VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Mihajlovic: l’ultima spiaggia di Balotelli. Juventus: molto più Cavani di Dybala. Zeman: canto del cigno in serie A. Quote Milan: fa tutto il presidente. Klopp non allenerà in Italia

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
25.04.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 58058 volte

Genova smobilita. Dopo un Campionato ad alto livello per entrambe le squadre, tecnico e giocatori su entrambe le sponde sono raggiunti e distratti dalle voci di mercato. E' normale. Samp e Genoa oggi sono rampe di lancio, non punti di arrivo. Con tutto il rispetto per due grandi tifoserie e una grande città. Soriano, Okaka, Iago, Perotti, voci e interessamenti. Per non parlare di Mihajlovic, il partente sicuro per eccellenza. Avevamo ipotizzato che il Napoli rischiava di arrivare lungo, di essere in ritardo su di lui. Se come sembra così non sarà, potrebbe essere la chiusura del cerchio per Mario Balotelli. In tanti nel calcio se lo ripetono: ma che fine ha fatto Mario? Poco campo, sprazzi social, un talento così...il solito. Sinisa è un allenatore duro e stimolante, alla Caoello. Pensa e urla, strattona e ottiene. Ruvido all'inverosimile, finchè non fa scattare la molla. Se Mihajlovic andrà davvero al Napoli, Raiola e Balotelli non dovrebbero aspettare un minuto di più a indirizzare il navigatore verso il San Paolo. L'ultima speranza di scuotersi, per Balo, è targata Sinisa. L'allenatore giusto e la città gusta, Naspoli. Una città che Mario sente, al punto che, per non essere riuscito a dare il meglio in quello stadio, una sera di Febbraio di un anno fa arrivò addirittura alle lacrime...

Potrebbero ribattezzarlo Matador Stadium. Lo danno per fatto, Cavani alla Juventus. Molto più di Dybala. Dalle parti di Torino, sanno bene che il presidente Zamparini sopravvaluta e ipervaluta e non vogliono a tutti i costi ripetere l'esperienza Amauri. Sembra dunque proprio Edinson Cavani il profilo giusto per la Juventus di questi anni. Un po' scottata dall'esperienza Llorente, la Società bianconera non vuole puntare su un attaccante d'area, ma su punte di costruzione, di movimento e di gol. E in questo senso il profilo di Cavani è il più vicino che ci sia a quello di Tevez. Attaccanti che ribaltano la situazione di gioco, che tornano a difendere e che sanno dov'è la porta come l'ex Napoli e come lo stesso Morata che è già in casa, questi sono i punti di riferimento. Ecco perché Dybala, che costa troppo e che bazzica da prima punta più degli altri, rischia seriamente di non indossare il bianconero la prossima stagione.

Il presidente innovativo e l'eroe di Calciopoli erano scesi a Cagliari per fare un prodotto nuovo, originale, glamour, mediatico. Tutto il contrario della lezione, tutta polpa e tutta sostanza, di Massimo Cellino. Risultato: sotto gli occhi di tutti. Ecco cosa succede a realizzare qualcosa nel calcio, avendo come unica ossessione quella di marcare la differenza: si perde il contatto con la realtà, con le necessità reali di un ambiente, di una squadra. Il criticato e vituperato Cellino il Cagliari in Serie A, soffrendo e barcollando, ce lo ha sempre tenuto. Il nuovo Cagliari è andato sui giornali come cartina di tornasole del personaggio Zeman, sai che soddisfazione. Gli ultimi sospiri sardi del grande boemo sono destinati ad essere gli ultimi nel massimo Campionato. Anche l'highlander della battuta raffinata saluta. Che cosa centrasse con il Cagliari di questa stagione e con la lotta per la salvezza, non lo ha capito nessuno. Intanto, registriamo, rispettiamo e salutiamo.

Il Milan è lucido, sereno e allineato. Le parole di Marina Berlusconi hanno dettato l'agenda e monitorano il momento. La sensazione è di fluidità e sviluppo. Il presidente Berlusconi cura tutto in prima persona. Bee Tauchebol e la sua intraprendenza raccolgono rispetto. Non ancora entusiasmo. C'è aria di Cina sia nella cordata, termine che al pari dei fondi deve tenere tutti all'erta sempre, sia fra altri interlocutori curati direttamente e solo da Silvio Berlusconi. Non è il momento dei tifosi, annidati sia fra chi punta a sovvertire alleanze mediatiche e quindi politico - sportive sia fra chi coltiva meschine rivendicazioni personali da pura e semplice cartina di tornasole per le proprie amicizie vere o presunte. È il momento del bene del Milan. Del suo Futuro con la maiuscola. Ed è sacrosanto che a stabilirlo, a verificarlo e a soppesarlo fino in fondo, sia chi, il presidente Berlusconi, si appresta a garantire la sopravvivenza del Milan coprendo passivo di gestione e partita fiscale dell'esercizio di bilancio 2014. Sopravvivenza. Non è una parola magica, ma nemmeno qualcosa di scontato. Nel calcio italiano non è e non sarà da tutti e per tutti.

Jurgen Klopp non allenerà in Italia. Non lo convincono le condizioni, le strutture, la pressione che nel caso di un noviziato come il suo potrebbe raggiungere in un amen livelli insopportabili. Spiace se dovesse esserci in tutto questo, qualche pregiudizio di stampo tedesco. Speriamo di no. Chi dovesse finire peggio la stagione fra Real Madrid e Barcellona o il solito PSG, è qui che con ogni probabilità andrà a parare il demiurgo del Dortmund. E' simpatico e solare, buona fortuna.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.