VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Mercato Milan tutt'altro che immobile, Milan e Roma: tra Destro e Torres. No, al posto di Balotelli non ci sarà Pandev. Conte fa pace col San Paolo e lo Juventus Stadium?

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
23.08.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 48283 volte

Il primo grande affare dell'estate 2014 in Italia è stato Immobile al Borussia. Ma è la più classica delle contraddizioni in termini. Il mercato è tutt'altro che immobile. Il mercato cambia, il mercato sguscia, il mercato fluttua. Quello che appare adesso, può anche, ma non è detto, non valere più mezz'ora dopo. Chi fa il mercato gestisce, chi lo segue analizza e sintetizza. O quanto meno ci prova. Soprattutto sulle ultime curve del mercato Milan. Per farla breve, la prima punta. Oggi all'orizzonte sembrano esserci Jackson Martinez e Mattia Destro. A favore di Jackson c'è il fatto che questo segna, e segna tanto. I connazionali Zapata e Armero, poi, garantiscono per lui. Contro Jackson ci sono i costi, quasi proibitivi, e i tempi di ambientamento. Questi ultimi incognita allo stato puro. E non ultima la dichiarazione di incedibilità pronunciata dal numero uno del Porto. Qualcuno sostiene che sia normale nell'attesa del playoff di ritorno contro il Lille, ma in casa rossonera la sensazione che il Porto non voglia dare il giocatore è forte. Non è finita, ma si sapeva che era dura. Il Milan sta comunque lavorando a 360 gradi. A livello di prime punte, ci sono ipotesi esotiche alle quali crediamo poco, da Negredo a Soldado, da Hernandez a Bony, fino a Fernando Torres.

Perché non Mattia Destro invece? Carriera non intonsa in quanto a infortuni, ma il grosso degli acciacchi è ormai alle spalle e trattasi di fior di prima punta. E il giocatore, contrariamente a Jackson Martinez, è già in uscita. Contatti ieri sull'asse Milan-Roma e Claudio Vigorelli, l'agente del giocatore. La Roma preferirebbe inviare il giocatore al Chelsea piuttosto che al Milan, ma il Chelsea prende Destro solo se esce Fernando Torres. Lo stesso Torres proposto sia alla Roma che allo stesso Milan. E Destro? Mattia andrebbe volentieri al Chelsea, ma se il Milan arrivasse forte su di lui la preferenza andrebbe ai rossoneri. In ogni caso. Sotto a chi tocca. Il centrocampista. Anche per Rabiot all'interno dello spogliatoio rossonero c'è chi stravede, si tratta di Alex e Menez, di provenienza PSG. Ma tra mamma Rabiot e il PSG dello Sceicco lo spazio è stretto, strettissimo. Sarebbe un acquisto di grande fascino, età e prospettiva ma l'ingegneria dell'operazione è ad alto rischio. A chi dice già che è andata male rispondiamo che è una possibilità, ma che l'ultima non è ancora stata detta. Conta la volontà del giocatore, il suo pronunciamento finale. Perché allora non Dzemaili? E' nazionale svizzero, tira, segna, si inserisce, conosce già il nostro Campionato. De gustibus. Il crinale del mercato fra le cose che piacciono e le cose possibili è un po' questo. Attaccante esterno. Alessio Cerci è la speranza dell'ultimo tuffo. Dietro la duna dell'Atletico Madrid e dietro le espressioni difficilmente scrutabili del presidente Cairo, potrebbe esserci il nome più ripetuto dell'intera estate rossonera. Quando si parla di Cerci, regnano i condizionali. La differenza la faranno le formule dell'operazione e le dilazioni dei pagamenti. Meglio allora non perdere di vista Taarabt che probabilmente non rientra nei canoni ideali di gruppo scolpiti da Mister Inzaghi ma incontra e non poco il palato dei tifosi rossoneri. Due opzioni per ruolo per dieci giorni da Milan. Quelli per cui tifano tutti i Milanisti.

