VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester

15.04.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 8100 volte

Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede Fondazione Milan e l'amico di una vita Adriano oltre ad essere stato l'unico ad essere stato ringraziato nella storica lettera del 13 Aprile, è anche e soprattutto presente nel cuore del suo grande gruppo, a via Paleocapa, Milano, sede centrale di Fininvest. E poi, scusate se è poco, ha ceduto il Milan alle cifre che voleva lui e alle persone che danno al Milan le prospettive di rilancio che voleva lui. I tifosi del Milan oggi sono felici, perchè si sono riconosciuti nel "Gigio" e nel "Vincenzo" pronunciati da Marco Fassone che per passo, realismo, ampiezza e dinamismo ha soddisfatto i milanisti ad ogni risposta nessuna esclusa. E tra loro, nel nostro piccolo, siamo contenti di aver sempre detto e scritto in questi mesi che questa era una trattativa vera e non strana o farlocca, detto e scritto senza la benchè minima pretesa di dare suggerimenti a nessuno che Franco Baresi fa parte del Milan, detto e scritto che con determinazione e bravura finanziaria Yonghong Li alla fine ce l'avrebbe fatta, detto e scritto che ai nuovi, grazie alla prima stagione tranquilla dopo alcune stagioni di turbolenze, veniva lasciata una squadra buona, con una bella identità e con una spina dorsale di rilievo, detto e scritto che Haixia e Huarong non erano due costellazioni lontane ma le basi di un nuovo grande progetto sportivo. E oggi aggiungiamo la garanzia che, avuta la riprova delle capacità di finalizzazione di Yonghong Li, l'intero establishment Cinese guarderà con più serenità e più convinzione allo sviluppo del progetto Milan da oggi in avanti. Quindi, il sabato si può essere d'accordo o non d'accordo, si può azzeccare o sbagliare, ma nessuno viene preso in giro.

Mettiamoci allora dunque ancora alla prova. Il principale attestato per Vincenzo Montella, da parte della nuova dirigenza e del nuovo management sportivo del Milan, non sono le parole o le dichiarazioni. Sono i fatti. E nel terreno concimato del calciomercato, tutti gli operatori, tutti gli addetti ai lavori sanno che le decine e decine di contatti preliminari del nuovo Milan hanno riguardato da settimane solo e un solo sistema di gioco per "fare" la nuova squadra rossonera: il 4-3-3, esattamente quello in cui crede Vincenzo Montella. Il tecnico campano si è sentito dire dai nuovi dirigenti per filo e per segno tutto quello che ci vuole per continuare ad essere, con entusiasmo, l'allenatore del Milan.

Ma di quale squadra? Una squadra forte, ha sospirato e sottolineato Fassone. Una squadra che a metà del mese di Settembre del 2018 dovrà giocare il Match Day 1 della Group Stage della Champions League, la competizione che il Milan ha vinto 7 volte. La struttura del prossimo mercato del Milan appare abbastanza chiara: un budget da 120 milioni di euro e un programma di 5 nuovi arrivi, dopo i quali il mercato dovrà essere autofinanziato. Le priorità di consolidamento sono tre: Donnarumma, Montella e Suso. La priorità invece per le trattative in entrata è un grande centravanti. Non Aubameyang, che è stato sondato (quindi il calibro del nuovo arrivo sarà quello) ma che non ama i ritorni, per cui ha progetti diversi rispetto al ritorno al Milan. Morata? Attenzione. Sanchez? Attenzione. Altri? Attenzione. Negli altri reparti, Musacchio e Kolasinac continuano ad essere segnalati in fortissimo avvicinamento, anche se il difensore argentino ha dichiarato di voler restare al Villarreal e sul laterale a parametro zero c'è un po' di concorrenza e finchè non c'è la firma bisogna stare con gli occhi aperti. La concorrenza è la stessa che il Milan, supportato dall'agente, starebbe portando su Kessiè ai "danni" della Roma. Il nome di Luiz Gustavo non viene accostato al Milan per caso. Deulofeu? La grande esplosione che ha avuto in rossonero lo potrebbe in effetti riportare a Barcellona, ma il Milan non demorde e nel frattempo pensa anche a Keita e ad un nome nuovo della Ligue 1. In uscita restano da verificare le decisioni del Watford sul riscatto o meno di Niang (18 milioni), gli orizzonti di Bacca e le decisioni finali di Mattia De Sciglio. Due giocatori attualmente in rosa che piacciono molto alla nuova dirigenza sono Calabria e Kucka. Il reparto che comporterà le maggiori riflessioni è quello del centrocampo, perchè Pasalic è un giocatore di proprietà del Chelsea e perchè Bertolacci ha un recente passato di campo e gli orizzonti di mercato davanti a sè entrambi difficili. Ecco perchè le ipotesi riguardanti Pellegrini, insidiato però dalla Juventus, non sono da ritenere campate per aria. Grandi le aspettative infine sui recuperi dagli infortuni di Abate e Bonaventura.

Napoli, c'è una buona notizia: Lorenzo Insigne sarà la bandiera della squadra azzurra. Non sarà un accordo economicamente indolore per Aurelio De Laurentiis, ma "Lorenzo" sa che il Napoli è la "sua" squadra e che quella azzurra è la "sua maglia". Sarà un contratto compreso fra i tre milioni e mezzo e i quattro milioni di euro, ma arriverà. C'è una notizia meno buona invece che riguarda Dries Mertens: nella prossima stagione sarà un giocatore del Manchester United. Il cassiere del Napoli esulta perchè i Red Devils accontenteranno in tutto e per tutto il Club italiano in tutte le sue pretese economiche, ma il belga è comunque un giocatore importante che dovrà in qualche modo essere sostituito. Che la partenza di Mertens possa intaccare e contaminare gli stimoli di Sarri? Sono due caratterini quelli dell'allenatore e del presidente, come sappiamo, per cui mai dire mai. Ma se Sarri dovesse entrare nell'ordine di idee di lasciare e De Laurentiis entrasse nell'ordine di idee di affidare la panchina non più al Maestro con cui sta collaborando oggi ma ad un allenatore normale in grado di schierare in alternanza almeno sia Milik che Pavoletti, ecco che la Roma sarebbe pronta ad accontentare in tutto e per tutto il tecnico visionario, il tecnico toscano, un tecnico unico nel suo genere.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.