VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Milan: da Ibra a Balo. Lavezzi: di qua o di là. Roma, tutti i rischi di Garcia. Moratti: finalmente basta Calciopoli

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
29.08.2015 08:23 di Mauro Suma   articolo letto 136493 volte

Nessun tifoso rossonero avvertiva la necessità del ritorno di Mario Balotelli e tutti i tifosi rossoneri hanno sgranato gli occhi quando hanno capito che la notizia era vera. Il primo a sapere tutto questo deve essere proprio lui, Mario Balotelli. Gli servirà. Non solo: il contraccolpo del passaggio dal sogno di Ibra al ritorno di Mario, è stato di quelli duri per i milanisti. Così a questo punto non ci sono dislivelli o dossi. Solo salita. Tanta salita, senza sconti e senza compromessi, caro Mario. Che tutto ciò che lo riguardi sorprenda o sparigli, è dimostrato dal fatto che il mondo social rossonero si è schierato a larga maggioranza contro il suo ritorno, mentre è dall'esterno che sono arrivati gli unici applausi: dal "bentornato Mario, crediamo ancora in lei" e dal "bravo Milan, ma Balotelli non può sbagliare" di Xavier Jacobelli sul Corriere dello Sport-Stadio al "ritorno a sorpresa di Balotelli va letto come il rifugio negli affetti più cari" di Luigi Garlando sulla Gazzetta dello Sport. Per il resto, nessuno al Milan ha pensato di rendere top il significato e la comunicazione su Balotelli. Viene vissuto come un assestamento della rosa alle spalle di Luiz Adriano e Bacca, con un impatto economico di lowissimo profilo: un anno di Balotelli costa un terzo dell'operazione Mancosu fatta nella scorsa stagione dal Bologna per l'acquisto della punta del Trapani. Sovraccaricare e sovraeccitare l'operazione è il tentativo di altri, non del Milan e men che meno di Mihajlovic che si è preso la responsabilità perché ci vuole lavorare sopra, a fondo e con continuità. Non per i lustrini e le paillettes, ma per la sostanza e per la squadra.

Dopo il PSG, ci sarà con ogni probabilità Milano nel futuro di Ezequiel Lavezzi. O all'Inter subito, oppure chissà in una delle prossime due sessioni di mercato. Ma intanto c'è questo di mercato. Che per il Milan non è ancora chiuso, né in entrata né in uscita. Ma ci autointervistiamo lo stesso. 1) Ibra? Kakà è tornato al terzo mercato di tentativi, Sheva idem e Ibra vedremo. Fosse andato altrove capirei il dramma, ma è rimasto a Parigi nel Club più ricco del mondo che non lo molla. 2) Perché con 83 milioni spesi non c'è la sensazione fra i tifosi di avere una squadra importantissima? Intanto i milioni, fra entrate e uscite (El Shaarawy) sono 63, ma senza stare a piluccare sui numeri, è il mercato baby. Il ritorno del Milan sulla giostra è coinciso con una estate assurda di ipervalutazioni dei giocatori, come dimostrano ancora oggi i 50 milioni offerti dal Chelsea per John Stones e i 40 del Manchester United per il Felipe Anderson non pervenuto a Leverkusen. 3) Perché 20 milioni per Bertolacci? Perché quando esci a mani vuote da un derby come quello di Montecarlo, non puoi non reagire subito. Sappiamo bene che oggi Andrea verrebbe via alla metà, ma il peso del 20 Giugno ha inciso su questa operazione e comunque Andrea crescerà e farà bene. 4) Perché il Milan non è andato su Witsel? Perché a Giugno e Luglio costava il doppio di Bertolacci come cartellino e il triplo come ingaggio. Oggi è tutto troppo tardi, anche e soprattutto perché rispetto a Witsel, che ha davanti a sé alcuni anni di calcio, il Milan ha investito forte su Alessio Romagnoli che ha tutta una vita calcistica da affrontare in rossonero in quanto giovane e in quanto italiano. %5) Perché Kucka? Perché Mihajlovic sa cosa farne, perché ha gamba e fisico ad hoc per il nostro Campionato, e perché fra lui a 3 milioni e Soriano a 15 (Roberto, speriamo sempre tu possa arrivare), non c'è gara. 6) Perché così tanti giocatori da Genova? Scusate, ma Ranocchia, Kharja, Icardi, Palacio, forse Eder, Sturaro, Iago Falque, forse Soriano (al Napoli?) da dove vengono e da dove venivano, da Alessandria? E ricordiamoci anche che nella fase di mercato degli investimenti, il Milan ha lavorato con Siviglia, Shakhtar e Roma (Bertolacci e Romagnoli), mentre è solo nella parte finale quando bisognava stare attenti al milione che sono entrati in campo gli accordi con Raiola (Balotelli) e Preziosi (Kucka). 7) Perché il valvassino delle luci di Marsiglia non ti lascia in pace? Va bene così, la solita questua per il solito amico di turno, questa volta Borriello, non ha prezzo.

La Roma quest'estate ha pensato di cambiare l'allenatore. E' un passaggio rischiosissimo, per qualsiasi grande Club. Spesso un viaggio senza ritorno. In casi del genere, o parti subito forte oppure torni subito, perché certe analisi estive lasciano sempre qualche remora, in discussione. E' stato così per Cuper all'Inter nell'estate 2003, per Allegri al Milan nel 2013 e per Mazzarri ancora all'Inter nel 2014. Se la Juventus dovesse abdicare, la Roma resta la favorita per la conquista dello Scudetto. Ha troppa qualità per non esserlo. C'è un solo però: che non si faccia male da sola. E qui torniamo a Garcia. Quanto è stato contaminato il suo ruolo dall'esame estivo fatto dalla Società? Quanto è forte il suo sfondo "politico" attuale? Dalle risposte vere, di risultati e di campo, a queste domande, dipenderà non soltanto Roma-Juventus di domani ma larga parte della stagione giallorossa. La Juventus lo sa e va a Roma per aprire la crepa, subito.

La frase profondamente offensiva del presidente Moratti, "lo Scudetto a tavolino il trofeo più bello", quando purtroppo le intercettazioni che riguardavano la sua Società sono riemerse dall'intercapedine del tavolino qualche anno dopo con l'accusa di responsabilità diretta articolo 1 per il proprietario e per il presidente ravvisata dal procuratore federale Palazzi nell'estate 2011, è filata via senza reazioni di nessun tipo e da nessuna parte. Non perché si sia tutti d'accordo, ma perché grazie al cielo, non se ne ha più voglia. Meno male. L'estate più forcaiola, triste e ingiusta del calcio italiano non generà più rancori e rappresaglie social. E' la scoperta più bella. Continuiamo allora a lasciare la frase in consegna al dimenticatoio. Che ne faccia buon uso.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.