VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Milan: 10 procuratori diversi. Allegri: la versione di Pirlo. Inter: finalmente il Bayern. Napoli: il tarlo del portiere

29.07.2017 07:29 di Mauro Suma   articolo letto 47992 volte

Il Milan ha preso 10 giocatori sul mercato. Da 10 procuratori diversi fra loro. Ogni tentativo di costruire in qualsiasi modo assi o legami preferenziali fra il Milan e un agente nello specifico, oltre a non aver alcun tipo di seguito fra i tifosi, cozza contro i fatti. Che sono qualcosa con cui misurarsi sempre, anche in un mondo molto creativo e approssimativo come quello del calcio parlato e commentato italiano. Fra i 10 giocatori presi dal Milan, i tre che stanno facendo meglio sono quelli della primissima infornata, Musacchio, Kessie e Ricardo Rodriguez, quelli che sono stati più tempo a Milanello (da fine Giugno) e quelli che avevamo indicato come acquisti di sostanza, di polpa, anche se sottovalutati da molti. Il tempo quindi non è una variabile o un pretesto. E' il minimo necessario per capire, integrarsi, assimilare. Vale naturalmente anche per Andrè Silva, aggregatosi al gruppo soltanto in Cina dopo la Confederations Cup terminata il 2 Luglio e dopo le vacanze. Il portoghese ha due soli allenamenti nelle gambe a Milanello e non ha ancora fatto la preparazione. E non c'entra nulla che sia di Jorge Mendes, uno dei 10 procuratori diversi fra loro di cui sopra, agente importante e prestigioso con cui peraltro, lo ricordiamo, aveva un ottimo rapporto anche la precedente dirigenza sportiva rossonera, quella guidata da Adriano Galliani che a sua volta, da presidente di Mediaset Premium, ha avuto un cordiale e sorridente colloquio con Marco Fassone a margine dei calendari. A conferma del fatto che il Milan, il vero Milan e i veri Milanisti non hanno bisogno di nuove, inutili e inesistenti biforcazioni. In quei minuti Massimiliano Mirabelli era in Romania, sul pezzo, alla vigilia della gara vittoriosa sostenuta dal Milan contro il Craiova. Romania raggiunta da una squadra appena sbarcata a Malpensa, di rientro dalla Cina. A proposito della sostanza anche in questo caso di cui sopra, molto del Milan che sta nascendo assomiglia proprio a Mirabelli. Che ha una logica calcistica basata su due capisaldi: da responsabile dell'area tecnica e da direttore sportivo ha la responsabilità di tradurre in investimenti importanti il progetto tecnico dell'allenatore. Responsabilità quindi tecnica, ma anche societaria ed economica. E questa responsabilità la declina andando sempre e comunque negli stadi, sul campo, per rendersi conto di persona del rendimento dei giocatori su cui puntare. E anche per non farsi trovare impreparato alla chiamata di qualsiasi agente o di qualsiasi addetto ai lavori: le caratteristiche tecniche di qualsiasi calciatore le vuole avere in testa lui in prima persona, senza farsele decantare e raccontare da nessuno. Il mercato del Milan è in mani concrete e responsabili. Che sanno quello che fanno dal punto di vista sportivo e sono lucide e senza colpi di testa su quello economico. Con buona pace di tutti.

Lo strano caso di Andrea Pirlo. A Repubblica in questi giorni ha dichiarato: "Non so cosa sia successo tra Bonucci e Allegri, ma di sicuro io me ne sono andato dal Milan perché ero a fine contratto e volevo un’avventura nuova. Allegri non c’entrava niente, non ho cambiato per colpa sua. Sarei potuto rimanere anche al Milan. Ma sentivo di aver finito un ciclo". Alla buon'ora. Cinque anni dopo, il campione di Flero ha detto la verità. Scelta sua, da non addebitare quindi al Milan dell'epoca o ad Allegri. Perchè scriviamo alla buon'ora? Perchè 3 anni fa, nel Luglio 2014, al momento dell'arrivo di Allegri alla Juventus, tornava di attualità una intervista di Pirlo del Maggio 2012 in cui sosteneva cose diverse: "Allegri voleva piazzare davanti alla difesa Ambrosini o Van Bommel e io avrei dovuto cambiare ruolo. Allora ho detto no grazie perchè il Milan aveva deciso che non servivo più e nel mio ruolo Allegri preferiva altri giocatori". Quindi Allegri ha avuto un ruolo o non l'ha avuto? Ha deciso Pirlo o ha deciso il Milan? Perchè i giocatori rilasciano le interviste in base all'umore del momento e anche, forse o senza forse, per strumentalizzare i tifosi?

