VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Milan, Balotelli un problema...anche tattico

Giornalista sportivo a Mediaset, è stato caporedattore di Tele+ (oggi Sky). Opinionista per Telenova e Milan Channel. I suoi libri: "Soianito", "La vita è una" con Martina Colombari, "Sembra facile" con Ugo Conti.
07.03.2014 00:00 di Luca Serafini  Twitter:    articolo letto 17532 volte
© foto di Pietro Mazzara

Dopo il tweet di ieri in cui annunciavamo come di consueto il titolo dell'editoriale del venerdì, qualcuno ha risposto: "E' uno dei pochi buoni nel Milan, perché massacrarlo?". Clarence Seedorf in queste settimane ha risposto spesso alle domande dei giornalisti su SuperMario: "Lasciatelo stare". Pensiamo sia davvero il caso di intendersi. La contro domanda istintiva che verrebbe da fare all'allenatore rossonero sarebbe: "Scusa, ma come mai di te i giornali hanno parlato per 20 anni sempre e solo per le prodezze in campo e qualche volta per una cattiva prestazione?". In questo si riassumerebbe bene quella che è la verità: nessuno insegue, non lascia in pace, tormenta, pedina, spia Mario Balotelli. E' Mario Balotelli a mettersi in evidenza, in vetrina, troppo spesso per atteggiamenti puerili o incomprensibili fuori dal campo, ultimamente per un rendimento non esattamente secondo le attese. Se vi ricordate quanti nel Milan (e non solo nel Milan) negli ultimi 25 anni hanno bruciato le tende in una camera d'albergo, sparato un petardo dalla finestra a un ragazzino delle giovanili, postato una foto che esalta il ping-pong proprio mentre è fuori per un infortunio alla spalla, fatto l'esame del dna per scoprire se un figlio è suo, ci arrendiamo. Il repertorio come si vede è vasto e non riguarda il campo: le ammonizioni, le espulsioni, le maglie gettate per terra, le facce truci, gli zittimenti agli avversari. Restiamo fortemente dell'idea che Mario paghi la sindrome dell'accettazione altrui, un problema esistenziale molto delicato e serio per un fanciullo che ha vissuto un'infanzia come la sua senza cognome. Oggi però è il tempo di dimostrare a tutti che la vita gli ha restituito qualche grande fortuna negata alla maggior parte del resto dell'umanità, a partire dal talento.
Senza volerlo, anzi solo per spiegare come non sono i giornali e le tv a rincorrere Balotelli, bensì lui che li insegue con ostinata continuità, passa sempre in secondo piano la questione calcistica che in verità dovrebbe essere assolutamente primaria. Ricordiamo campioni come Del Piero, Maradona, Gullit che in campo aiutavano la squadra e i compagni oltre ad essere decisivi, rincorrevano gli avversari, in questo senso purtroppo Mario non incide se non quando segna. Ultimamente, contro l'Atletico, era piaciuto invece il suo atteggiamento finalmente a disposizione del collettivo e della tattica di quella sera. Seedorf sta proseguendo sulla strada del sistema e del modulo che maggiormente premia i talenti a disposizione, che non sono molti e sono tutti concentrati in prima linea. Seedorf ha adattato Poli a un lavoro di elastico fondamentale per non scoprire la squadra, consentendole di schierare insieme Honda e Kakà insieme con Taarabt e Balotelli. Il risultato è una tessitura lenta e paziente intorno alle aree avversaie, ma la profondità arriva solo dalle incursioni dello stesso Taarabt, di Kakà, di Poli. I quali devono raddrizzare un po' la mira. Balotelli ci prova da lontano, l'area è uno stagno dove si tuffa di rado. Anche a Pazzini viene chiesto di fare da sponda (una volta si diceva da "boa"), ma è l'unico giocatore della rosa che sappia abitare in area. Una soluzione che in questo momento appare necessaria per finalizzare il molto lavoro. In prospettiva comunque servirà un giocatore con queste caratteristiche.
Delle notizie di cessione del Milan non parliamo: ci basta pensare che con la figlia in sella alla tigre, Berlusconi non abbia alcuna intenzione di disarcionarla.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.