HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa

16.09.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 10834 volte

Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare una lunga degenza da parte di Andrea Conti che resta un patrimonio importantissimo del Club. A destra c'è Abate, a destra c'è Calabria, che con la difesa a 3 ha meno compiti difensivi, ma possono essere schierati in quella zolla in caso di emergenze gli stessi Gomez, Zapata e financo Kessie. Si stanno dunque purtroppo passando il testimone Romagnoli e Conti. Dopo oltre tre mesi di stop di Romagnoli, tocca adesso a Conti. Ma se l'infortunio di Romagnoli era complesso e strategico, perchè anello di congiunzione fra difesa a 3 e difesa a 4, lo stop di Andrea non comporta intoppi sulle scelte del sistema di gioco. Non resta che dare l'in bocca al lupo a Conti dopo il comunicato ufficiale che ha sancito, lui solo, l'entità dell'infortunio e prendere atto del Milan di Vienna. L'argenteria c'è come dimostrano Calhanoglu e Andrè Silva (certi "giudizi" preventivi sono una garanzia totale e assoluta), Bonaventura e Suso. E c'è anche il capitano, reduce dal percorso netto dell'Ernst Happel Stadion e dal colloquio di fine gara di domenica scorsa in cui ha fatto niente meno che il capitano. Sul 4-1, Immobile corre per tutto il campo per fare il cazziatone, lui Immobile e non Bonucci, a Kalinic che, a torto o a ragione, si stava lamentando di essere stato strattonato in area, a quel punto a Bonucci non restava che fare una cosa. Il capitano. E lo ha fatto parlando a Immobile dell'episodio e presentandosi davanti alle telecamere nel post-partita per parlare della sconfitta.

Non possiamo sapere se fra un mese ci sarà davvero Suning Commerce Group nella lista nera del governo di Pechino. Ma sappiamo già che minimizzare non serve. Già lo scorso 19 Luglio, quando la Tv di stato cinese CCTV criticò la scelta di Suning di acquistare un Club indebitato come l'Inter, a Milano si scelse di innalzare cortine fumogene e di far finta di niente, coltivando un po' di complottismo di maniera. Scelta che ha pagato fino ad oggi, perchè Spalletti è bravo, perchè la squadra è comunque forte e perchè l'entusiasmo della tifoseria nerazzurra tiene. Ma se davvero fra un mese Suning dovesse essere considerata disonorevole secondo i canoni cinesi illustrati dalla Commissione nazionale per lo sviluppo, non basterà far trapelare una generica rassicurazione. Bisognerà spiegare la situazione e raccontare il futuro. E' sempre mediatica la perplessità suscitata dalle richieste di ieri della Procura Figc su Andrea Agnelli e sulla Juventus in generale. Come possono esserci richieste così pesanti su una vicenda totalmente dimenticata dai media negli ultimi mesi e rispolverata in fretta e furia il giorno prima della requisitoria della Procura federale? Delle due l'una, o è la Procura federale a sovrastimare il caso biglietti o tutto l'attrezzato apparato mediatico italiano se ne intende molto di più di coperture finanziarie che di rapporti con gli Ultrà. Se fossimo nel secondo caso sarebbe un peccato e verrebbero da chiedersi molte cose.

Edin Dzeko ha certamente rettificato sulla distanza dai compagni in attacco e sulla nostalgia più o meno canaglia per Totti e per Salah. E il presidente Pallotta ha sicuramente chiarito di non aver criticato pubblicamente Di Francesco. Ma il lungo e tormentato post-partita di Roma-Atletico Madrid era iniziato un po' prima, a bordo campo, con l'inviato Raimondi che ha rivolto a Radja Nainggolan una generica domanda di approccio sulla prestazione giallorossa appena conclusa. Da parte del popolare Ninja c'è stata prima una mezza smorfia, poi un attimo di attesa e quindi un "bisogna portare pazienza perchè c'è un nuovo sistema di gioco". Ma la domanda era sulla partita non sul gioco...Non solo: la pazienza chi la deve portare? L'ambiente o i giocatori? Anche lo stizzito tecnico ex Sassuolo che non sente i fischi, ancorchè non assordanti, al termine della gara con l'Atletico e poi polemizza addirittura con Massimo D'Alema, non cancella tutte le ombre. Che sembrano concentrarsi su uno spogliatoio poco compatto e poco convinto. Del resto la Roma in Campionato ha vinto di misura a Bergamo, ha perso con l'Inter e ha rischiato grosso in Champions contro il Cholo Simeone. Anche i risultati suffragano le ipotesi non solo più maliziose ma anche legate a tutte le sfumature e ai boatos giallorossi di questi giorni. Essere in fibrillazione a Settembre, nonostante le smentite e i distinguo, non è mai un buon segnale.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tutte le sfaccettature dell'affare (fatto) chiamato "Ronaldo". Inter: le chance per Rafinha, l'idea per il centrocampo e il messaggio di Icardi. Milan: qualcuno salvi il soldato Gattuso. Napoli: il regalo di ADL per Ancelotti 10.07 - Oggi non c’è molto tempo. Però c’è parecchia “ciccia”, del resto sono iniziati i ritiri e il Mondiale sta per finire. E più il Mondiale si avvicina alla fine, più tornano le bombe di mercato. Le bombe di mercato sono importantissime, sono “il metadone” che accompagna i tossici del...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

“Un giorno all’improvviso…”CR7-Juve, mille vantaggi e un solo svantaggio. Paratici, dal colpo del secolo al bluff del millennio. Raduno Milan: squadra da sostenere, proprietà da contestare. Meret-Napoli, a Pastorello non prendeva il telefono 09.07 - C’è un popolo in attesa. Bambini impazziti che sognano il loro idolo con la maglia della propria squadra del cuore. Il popolo si divide in due: quelli che non vedono l’ora di abbracciarlo e quelli che non vogliono neanche sentire nominare Cristiano Ronaldo, per profonda scaramanzia....

EditorialeDI: Marco Conterio

Lunga ricostruzione della trattativa del secolo: Cristiano Ronaldo alla Juventus. La partita a poker Real-Mendes e il rischio boomerang. Poi i messaggi nascosti, l'orgoglio di Perez, lo United e la strategia economica per raggiungere il sogno 08.07 - Scordata e dimenticata, relegata al ruolo di recettrice di grandi talenti o di campioni in cerca di riscatto, l'Italia è tornata nella cartina geografica mondiale del calcio che conta. Perché Cristiano Ronaldo alla Juventus è trattativa e suggestione che rinverdisce fasti antichi,...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Cristiano Ronaldo sempre più Juve, Higuain verso il Chelsea, l’Inter insiste per Malcom. Milan: obiettivo cessioni 07.07 - Cristiano Ronaldo si avvicina sempre più. La Juventus è a pochi passi dal traguardo, vede insomma l’arrivo. Se Florentino Perez accetta l’offerta di 120 milioni di euro, Cr7 è bianconero. Ci vorrà ancora un pò di pazienza ma l’ottimismo in casa Juventus non manca. E’ chiaro che il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ronaldo ha deciso: vuole solo la Juve. Ok del Real, ma prima Perez vuole riprovare con Neymar, prendere Kane o Mbappè. Tutti i retroscena della trattativa del secolo. 350 milioni per vincere la Champions. Higuain e Rugani al Chelsea per 100 milioni 06.07 - Ronaldo ha deciso: vuole soltanto la Juventus. La leggenda narra che tutto è cominciato la sera del tre aprile scorso quando quarantamila spettatori dello Juventus Stadium si sono alzati in piedi e per più di un minuto lo hanno applaudito per il gol segnato in rovesciata. Da quella...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy