HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Milan, Andre "Salva" il sogno Champions. Un record dopo 5 anni. Juve d'acciaio, dentro e fuori. Che caos in basso: Sassuolo, Chievo e Cagliari le delusioni. Rivoluzione in C: Gravina blocca i ripescaggi e prepara la sorpresa

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
12.03.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 28271 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' lo sport più bello proprio perché riesce a regalare emozioni o delusioni così grandi. Da poco è finita Genoa-Milan. Una partita che, alla vigilia, non si poteva neanche giocare. Invece campo perfetto e partita con finale a sorpresa. Non avrebbe meritato il Milan di vincere. Il pareggio sarebbe stato giusto. E, invece, Gattuso inizia a scrivere qualche paginetta di storia. Nulla di che, certo, ma almeno i paragoni con il passato iniziano ad avere un conforto numerico. Era da 5 anni esatti che il Milan non vinceva 4 partite consecutive senza subire gol. A Genova il colpo di testa di Andre Silva salva il sogno di partecipare alla prossima Champions. Segna l'uomo più discusso del mercato di Mirabelli. In Italia vogliamo tutto e subito. Anche io. Ma nel calcio non è così. Il calcio è un'azienda atipica dove un pallone, dentro o fuori, può cambiare le sorti aziendali o può rimandare i programmi dei dirigenti. Andrè Silva non sarà un campione ma non sarà neanche l'imbranato che tutti hanno dipinto. In Europa si è fatto valere e, in Italia, dovrà studiare ancora un bel po'. Sta di fatto che ha segnato un gol di testa da attaccante vero e pesantissimo, in un momento della stagione così delicato. Il Milan ha la faccia di Gattuso. Quello che non molla mai, quello che lotta e non si abbatte. Rino, dopo il gol, ha dato il 5 al quarto uomo Abbattista ma non è proprio il massimo, infatti, gliel'ha fatto notare il fischietto senza fischietto e poi gli ha stretto la mano. Gattuso è così. Poco a che vedere con un calcio finto in un mondo di finti. Come se dare il 5 al quarto uomo significasse corromperlo. Perché Rino ha cambiato il Milan? E come? Semplice. Al Milan servivano lavoro e normalità. Gattuso ha portato tutto questo, oltre, ad una organizzazione tattica importante. Oggi ognuno sa cosa deve fare nel Milan. A volte lo fa meglio, altre peggio. Ma tutti sanno come muoversi. Con Roma e Lazio il miglior Milan, con il Genoa cinico e fortunato, con l'Arsenal pauroso e impacciato. Certamente l'esame di inglese non è andato bene e, forse, bisognerà ripresentarsi a settembre con tanto di compiti da fare durante l'estate. Ha pareggiato la Lazio, perso la Sampdoria. Il Milan difficilmente arriverà tra le prime 4 ma già solo parlarne a marzo, per come si era messa, è una vittoria.
La Juventus è, invece, lanciatissima. In Champions non ha fatto un figurone ma passare il turno, giocando 20 minuti su 180, ti fa capire la reale forza di questa squadra. Allegri ha il campionato in pugno, ha i favori del pronostico nella finale di Coppa Italia con il Milan e servirà un miracolo per centrare il triplete. Sarà dura ma se il Milan sogna di entrare tra le prime 4, se il Napoli sogna lo scudetto è giusto che la Juve sogni il triplete. Beh, non mi fate aggiungere che il Benevento sogna la salvezza perché mi sembrerebbe eccessivo. Per come si è messa la classifica. I bianconeri hanno tutto per arrivare fino in fondo e se manca lo spettacolo poco importa. Ci sarà un circo a Torino per andare avanti trapezisti e animali. Qui conta solo vincere. E Allegri questo particolare l'ha capito da quando allenava il Sassuolo in serie C.
Non ho nominato a caso il Sassuolo. La bassa classifica ci sta entusiasmando più della corsa scudetto. Tranne il Benevento, le ultime vittorie di Verona, Crotone e Spal (non ieri ma nelle settimane precedenti) hanno creato un caos assurdo. il Sassuolo corre quanto me quando gioco a calcetto con gli amici: zero! Il Cagliari non è cinico ed è pure sfortunato. Il Chievo rischia seriamente, dopo assurde sessioni di mercato portate avanti da Romairone che, come Direttore, aveva puntato al massimo a risicate salvezze in serie B e, invece, grazie a Giuntoli prende anche lo stipendio in serie A. Sì, perché la vera notizia è che Campedelli paga Romairone e non viceversa. Cambiare allenatore non è servito. Brava la Spal a dare, giustamente, fiducia a Semplici. Il Sassuolo ha confermato che i danni erano stati fatti dal Direttore e il Cagliari con Lopez non ha cambiato marcia. Bene, facciamo delle riflessioni. Cari Presidenti, più che cambiare gli allenatori durante l'anno, iniziate ad esonerare coloro che vi fanno buttare i soldi: i Direttori Sportivi. Il Chievo ha messo in crisi Maran con il non lavoro di Romairone, il Sassuolo ha fatto pagare a Bucchi evidenti colpe di Angelozzi che voleva andare avanti con l'ossatura di Di Francesco senza Di Francesco in panchina. Il Cagliari paga l'addio di Capozucca e questi sono i risultati. Staremo a vedere ma, ora come ora, tutto può ancora succedere.
In chiusura uno sguardo al futuro. Chi lotta per non retrocedere dalla C alla D pensa: vabbè tanto anche se scendo con tutte quelle che falliranno sarò ripescato. Quelle che in D non arriveranno prime, pensano: vado a fare i play off e poi chiedo il ripescaggio. In D, invece, siamo all'assurdità: si lotta per fare i play off ma anche se li vinci stai bello e beato a casa tua. Come tutti gli anni, perché poi devi mettere 350.000 a fondo perduto, oltre l'scrizione per partecipare al campionato di serie C. Quest'anno, forse, neanche quello. Perché, stando alle indiscrezioni, Gravina ha deciso di bloccare i ripescaggi ma vorrebbe comunque tornare a 60. Come farà? Sinceramente non lo sappiamo ma un uccellino ci ha raccontato che i ripescaggi non ci saranno e, in C, saranno ammesse 7 squadre B con licenze di serie A. Ovvero 7 club di A potranno fare le seconde squadre per partecipare alla Lega Pro. Già dal prossimo anno? Nella testa di Gravina sì. Rivoluzione immediata e più spazio alle società facoltose per evitare casi come Vicenza, Modena ed Arezzo. Gravina ha idee, anche belle. Deve, però, passare ai fatti altrimenti anche lui sarà etichettato come quello delle parole al vento. La C ha bisogno di riforme e di equilibrio economico. In basso, invece, c'è bisogno di una ristrutturazione dei campionati di serie D per evitare che i campionati siano già finiti a febbraio per 15 squadre su 18. In tutto ciò non abbiamo un Presidente Federale. E non lo avremo per i prossimi 18 mesi. Stavo cercando l'emoticon delle lacrime. Non capisco. La parte testuale di Tuttomercatoweb non le prevede. Ci attrezzeremo per restare in questa valle di lacrime.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510