegri e le sue scelte
  Il mercato di Marotta e Paratici
  I giocatori fuori forma come Higuain
  Nessuna crisi: ad agosto può starci

TMW Mob
Editoriale

Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona

29.04.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 15741 volte

Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di giocarsela sia per il quinto che per il quarto posto, con conseguente qualificazione diretta alla Fase a Gruppi di Europa League. E' dunque grandissima culpa del Milan aver giocato "così" contro i toscani, proprio sul più bello. Ma la squadra di Montella è abituata a risalire la corrente, ne ha fatto una filosofia della propria stagione. Deve semplicemente farlo una volta di più. Così come il Milan è arrivato ad alzare il trofeo a Doha dopo l'atterraggio avvenuto con un giorno di ritardo, deve provare ad arrivare in Europa con un turno di Campionato in meno, esattamente quello che non ha giocato contro l'Empoli. Al netto di tutto questo, fermo restando che nella rosa in viaggio oggi per Crotone non c'è nessun giocatore bocciato a prescindere, mercato, mercato e ancora mercato. C'è una differenza nei modi e nei tempi che balza all'occhio. Il flusso continuo di incontri con i procuratori a fine Aprile non è la firma in calce sui contratti dei big, ma una sostanziale garanzia che il corpaccione della squadra prossima ventura sarà pronto probabilmente per il 30 Luglio. Sui tempi ci siamo. E ci siamo anche sulla fioritura dei nomi monitorati. C'è il giocatore d'esperienza, c'è il giovane, c'è il giocatore di mestiere, c'è la primadonna assoluta. Ciascuno è libero di associare nomi già letti o non ancora letti a ciascuna categoria, ma i forni caldi accesi sono tanti e ben diversi fra loro. Non ci sarà infine un caso Digao 2.0, l'esperienza insegna nel rispetto di tutte le parti in causa.

Il ritiro in un momento di crisi è una misura puramente mediatica. Lo sanno i dirigenti, lo sanno gli allenatori, lo sanno i giocatori. E quindi l'unità di misura è mediatica, non sostanziale. E' lì che non bisogna scivolare. Non siamo e non vogliamo essere in alcun modo severi nei confronti di Stefano Pioli, per aver spezzato per qualche ora il ritiro dei propri giocatori. Nè intendiamo sfociare nel populismo e nella demagogia del confronto fra la settimana di ritiro e le trasferte molto meno remunerate di lavoratori di altro genere e di altro tipo. Parliamo di calcio e rimaniamo nel calcio. Perchè è solo il calcio ad essere nell'occhio del ciclone, sempre e comunque. Quindi, Pioli e il ritiro dell'Inter. Noi non vediamo nulla di male nel giovedì mezzo e mezzo del ritiro interruptus. Ma il problema è stato nella comunicazione. Giusto scrivere tutto sul Sito in maniera trasparente, ma quello che ha fatto arrabbiare i tifosi interisti non è stato tanto il parziale ritorno a casa dei giocatori, ma la motivazione. Doveva essere una concessione di Pioli, invece sul comunicato era scritto "si sono meritati", quindi una sorta di conquista dei giocatori premiati a questo punto semplicemente per aver fatto il proprio dovere. La sfumatura mediatica in una misura mediatica come il ritiro, conta. Pesa. E irrita i tifosi.

Dopo il 3-0 dell'andata a Torino, in moltissimi, e noi fra questi, hanno subito pensato che la ricaduta del Barcellona sarebbe stata fatale ai catalani. Dopo il 4-0 di Parigi, il Barça non doveva ricascarci. Anche perchè, e qui andiamo al cuore del pensiero, la Juventus non è il PSG e la Remuntada a certi livelli può essere una storica eccezione ma mai la regola. Così è stato. Allo stesso modo, anche all'indomani della partita di Bergamo fra Atalanta e Juventus che lascia sempre sullo 0-0 il risultato del fischio d'inizio al Louis II di Monte Carlo, il Monaco non è il Barcellona. Bella forza, diranno i tifosi bianconeri: è molto più forte il Barcellona del Clasico rispetto al Monaco ribaltato dal PSG in Coppa di Francia. Vero, ma la previsione di una Semifinale delicata come quella che aspetta la Juventus, non ci si può limitare a questo dato di fatto tra il banale e il brutale. una volta assodato che il tasso di classe blaugrana è nettamente superiore a quello monegasco, va anche sottolineato che è anche molto più prevedibile, decodificato, uguale a sè stesso. La Juventus, che in Europa patisce sempre un po' le partite in cui è favorita (capitò anche a Conte con il Benfica nel 2014 in Europa League), avrà di fronte un Monaco meno forte del Barcellona ma anche molto meno prevedibile. Ed è qui che si giocherà tutto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Un Ferragosto di colpi: Juve, Inter e Milan. Caso Keita, restyling Fiorentina: ma non è affatto finita qui 17.08 - Entro il fine settimana sarebbe arrivato Matuidi. E Matuidi è stato. Anche in anticipo (leggero) rispetto alle previsioni. Approfittando della festa di Ferragosto Marotta e Paratici hanno rotto gli indugi e già da martedì sera Paratici era andato a Montecarlo per chiudere la trattativa...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Quanti pensieri sotto il sole di Riccione… Kondo, che pasticcio! Juve e le scuse di Higuain… Sarri, ora o mai più! Ma Asensio? 16.08 - Le spensierate vacanze sono agli sgoccioli… Sotto il sole di Riccione ci si diverte e la mente (e il fisico) si rilassa, immagazzinando energie per i mesi futuri… Eppure, tre o quattro volte al giorno, ci si ritrova a parlare di calcio! Impossibile farne a meno… La Juventus ridimensionata...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Allarme Juve: il rinforzo di Marotta e la scelta (complicata) di Allegri. Inter: la decisione su Schick. Bomber Milan? Un silenzio "studiato". Napoli: ecco la mossa giusta 15.08 - E ben ritrovati a tutti. Questo editoriale va in onda in forma ridotta per ovviare a una questione di "ferie del sottoscritto iniziate giusto ieri". Questo non significa che non si possa toccare il fondo anche questa settimana: ci riusciremo, solo in maniera più concentrata. Vi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

