VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Milan: 10 procuratori diversi. Allegri: la versione di Pirlo. Inter: finalmente il Bayern. Napoli: il tarlo del portiere

29.07.2017 07:29 di Mauro Suma   articolo letto 47933 volte

Il Milan ha preso 10 giocatori sul mercato. Da 10 procuratori diversi fra loro. Ogni tentativo di costruire in qualsiasi modo assi o legami preferenziali fra il Milan e un agente nello specifico, oltre a non aver alcun tipo di seguito fra i tifosi, cozza contro i fatti. Che sono qualcosa con cui misurarsi sempre, anche in un mondo molto creativo e approssimativo come quello del calcio parlato e commentato italiano. Fra i 10 giocatori presi dal Milan, i tre che stanno facendo meglio sono quelli della primissima infornata, Musacchio, Kessie e Ricardo Rodriguez, quelli che sono stati più tempo a Milanello (da fine Giugno) e quelli che avevamo indicato come acquisti di sostanza, di polpa, anche se sottovalutati da molti. Il tempo quindi non è una variabile o un pretesto. E' il minimo necessario per capire, integrarsi, assimilare. Vale naturalmente anche per Andrè Silva, aggregatosi al gruppo soltanto in Cina dopo la Confederations Cup terminata il 2 Luglio e dopo le vacanze. Il portoghese ha due soli allenamenti nelle gambe a Milanello e non ha ancora fatto la preparazione. E non c'entra nulla che sia di Jorge Mendes, uno dei 10 procuratori diversi fra loro di cui sopra, agente importante e prestigioso con cui peraltro, lo ricordiamo, aveva un ottimo rapporto anche la precedente dirigenza sportiva rossonera, quella guidata da Adriano Galliani che a sua volta, da presidente di Mediaset Premium, ha avuto un cordiale e sorridente colloquio con Marco Fassone a margine dei calendari. A conferma del fatto che il Milan, il vero Milan e i veri Milanisti non hanno bisogno di nuove, inutili e inesistenti biforcazioni. In quei minuti Massimiliano Mirabelli era in Romania, sul pezzo, alla vigilia della gara vittoriosa sostenuta dal Milan contro il Craiova. Romania raggiunta da una squadra appena sbarcata a Malpensa, di rientro dalla Cina. A proposito della sostanza anche in questo caso di cui sopra, molto del Milan che sta nascendo assomiglia proprio a Mirabelli. Che ha una logica calcistica basata su due capisaldi: da responsabile dell'area tecnica e da direttore sportivo ha la responsabilità di tradurre in investimenti importanti il progetto tecnico dell'allenatore. Responsabilità quindi tecnica, ma anche societaria ed economica. E questa responsabilità la declina andando sempre e comunque negli stadi, sul campo, per rendersi conto di persona del rendimento dei giocatori su cui puntare. E anche per non farsi trovare impreparato alla chiamata di qualsiasi agente o di qualsiasi addetto ai lavori: le caratteristiche tecniche di qualsiasi calciatore le vuole avere in testa lui in prima persona, senza farsele decantare e raccontare da nessuno. Il mercato del Milan è in mani concrete e responsabili. Che sanno quello che fanno dal punto di vista sportivo e sono lucide e senza colpi di testa su quello economico. Con buona pace di tutti.

Lo strano caso di Andrea Pirlo. A Repubblica in questi giorni ha dichiarato: "Non so cosa sia successo tra Bonucci e Allegri, ma di sicuro io me ne sono andato dal Milan perché ero a fine contratto e volevo un’avventura nuova. Allegri non c’entrava niente, non ho cambiato per colpa sua. Sarei potuto rimanere anche al Milan. Ma sentivo di aver finito un ciclo". Alla buon'ora. Cinque anni dopo, il campione di Flero ha detto la verità. Scelta sua, da non addebitare quindi al Milan dell'epoca o ad Allegri. Perchè scriviamo alla buon'ora? Perchè 3 anni fa, nel Luglio 2014, al momento dell'arrivo di Allegri alla Juventus, tornava di attualità una intervista di Pirlo del Maggio 2012 in cui sosteneva cose diverse: "Allegri voleva piazzare davanti alla difesa Ambrosini o Van Bommel e io avrei dovuto cambiare ruolo. Allora ho detto no grazie perchè il Milan aveva deciso che non servivo più e nel mio ruolo Allegri preferiva altri giocatori". Quindi Allegri ha avuto un ruolo o non l'ha avuto? Ha deciso Pirlo o ha deciso il Milan? Perchè i giocatori rilasciano le interviste in base all'umore del momento e anche, forse o senza forse, per strumentalizzare i tifosi?

Dall'inizio della nuova stagione sportiva, il Milan non ha detto una parola sull'Inter. Un sussurro, un riferimento, nulla. In cambio ha ricevuto, nell'ordine: Sabatini ("Il mercato del Milan non è un nostro modello"), Ausilio ("Non bisogna buttare troppi soldi sul mercato, per frenesia), Spalletti ("Ancelotti in Bayern-Milan si è ricordato del suo passato rossonero"), Borja Valero ("Il Milan nel 2013 mi ha portato via la Champions in modo strano") e Williamson ("Milan in ritardo sui lavori di San Siro"). Fino all'ancora presidente Thohir che ha fissato bontà sua la linea di demarcazione nel fatto che "Il Milan deve fare le Coppe e l'Inter no". Tutto fra virgolette. Che mancano invece ai firmatari delle proteste presso l'Uefa sul calciomercato milanista, arrivate da destinazione ufficialmente ignota. Tornando all'Inter, siamo in grado di capire che rispetto a cotanto mercato del Milan, la rivale cittadina che promette un grande mese di Luglio sul mercato e poi per i suoi legittimi motivi non lo fa, rimane stretta nelle domande, nei riferimenti e nelle recriminazioni dei propri tifosi a quanto accade dall'altra parte della città. Ma la frequenza di dichiarazioni balza comunque all'occhio. La scorsa settimana praticamente una al giorno. La speranza è che la vittoria sul Bayern abbia rasserenato l'ambiente nerazzurro e che il Milan possa continuare per la propria strada senza essere chiamato in causa minuto per minuto.

Il Napoli, con diversi interpreti, assomiglia in tutto e per tutto al Milan di Sacchi. Anche quel grande Milan aveva una grande carica innovativa, un progetto tecnico ambizioso che ripeteva ad ogni partita, anche contro Ascoli e Cremonese, con il rischio di andare all'assalto di gare che, se semplicemente gestite, avrebbero garantito al Club rossonero magari uno Scudetto in più. Proprio come il Napoli di Sarri che a causa dell'1-1 con il Palermo ha perso la qualificazione diretta alla Champions League. La stessa analogia riguarda i portieri. Ne ha cambiati tanti Arrigo, anche se Giovanni Galli resta il punto di riferimento di quegli anni. Eppure il portiere veniva più sottovalutato e discusso che altro, nella concezione sacchiana. Proprio come accade a Reina in questi anni di Sarri. E i tifosi partenopei, dopo il finale di stagione dello spagnolo, temono di scarificare qualche punto sull'altare di questo tema, come accadde con Benitez e con Rafael nella stagione 2014-2015. I giocatori del Napoli, che rispettano Sarri e stimano Sarri, hanno fatto il patto per lo Scudetto. Ed è una cosa molto bella. Ma siamo sicuri che un calcio in buona fede ma estremo, con altissimi picchi di qualità ma molto integralista, possa tenere il mare per 38 lunghe, contorte e insidiose giornate di Campionato?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.