Gli stessi tifosi milanisti, scottati dall'estate di Ibra e Thiago e dall'ottavo posto dell'ultima stagione, che fino a due mesi fa invocavano la cessione di Mario Balotelli, un minuto dopo l'annuncio della trattativa con il Liverpool criticavano la cessione di Mario Balotelli. Inattaccabile sul piano delle cifre (fra i 20 e 22 milioni, con un segno più rispetto alla quota di ammortamento del giocatore a bilancio che è di 16 milioni), aria pura a livello di monte-ingaggi e inevitabile sul piano ambientale e di gruppo per il collettivo che vuol creare Filippo Inzaghi, tutt'altro che triste in questi giorni, l'operazione è stata nonostante tutto accompagnata dalla solita stizza social dei tifosi rossoneri. Perchè è subentrata l'ansia del sostituto. Massacrati da mesi di frecciate mediatiche sui parametri zero e sui prestiti (perché le altre squadre italiane che fanno?), i tifosi rossoneri non volevano iniziare la volata di mercato con una cessione. Il timore è il sostituto. C'è un nome che, con tutto il rispetto per il giocatore, fa infuriare i tifosi del Milan in questi giorni: Goran Pandev. E' la linea del Piave dell'umore rossonero. No Pandev, ecco adesso Pandev, con Pandev allo stadio ci andate solo voi. Una vera e propria psicosi macedone. Un vero e proprio incubo Goraniano. Su Pandev siamo d'accordo. Ma è curioso che attorno ad un Milan società e staff che pensa a tutt'altro che a Pandev, ci siano i tifosi dello stesso Milan che non parlano d'altro.

Antonio Conte. Mamma mia. Il segnale che i tifosi juventini abbiano applaudito Massimiliano Allegri a Villar Perosa, deve preoccuparlo? In effetti, il confine è sottile. Possono essere applausi legati al fatto che Allegri si sia inserito in punta di piedi e con rispetto della comunicazione bianconera, nella nuova realtà. Ma anche che sia passato lo choc per la partenza di Antonio Conte e che sia stato sostituito dall'idea che Antonio Conte abbia in qualche modo "tradito". Non è vero, perché la rescissione è stata consensuale e perché Antonio non è andato ad allenare una squadra di Club rivale della Juventus. Ma gli umori dei tifosi in natura non sono sondabili e tanto meno aritmetici. Il tifo è pancia, carne, sangue. E il passaggio dalla prima conferenza stampa, quella del Parco dei Principi con i vertici Figc, non juventina militante di Antonio Conte agli applausi a Villar Perosa al suo sostituto non sono al di sopra di ogni sospetto. L'establishment bianconero temeva il primo contatto diretto fra i bianconeri e Allegri. Invece è andata bene, forse troppo bene. Che l'Antonio Conte che non difende a spada tratta i 32 scudetti non sia piaciuto? Che negli occhi dei tifosi juventini ci siano le visite e gli abbracci negli ambienti di Napoli, Roma, Lazio e Fiorentina? Che lo Juventus Stadium gli prepari una accoglienza da amante tradito? Sarebbe un vero peccato. Primo perché la Juventus in campo e dietro la scrivania è cruciale per il lavoro del nuovo Ct azzurro. Secondo perché Antonio Conte ha sofferto il divorzio dalla Juventus e non merita ritorsioni. Terzo perché i tifosi di un grande Club devono portare sulla pelle la responsabilità di sostenere una squadra da sempre cruciale per le sorti della Nazionale italiana di calcio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Conte, no all'Inter. Sabatini pensa a Luis Enrique. Nainggolan e Manolas più vicini. Milan, Montella in bilico. Via senza Europa League. Roma, c'è Di Francesco 12.05 - Conte resterà al Chelsea, almeno così pare. Lo ha ribadito anche lui ieri facendo capire che dopo la Premier vuol provare a vincere la Champions e per chi vi scrive non è una novità. L’ho sempre capito (e scritto) dopo contatti, frasi, confessioni più o meno ufficiali. Non sono i...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.