Dall'inizio della nuova stagione sportiva, il Milan non ha detto una parola sull'Inter. Un sussurro, un riferimento, nulla. In cambio ha ricevuto, nell'ordine: Sabatini ("Il mercato del Milan non è un nostro modello"), Ausilio ("Non bisogna buttare troppi soldi sul mercato, per frenesia), Spalletti ("Ancelotti in Bayern-Milan si è ricordato del suo passato rossonero"), Borja Valero ("Il Milan nel 2013 mi ha portato via la Champions in modo strano") e Williamson ("Milan in ritardo sui lavori di San Siro"). Fino all'ancora presidente Thohir che ha fissato bontà sua la linea di demarcazione nel fatto che "Il Milan deve fare le Coppe e l'Inter no". Tutto fra virgolette. Che mancano invece ai firmatari delle proteste presso l'Uefa sul calciomercato milanista, arrivate da destinazione ufficialmente ignota. Tornando all'Inter, siamo in grado di capire che rispetto a cotanto mercato del Milan, la rivale cittadina che promette un grande mese di Luglio sul mercato e poi per i suoi legittimi motivi non lo fa, rimane stretta nelle domande, nei riferimenti e nelle recriminazioni dei propri tifosi a quanto accade dall'altra parte della città. Ma la frequenza di dichiarazioni balza comunque all'occhio. La scorsa settimana praticamente una al giorno. La speranza è che la vittoria sul Bayern abbia rasserenato l'ambiente nerazzurro e che il Milan possa continuare per la propria strada senza essere chiamato in causa minuto per minuto.

Il Napoli, con diversi interpreti, assomiglia in tutto e per tutto al Milan di Sacchi. Anche quel grande Milan aveva una grande carica innovativa, un progetto tecnico ambizioso che ripeteva ad ogni partita, anche contro Ascoli e Cremonese, con il rischio di andare all'assalto di gare che, se semplicemente gestite, avrebbero garantito al Club rossonero magari uno Scudetto in più. Proprio come il Napoli di Sarri che a causa dell'1-1 con il Palermo ha perso la qualificazione diretta alla Champions League. La stessa analogia riguarda i portieri. Ne ha cambiati tanti Arrigo, anche se Giovanni Galli resta il punto di riferimento di quegli anni. Eppure il portiere veniva più sottovalutato e discusso che altro, nella concezione sacchiana. Proprio come accade a Reina in questi anni di Sarri. E i tifosi partenopei, dopo il finale di stagione dello spagnolo, temono di scarificare qualche punto sull'altare di questo tema, come accadde con Benitez e con Rafael nella stagione 2014-2015. I giocatori del Napoli, che rispettano Sarri e stimano Sarri, hanno fatto il patto per lo Scudetto. Ed è una cosa molto bella. Ma siamo sicuri che un calcio in buona fede ma estremo, con altissimi picchi di qualità ma molto integralista, possa tenere il mare per 38 lunghe, contorte e insidiose giornate di Campionato?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caso Donnarumma e Voluntary Agreement bocciato, una brutta settimana al Milan. L'Inter piange sulla prima sconfitta, Spalletti deve tenere la barca. Giacomelli horror, ma certi pianti... Complimenti a Massimo Oddo che ha già fatto nove punti 17.12 - Una settimana da Dio. Quella di Marco Fassone è stato a mercato ancora chiuso, perché l'amministratore delegato del Milan aveva già gettato le basi per il Milan del 2017-18, trovando accordi con praticamente tutti i giocatori poi acquistati in estate. Il mercato iniziava a luglio,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.