VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Milan-Bologna: che Balotellata!! Benitez: Napoli lo ha caricato, non deriso. Mihajlovic: due fronti aperti, Inter e Lazio. Nazionale: Prandelli alla fine resta

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
15.02.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 29183 volte

C'e' qualcosa di ossessivo e di viscerale nella furia distruttrice degli odiatori di Mario Balotelli. Di quelli che fanno le prediche a Mario ma che non ne sanno fare a meno e fremono al solo battito di ciglia dell'attaccante bresciano. Tutto questo impasto di avversione e morbosita' genera un muro. Alto e duro. Non e' facile vivere e giocare contro questa energia negativa a orologeria puntata contro. Ma quando Mario riesce a volgere in positivo tutto questo, ecco che nascono meraviglie come quella del gol al Bologna di ieri. Un gol voluto, splendido, che ha superato quello di Sheva alla Juve del 9 Dicembre 2001. Eccolo, quindi, Mario. Campione o non campione, in un anno solare, il suo primo anno solare da titolare al Milan ha segnato 26 gol, 22 in Campionato, 3 in Champions e 1 in coppa Italia. Tutto il resto e' rasoterra.

Bravo Rafa. Nel momento in cui era in bilico, ha chiamato a raccolta il San Paolo e ha sparato il colpo di reni. Le vittorie del Napoli contro Milan e Roma sono stati il momento più bello della stagione partenopea. E sono arrivate nel momento più delicato. Napoli ha saputo criticare e pressare Rafa Benitez nel modo giusto, solleticandone l'orgoglio e la personalità. Questa è la differenza vera con il clima che nell'autunno-inverno 2010 Rafa ha respirato in casa Inter. In quella situazione, Benitez era stato deriso e sottovalutato. All'Inter dicono, non era facile venire dopo Mourinho...vero, assolutamente. Ma anche a Napoli il buon Rafa si è insediato dopo Mazzarri che, mutatis mutandis, può tranquillamente essere considerato il Mourinho del Vomero, per risultati, continuità e personalità. Eppure, al momento del dunque, nell'ora cruciale, la piazza napoletana ha saputo, pur criticando come solo sotto il Vesuvio può accadere, tirare fuori il meglio da Benitez, non il peggio. All'Inter e attorno all'Inter sono tutt'ora impegnati a convincere amici e interlocutori che Benitez fosse un danno. Sarà. La stagione del Napoli non conferma questa convinzione, dopo tutto quello che Rafa ha fatto a Valencia, a Liverpool e a Londra sponda Chelsea. Ad Appiano restano della loro, intanto lui, Rafa, sente l'odore del sangue. Per uno che ha vinto 8 finali in carriera, 5 internazionali e 3 nazionali, l'ultimo atto di Coppa Italia è un invito a nozze.

Sinisa Mihajlovic ha rigenerato psicologicamente la Sampdoria. Ha ridato fiducia e autostima ai giocatori. Si è boskovizzato, in un ambiente che subisce ancora oggi il fascino storico dell'allenatore dello Scudetto. Frasi a effetto, saggezza, sorrisi, occhiatine: Sinisa sta sfoderando tutto il repertorio di Vuja. E i risultati si vedono. Tutto l'ambiente blucerchiato apprezza e sogna. Proprio per questo sembra sia stato proposto nelle ultime settimane il rinnovo al 2015 a Mihajlovic, vista la prevedibilissima, grazie a lui, salvezza doriana. Ma la risposta sarebbe stata interlocutoria. Sinisa avrebbe chiesto tempo, sembra preferisca aspettare. E' forma o è sostanza? Un dettaglio o roba grossa? Sembra infatti che Mihajlovic sia molto attento alle chicane stagionali delle due squadre della sua storia: Inter e Lazio. Mazzarri ha capito che il convento nerazzurro passa quello che può e Reja, che sta facendo benissimo, non durerà in eterno. Nella pole di Sinisa, l'Inter è una ruota avanti rispetto al Club del presidente Lotito, ma tutto può accadere. Mihajlovic a Milano o a Roma, è fronte molto caldo.

Con il massimo del rispetto per tutte le fonti, rispettabilissime, e per tutte le redazioni al lavoro sul tema azzurro, restiamo della nostra opinione. Qualche tempo fa, in questa sede, ci eravamo permessi di sostenere che Cesare Prandelli sarebbe rimasto alla guida della Nazionale azzurra, anche dopo i Mondiali brasiliani di quest'anno. Bene, siamo sempre di questa idea. Massimiliano Allegri, ad oggi, non ha chiuso, discusso o ratificato accordi con la Figc per la guida della Nazionale italiana. Nel calcio tutto è sempre possibile, ma a meno di cataclismi, Prandelli resta il favorito per portare l'Italia all'Europeo del 2016.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.