VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Milan: da Ibra a Balo. Lavezzi: di qua o di là. Roma, tutti i rischi di Garcia. Moratti: finalmente basta Calciopoli

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
29.08.2015 08.23 di Mauro Suma   articolo letto 136484 volte

Nessun tifoso rossonero avvertiva la necessità del ritorno di Mario Balotelli e tutti i tifosi rossoneri hanno sgranato gli occhi quando hanno capito che la notizia era vera. Il primo a sapere tutto questo deve essere proprio lui, Mario Balotelli. Gli servirà. Non solo: il contraccolpo del passaggio dal sogno di Ibra al ritorno di Mario, è stato di quelli duri per i milanisti. Così a questo punto non ci sono dislivelli o dossi. Solo salita. Tanta salita, senza sconti e senza compromessi, caro Mario. Che tutto ciò che lo riguardi sorprenda o sparigli, è dimostrato dal fatto che il mondo social rossonero si è schierato a larga maggioranza contro il suo ritorno, mentre è dall'esterno che sono arrivati gli unici applausi: dal "bentornato Mario, crediamo ancora in lei" e dal "bravo Milan, ma Balotelli non può sbagliare" di Xavier Jacobelli sul Corriere dello Sport-Stadio al "ritorno a sorpresa di Balotelli va letto come il rifugio negli affetti più cari" di Luigi Garlando sulla Gazzetta dello Sport. Per il resto, nessuno al Milan ha pensato di rendere top il significato e la comunicazione su Balotelli. Viene vissuto come un assestamento della rosa alle spalle di Luiz Adriano e Bacca, con un impatto economico di lowissimo profilo: un anno di Balotelli costa un terzo dell'operazione Mancosu fatta nella scorsa stagione dal Bologna per l'acquisto della punta del Trapani. Sovraccaricare e sovraeccitare l'operazione è il tentativo di altri, non del Milan e men che meno di Mihajlovic che si è preso la responsabilità perché ci vuole lavorare sopra, a fondo e con continuità. Non per i lustrini e le paillettes, ma per la sostanza e per la squadra.

Dopo il PSG, ci sarà con ogni probabilità Milano nel futuro di Ezequiel Lavezzi. O all'Inter subito, oppure chissà in una delle prossime due sessioni di mercato. Ma intanto c'è questo di mercato. Che per il Milan non è ancora chiuso, né in entrata né in uscita. Ma ci autointervistiamo lo stesso. 1) Ibra? Kakà è tornato al terzo mercato di tentativi, Sheva idem e Ibra vedremo. Fosse andato altrove capirei il dramma, ma è rimasto a Parigi nel Club più ricco del mondo che non lo molla. 2) Perché con 83 milioni spesi non c'è la sensazione fra i tifosi di avere una squadra importantissima? Intanto i milioni, fra entrate e uscite (El Shaarawy) sono 63, ma senza stare a piluccare sui numeri, è il mercato baby. Il ritorno del Milan sulla giostra è coinciso con una estate assurda di ipervalutazioni dei giocatori, come dimostrano ancora oggi i 50 milioni offerti dal Chelsea per John Stones e i 40 del Manchester United per il Felipe Anderson non pervenuto a Leverkusen. 3) Perché 20 milioni per Bertolacci? Perché quando esci a mani vuote da un derby come quello di Montecarlo, non puoi non reagire subito. Sappiamo bene che oggi Andrea verrebbe via alla metà, ma il peso del 20 Giugno ha inciso su questa operazione e comunque Andrea crescerà e farà bene. 4) Perché il Milan non è andato su Witsel? Perché a Giugno e Luglio costava il doppio di Bertolacci come cartellino e il triplo come ingaggio. Oggi è tutto troppo tardi, anche e soprattutto perché rispetto a Witsel, che ha davanti a sé alcuni anni di calcio, il Milan ha investito forte su Alessio Romagnoli che ha tutta una vita calcistica da affrontare in rossonero in quanto giovane e in quanto italiano. %5) Perché Kucka? Perché Mihajlovic sa cosa farne, perché ha gamba e fisico ad hoc per il nostro Campionato, e perché fra lui a 3 milioni e Soriano a 15 (Roberto, speriamo sempre tu possa arrivare), non c'è gara. 6) Perché così tanti giocatori da Genova? Scusate, ma Ranocchia, Kharja, Icardi, Palacio, forse Eder, Sturaro, Iago Falque, forse Soriano (al Napoli?) da dove vengono e da dove venivano, da Alessandria? E ricordiamoci anche che nella fase di mercato degli investimenti, il Milan ha lavorato con Siviglia, Shakhtar e Roma (Bertolacci e Romagnoli), mentre è solo nella parte finale quando bisognava stare attenti al milione che sono entrati in campo gli accordi con Raiola (Balotelli) e Preziosi (Kucka). 7) Perché il valvassino delle luci di Marsiglia non ti lascia in pace? Va bene così, la solita questua per il solito amico di turno, questa volta Borriello, non ha prezzo.

La Roma quest'estate ha pensato di cambiare l'allenatore. E' un passaggio rischiosissimo, per qualsiasi grande Club. Spesso un viaggio senza ritorno. In casi del genere, o parti subito forte oppure torni subito, perché certe analisi estive lasciano sempre qualche remora, in discussione. E' stato così per Cuper all'Inter nell'estate 2003, per Allegri al Milan nel 2013 e per Mazzarri ancora all'Inter nel 2014. Se la Juventus dovesse abdicare, la Roma resta la favorita per la conquista dello Scudetto. Ha troppa qualità per non esserlo. C'è un solo però: che non si faccia male da sola. E qui torniamo a Garcia. Quanto è stato contaminato il suo ruolo dall'esame estivo fatto dalla Società? Quanto è forte il suo sfondo "politico" attuale? Dalle risposte vere, di risultati e di campo, a queste domande, dipenderà non soltanto Roma-Juventus di domani ma larga parte della stagione giallorossa. La Juventus lo sa e va a Roma per aprire la crepa, subito.

La frase profondamente offensiva del presidente Moratti, "lo Scudetto a tavolino il trofeo più bello", quando purtroppo le intercettazioni che riguardavano la sua Società sono riemerse dall'intercapedine del tavolino qualche anno dopo con l'accusa di responsabilità diretta articolo 1 per il proprietario e per il presidente ravvisata dal procuratore federale Palazzi nell'estate 2011, è filata via senza reazioni di nessun tipo e da nessuna parte. Non perché si sia tutti d'accordo, ma perché grazie al cielo, non se ne ha più voglia. Meno male. L'estate più forcaiola, triste e ingiusta del calcio italiano non generà più rancori e rappresaglie social. E' la scoperta più bella. Continuiamo allora a lasciare la frase in consegna al dimenticatoio. Che ne faccia buon uso.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Raiola, Casa Milan non è più casa tua! Pisa in cerca di gloria su Gattuso. Inter show: Suning prepara il bottino. Cittadella-Marchetti: vi avevamo detto tutto... 29.05 - Neanche una riga su Totti? Sarebbe la ripetizione delle ripetizioni di quanto hanno già scritto tutti. Totti e il suo addio è da libro cuore, nell'era dei social viene tutto ingigantito e siamo sicuri che, se non siamo romani e romanisti, non possiamo capire fino in fondo cosa provano...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.