5 giorni al via della nuova serie A: ecco la griglia di partenza… e di arrivo aspettando il 31 Agosto 14.08 - Ovviamente preferiamo tutti la grigliata di Ferragosto alla griglia di partenza della serie A, però, è giusto parlare prima anziché dopo quando sarà tutto più facile per tutti. Certamente ci sono ancora due settimane piene per cambiare obiettivi e per spostare gli equilibri, con un...

EditorialeDI: Marco Conterio

L'anno zero del calcio mondiale. Il risveglio dal sogno Leicester, la lezione di Rooney, i milioni del PSG e le grandi d'Italia in cerca degli ultimi botti 13.08 - Il Leicester City di Claudio Ranieri aveva risvegliato, in tutti noi, una parola antica. Fanciullesca. Favola. Aveva riportato alla mente i racconti di un calcio che fu, le pagine polverose del pallone delle leggende, di quanto la televisione era un miraggio, o di quanto Davide aveva...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve, Milan e Inter: cosa manca. Biglia e Kondo: casi di Ferragosto. Kolarov: l'ovvio del derby 12.08 - Alla Juventus manca un centrocampista, al Milan un centravanti, all'Inter un colpo. Quello del centrocampista inizia ad essere un caso per i bianconeri. Sempre vincenti e sempre leader, ma nel corso degli anni il reparto-chiave, la sala macchine, ha perso irreversibilmente qualità....

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve allarme, il mercato e’ in ritardo. Per la Champions serve di più. Non poteva prendere Strootman con la clausola? Serve un altro Bonucci. Ma anche l’Inter e’ ferma. Milan, occhi su Cavani. Fiorentina, Simeone e Jese’ 11.08 - Guardo la casella degli acquisti su un giornale qualsiasi, conto i giorni che mancano alla fine del mercato (soltanto venti) e comincio a pensare che la Juventus sia in netto ritardo. Magari oggi Marotta mi smentira’ presentando in un colpo solo i tre-quattro giocatori che servono...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve un 10 in attesa del centrocampista, la Roma insiste, l'Inter dribbla. Il Torino scatenato a centrocampo, Schick rifa le visite e ora? 10.08 - La Juve, sebbene non abbia più piazzato la zampata del centrocampista, la notizia della giornata l'ha comunque tirata fuori: Dybala sarà il nuovo 10 bianconero. Voi direte: col mercato non c'entra niente. Vero ma intanto possiamo sgombrare il campo da qualsiasi tipo di voce che continuava...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Bacca & Gabigol, noie milanesi! Juve-Strootman, impossibile… Napoli quanti esuberi! Ibra, dacci una gioia… 09.08 - Lo ammetto: sono anni che non vedevo tanto entusiasmo, a Milano, attorno ad entrambe le squadre della città. Il Diavolo è tornato a dettar legge (almeno d’estate), con un mercato faraonico… L’Inter, con calma e raziocinio, sta plasmando una squadra “alla Spalletti”. Tutti felici ma...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Matuidi: Marotta prepara il botto di ferragosto. Inter: la richiesta di Spalletti (non solo sul mercato...). Milan: un'altra battaglia mediatica in attesa del bomber. Napoli: ecco l'Europa 08.08 - Ciao. Ho solo un’ora di tempo. “Per fortuna”, direte voi. Vado con 11 sinapsi a caso. 1) C’è l’ondata di caldo. Ad agosto. La gente si sorprende e dice “dove andremo a finire”. Perché fa molto caldo. Ad agosto. Io non capisco. 2) La canzone dei Thegiornalisti “Riccione”...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.