VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Milan alla deriva: ecco le decisioni di Silvio! Inter e le scelte di Mancini: 2 "acquisti" e un sacrificio (e Icardi...). Il segreto di "Pulcinella" Benitez: Napoli merita chiarezza ma ha già scelto il sostituto

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
03.03.2015 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 57644 volte
© foto di Federico De Luca

Domani Lucio Dalla avrebbe compiuto un tot di anni, francamente non ricordo quanti e comunque non è questo il punto. Il punto è che a me Lucione piaceva assai, non so a voi. In una delle sue canzoni più recenti ("Ciao") cantava ripetendo a cantilena: "La colpa è di non so di chi!", verso meraviglioso che è un po' il riassunto perfetto dell'attuale puttanaio del calcio italiano.
Tutti – interessati, non interessati, giornalisti, giornalai, giornalini, Alfonsi Signorini, Mare Venier, casalinghe disperate e via andare – alzano il dito e si indignano come bestie ferite: "Così non si può andare avanti orcatroia!". Poi gli chiedi: "Ma con chi ce l'hai?". E loro: "Con i colpevoli! I responsabili dello schifo!". E tu: "Ma cosa vai farneticando, fai nomi e cognomi!". E loro: "Scegli tu caro, pesca pure nel gran calderone dello schifo: abbiamo del Parma scaduto, del Manenti scadente, del Tavecchio stravecchio, del Milan bollito; possiamo offrire un Inzaghi che scappa dalla conferenza e sembra invecchiato di vent'anni al punto che ormai, altro che veline, neanche la Laurito se lo farebbe; oppure del Mancini stagionato che sarà anche bravo ma a conti fatti ha un punto più di Inzaghi e due più della Laurito. Infine ci sono rimasti solo gli ultimi 170 chili marinati di Benitez che quando non sa con chi prendersela fa la supercazzola arbitrale. Per il resto abbiamo frattaglie di Lotito e Iodice, ma dobbiamo essere onesti: son lì da qualche giorno e cominciano a puzzare". Un po' come al mercato, insomma: scegli la polemica o lo scandalo prediletto e urli più che puoi la tua indignazione ai quattro venti, cosicché a nessuno venga in mente che magari anche tu hai le mani sporche di marmellata mista a fango. In ogni caso la garanzia è che c'è talmente tanta confusione che tutti o quasi possono dormir sonni tranquilli confidando nel fatto che regna l'indignazione ma tanto "la colpa è di non so di chi!" e quindi stigrancazzi.

Scritto il preambolo populista che voleva essere un omaggio al grande Lucio e si è trasformato in un merdaio arraffa-consensi, veniamo al caso della settimana. Il caso della settimana è: di che colore è il vestito su internet? Blu e oro? Bianco e nero? Tiramisu-la-banana-col-bacio? La gente si interroga e non parla d'altro, io e solo io conosco la vera risposta. La vera risposta corrisponde all'ultima parola del precedente paragrafo. Non avete voglia di tornare su a guardare? Ve la riscrivo: strigrancazzi.
Veniamo ora al secondo caso della settimana: perché il francese con l'addominale "de fero" Brice Martinet, da illo tempore con la baguette al vento su playa desnuda non ha ancora offerto la medesima baguette a cotanta Rodriguez? La risposta è uguale alle precedenti.
Veniamo ora al terzo caso della settimana: perché se per Bastianich è tutto "unammerda" non torna in America a mangiare un bel piatto di burro d'arachidi accompagnato con del burro d'arachidi, spalmato su pane a sua volta cosparso di burro d'arachidi e il tutto fritto in olio motore? La risposta non è come le precedenti: lo fa per soldi.
Veniamo ora al quarto caso della settimana: perché il sciur Pooh Facchinetti come tutti i padri saggi non ha frustato con le ortiche il figlio da bambino in modo che crescesse sano e saggio e ora addirittura lo asseconda a Devois? Non lo sappiamo, però sappiamo che a suo tempo Francesco usò la sua baguette sull'Isola dei Famosi: Dj Francesco 1-Brice Martinet 0. E stigrancazzi.

