VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto

07.01.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 16237 volte

Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato in due giorni. Tutto rientrato, senza congetture, senza retropensieri. Le Isole Cayman sono state trasformate in men che non si dica in un paradiso. Lo stesso dicasi per le ultime decisioni del governo cinese riguardanti le spese folli nel calcio. I 30 milioni per Gabigol e simili non centrano nulla in tutto questo, anzi a pensarci bene Suning in fondo non è nemmeno cinese. Gli unici problemi in questo caso li avrà, naturalmente, il Milan, siamo nella normalità più assoluta. Da questa parte, invece, la presenza di Huarong, 348esima compagnia al mondo (Suning è 980esima...) fra i gruppi della cordata Sino Europe destinata ad acquisire il Milan, è stata oscurata dalle Isole Vergini. Basta cambiare il nome alle isole, trasbordare da George Town a Saint Thomas, e le verginelle, dopo aver creato alle Cayman il paradiso, trasformano con una bacchetta magica l'arcipelago caraibico delle Vergini in un inferno fiscale nel quale provare a cuocere a fuoco lento Silvio Berlusconi, il suo Milan e soprattutto il suo futuro. Perfino uno degli avvocati che hanno curato l'operazione Suning-Inter sale in cattedra, naturalmente dall'alto della sua imparzialità, sulla opacità, è diventata la nuova parola d'ordine trita e ritrita di bocca in bocca, dell'intera operazione della cessione del Milan. Opacità che è stata riprodotta dal vitro dei media e che viene gentilmente servita al banco come gomma da masticare per ragionamenti che vorrebbero anche, in cuor loro magari, essere super partes. Non siamo vittime e non siamo affette da vittimismo mediatico. Ma sappiamo perfettamente che tutto è mediatico in questo Paese, dove si passa da un giorno all'altro dai 100 milioni su cui deve indagare la Procura ad una love story a cielo aperto. Al tirar delle somme, Merdeka e prestiti al Club a tassi molto alti, Kia e Gabigol, vanno bene, tutto liscio e tutto cristallino. Nessuno sposta gli occupanti del primo banco, quelli che vengono coccolati dalla maestra alla minima occasione. Dall'altra parte, Huarong e 200 milioni cash versati, buon senso, giovani, italiani e mercati condotti in perfetto stile Fair Play Finanziario (vi ricorda qualcosa?) anche a costo di non andare incontro ai legittimi sogni dei tifosi, restano in castigo. Dietro la lavagna della diffidenza e della perplessità.

Non sono dalle altre parti sono diventati bravi. Ma anche dalle altre parti ancora, ma lì forse lo sono sempre stati. Un anno e mezzo fa l'acquisto di Romagnoli, da parte del Milan, a 25 milioni di euro, era stato dileggiato e compatito: ma come si fa a strapagare così tanto una riserva della Roma, ma sono in stato confusionale?! Un anno e mezzo dopo un paio di giovani bergamaschi con la metà delle presenze in Serie A di Romagnoli, vengono pagati anche di più. Ma, in questo caso, sono colpi di mercato. Come noto i colpi di sole si prendono solo a Forte dei Marmi...Fa niente se oggi Romagnoli è titolare della Nazionale, gli abbassano i voti quando gioca, e accade spesso, da 7,5. Fa niente, assolutamente. Del resto avevano anche cercato di far passare che l'offerta estiva di 40 milioni da parte del Chelsea non era vera. Ma sul Milan, nota terra di nessuno, si può. Si prova anche, con una spregiudicatezza perfettamente organica al contesto, per amicizia naturalmente, un nobile sentimento in fondo, ad oscurare la crescita costante nel tempo di Giacomo Bonaventura. Il problema nasce invece quando sono le altre parti, quelle di quelli bravi, ad entrare in conflitto fra loro, allora sì che ci si diverte. Caldara e Gagliardini vengono pagati uguale. Ma da una delle de parti viene sferrato l'attacco, Gagliardini viene pagato più di Neymar e Pogba. E dall'altra parte che a quel punto, rispondono legittimamente: ma anche Caldara è stato pagato più di Neymar e Pogba. In attesa che venga chiarito e superato il busillis, non è male nemmeno il caso Rincon. E' diventato El General, una sorta di Profeta del calcio destinato a cambiare la Juventus fin dal primo passo del suo arrivo alla clinica Fornaca. E i tifosi ne risentono, ci credono. Proprio nei giorni scorsi, in una trasmissione tv, una mail di un sostenitore bianconero ci arrivava, eccome se ci arrivava, a sostenere che Rincon può far meglio anche di Vidal. Con tutto il rispetto di Rincon, che è un ottimo giocatore, stiamo pur sempre parlando di un giocatore che se l'avessero preso quelli cattivi, ci sarebbe stata la stessa sollevazione vista per Kucka. E i colleghi di Calcio e Finanza (è solo una battuta, massimo rispetto e massimo apprezzamento, sia ben chiaro) non avrebbero avuto tempo di reperire il documento delle Isole Vergini, perchè sarebbero stati impegnatissimi pancia a terra e ricostruire l'albero genealogico di Preziosi e Galliani. Non è sangue amaro, è semplice disincanto. Vediamo tutto e osserviamo tutto. E proviamo a raccontarlo, con un sorriso appena accennato ma tutto sommato divertito. Perchè è davvero tutto molto divertente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.