Veniamo a noi. Al quinto, sesto e settimo caso della settimana che poi son quelli che ci interessano da più vicino anche se non hanno lo stesso appeal dei precedenti.

Nel guazzabuglio di soffiate ("Il Milan è stato venduto agli arabi! No, agli indonesiani! No, agli americani! No, ai cinesi! No, a libanesi! No, a Valerio Scanu!") la sola certezza è che a casa Milan regna una gran confusione. Breve riassunto: Tassotti è stufo di Inzaghi e del suo staff; Inzaghi è stufo di Tassotti, la squadra è stufa di Inzaghi ma forse anche di Tassotti, Galliani è stufo di Inzaghi e della squadra, Berlusconi è stufo di tutti e in particolare del fatto che loro saranno anche stufi ma non quando si tratta di ritirare il cedolino a fine mese. Seedorf, infine, non è stufo di nessuno e si accende i sigari con i cento euro. E poi ci sono i tifosi, francamente neanche più stufi, al limite basiti da una situazione che vincerebbe a mani basse il "Festival del grottesco 2015" se non ci fosse il caso Manenti a sbaragliare la concorrenza.
Dalle segrete stanze i beninformati ci fanno sapere che patron Berlusconi avrebbe dato il classico ultimatum a Inzaghi. Il quarto negli ultimo due mesi. Suona più o meno così: o si batte il Verona o tanti saluti Pippo, pur a malincuore. Per qualcuno invece Silvio avrebbe già deciso: niente Verona, meglio fermarsi qui e affidare il cucuzzaro a Tassotti, uno che probabilmente ne avrà pieni i santissimi di sentirsi tirato in ballo solo quando le cose vanno male.
Non sappiamo se prevarrà la prima o la seconda linea, ma con moderata certezza possiamo dirvi che: 1) Anche in caso di successo sul Verona non cambierebbe nulla. Inzaghi - ridotto a fare entrare Cerci perché altrimenti "ci sarebbe rimasto male" - non ritroverà la fiducia perduta in un 2015 in cui il Milan sarebbe virtualmente retrocesso. Ergo: prolungare l'agonia suona tanto di accanimento terapeutico. 2) Berlusconi al momento non ha in testa un sostituto per la prossima stagione: Conte, Montella, Spalletti… Tutte balle. Il presidente in questo momento non si interroga sul "perché Pippo ha fallito" ma sul "perché la squadra con il terzo monte ingaggi della serie A ha fallito". 3) Ci sono due correnti di pensiero. A) Quelli che sono certi che in mano a un allenatore più saggio questa squadra potrebbe tranquillamente lottare per il terzo posto della classifica. B) Quelli che invece sottolineano i difetti senza soluzione di una rosa che somiglia tanto a un cestone di quelli che si trovano all'autogrill con dentro i cd in offerta: ci trovi di tutto, magari anche buona musica dei tempi che furono, ma non sperare di pescare roba in grado di finire nella hit parade. Del resto per 9.90 cosa pretendi, l'ultimo degli Imagine Dragons?
Al momento la rosa del Milan è costituita da 32 elementi: 3 portieri (più i due Primavera), 7 terzini, 7 difensori centrali, 8 centrocampisti, 5 esterni/mezze punte, 2 punte. Un'infinità di giocatori, pochissime combinazioni vincenti. Un tempo Galliani ragionava secondo canoni più che condivisibili: si sceglie un modulo, si individuano 11 titolari, si completa la rosa con un'alternativa per ogni titolare. Semplice e logico. Oggi il modulo è pura utopia, i titolari sono le riserve di settimana prossima, il capitano dell'altroieri è il fuorirosa di oggi ma forse settimana prossima tornerà a essere capitano. Sarà che forse sono tutti concentrati a salvare le rispettive chiappe e nessuno ha tempo per badare al bene comune?
Conclusioni: a prescindere da quel che accadrà (a giugno Berlusconi cederà una parte del club, ma non la maggioranza) la richiesta della piazza è sempre la stessa: chiarezza. Si possono fare grandi cose anche con budget limitati, ma bisogna essere onesti prima con se stessi che con i tifosi. Se hai diecimila lire non compri un cucchiaino di caviale (Torres e il suo stipendio) ma pane e acqua possibilmente di qualità (vedi Bonaventura).

Rogne di altro genere in casa Inter. La sconfitta con la Fiorentina ha riacceso l'allarme, soprattutto per come è arrivata: la manciata di minuti in 11 contro 9 e il solletico fatto ai viola resta come tatuaggio negli occhi di chi sperava che il peggio fosse passato. E invece no: l'Inter – Mancini non l'ha nascosto neppure dopo il successo sul Celtic – è un malato che ha appena passato la fase acuta e si avvia alla convalescenza. Chi critica il tecnico per il turnover di domenica non ragiona con il suo cervello: per Mancini tutti sono utili nell'ottica di un gruppo che inizierà a produrre risultati con continuità, ma solo nel lungo periodo. E' chiaro che – dichiarazioni di facciata a parte – i nerazzurri da ora in avanti affronteranno il campionato nella speranza di agguantare un posto in Europa League e punteranno tutto sulla Coppa, quella da disputare senza Podolski, Brozovic e contro i simpaticissimi tedeschi, frugoletti che esultano per il sorteggio con i nerazzurri ma si scordano di tutte le volte che hanno sbeffeggiato noialtri italiani e puntualmente l'hanno presa nello sbargnaus (vedi Mondiali 2006 o finale di Champions 2010).
Capitolo Icardi: il rinnovo del contratto (come anticipato settimana scorsa) è cosa fatta anche se ancora non ufficiale, poi si vedrà. A prescindere dai rumors il giocatore non ha nessuna voglia di lasciare Milano, né il club ha interesse a monetizzare. Solo un'offerta indecente (40 milioni) potrebbe convincere Thohir a far partire l'attaccante, ma nel caso il patron dovrebbe reinvestire gran parte del malloppo per trovare un'alternativa valida. Avrebbe senso? No. Stesso discorso per Kovacic: il ragazzo è costato tanto e non se ne andrà se non di fronte a una precisa volontà dello stesso (cosa per nulla probabile) o in caso di offerta monstre (altro fatto imbrobabile). Il sacrificato di giugno, invece, sarà Handanovic, ma questo ormai non è un mistero. Qualche dubbio anche sul futuro di Campagnaro: nel "pizzino" consegnato ieri dal Mancio al giocatore pare che ci fosse scritto "scemo chi legge".

Non sono scemi per niente i tifosi del Napoli che, anzi, hanno capito tutto. La sceneggiata di Benitez post Torino non serve a mascherare i limiti di continuità di questa squadra che ha capito prima di tutti che il ciclo dello spagnolo si avvia a conclusione. Gli azzurri sono capaci di grandi serate, ma gli errori di Rafa impediscono il salto di qualità. L'ex Liverpool, salvo clamorosi ripensamenti, ha già deciso di lasciare a fine stagione e rimanda l'annuncio per mere questioni "strategiche". Di sicuro c'è invece il nome in pole position per prendere il suo posto, trattasi di Montella, uno che con molto meno materiale sta inseguendo il terzo posto con la Fiorentina dei miracoli.

Totalmente inutile invece parlavi di Juve e Roma: al momento della consegna di questo pezzo le prime della classe si stanno simpaticamente scannando.

Chiusura su Manenti, l'idolo di tutti noi, l'uomo che ha la faccia tipica di quelli che ti fermano per strada e ti chiedono dieci euro per far benzina "perché mi si è fermata la macchina, ma se mi dai il numero di cellulare domani ti faccio la ricarica, stai tranquillo". Ecco, quello che pensiamo su tutta la faccenda Parma lo sapete già: anche noi rientriamo nel gran calderone di quelli che si indignano ma a conti fatti non fanno altro. Anzi no: propongo che domenica prossima si dia il via alle partite con venti minuti di ritardo! Perché non venticinque? Facciamo trenta! La risposta degli amici di Parma, giustamente, è sempre la stessa: e stigrancazzi? (Twitter: @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.