VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra?

21.06.2017 07:53 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 61415 volte
© foto di Federico De Luca

Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla maglia alle minacce di morte, passando per un’offerta da cinque milioni e le sirene del Real Madrid (e forse della Juventus). “Donnarumma è come Buffon, diventerà la bandiera del Milan”, mi urlava, solo qualche settimana fa, il mio caro amico di merenda Ale… Oggi, appena lo sento, Ale si lascia andare a commenti per nulla raffinati sul 18enne fenomeno… Ora pare che ci sia uno spiraglio per far finta di nulla e ripartire mano nella mano. Che senso avrebbe? Perché ora ci sarebbe l’interesse a fare marcia indietro e firmare con il Milan? Forse il navigato Raiola non si aspettava una presa di posizione tanto forte da parte del Diavolo: “Resta e poi deciderà Montella se farlo giocare o meno”, le parole di un Fassone mai così determinato… O, forse, il ragazzo si è reso conto che lasciare il Milan è troppo frustrante? O, ancora, magari chi lo vuole offre meno, al ragazzo, del Milan? Io so solo che una soluzione c’è. Non credo che si possa cancellare quanto è accaduto negli ultimi, concitati, giorni con una semplice sciacquata… Meglio guardare avanti ma fissando delle regole ben precise. Ossia, fissare un prezzo per Donnarumma! Ha solo un anno di contratto davanti a sé? E quindi? Chi se ne importa. Vuoi Gigio? Bene, costa 80 milioni di euro, non un centesimo di meno… Nessuno viene a bussare alla porta del Milan a queste condizioni? Bene, ce lo teniamo e vediamo se, durante la stagione, il ragazzo riconquisterà la fiducia del popolo rossonero e ci saranno le condizioni per firmare il rinnovo… Se lo tieni, poi lo perdi a zero euro? Bene, ma il Milan avrà dimostrato di essere una società con dei principi forti… Cosa succederà alla fine? Lo sanno solo gli sceneggiatori… Personalmente proverei a portare a casa 80 milioni di euro…
Passiamo alla Roma. Noto, da più parti, dello scetticismo nei confronti di Monchi. Onestamente mi pare che il nuovo “uomo mercato giallorosso” sappia il fatto suo. Piazzare Salah al Liverpool per 44 milioni di euro è un affare… Costato circa 20 milioni, viene rivenduto ad oltre il doppio e, ne sono certo, Di Francesco non si è disperato… Il neo tecnico della Roma chiede, ai propri attaccanti, soprattutto agli esterni, un lavoro massacrante anche a livello difensivo, non proprio il pezzo forte dell’egiziano… Credo che Monchi stia facendo un lavoro eccellente… Non sta acquistando nomi altisonanti ma funzionali al progetto… Hector Moreno a meno di sei milioni è un altro piccolo capolavoro. Non diventi capitano di una nazionale, come quella messicana, per caso e i piedi sono buonissimi… Fiducia a Monchi, cari ragazzi…
Fiducia anche in Marotta ma non vorrei trovarmi nella sua posizione. Un sacco di telefonate stanno giungendo per avere informazioni su Alex Sandro. Ora l’hanno capito tutti. L’ex Porto è un fenomeno, quindi le offerte si sprecano. Attenzione soprattutto a Conte… Spero, vivamente, che Alex Sandro non faccia le valigie. Lo ritengo uno dei tre migliori giocatori della rosa bianconera, non ho dubbi! Va tenuto, ad ogni costo… Meglio Douglas Costa? Primo, sono diversi come interpretazione del ruolo e posizione in campo… Secondo, la Juventus, per diventare ancora più forte, li deve avere entrambi…
Chiudo con il mio idolo assoluto: Zlatan Ibrahimovic!!! Il prossimo 3 ottobre festeggerà 36 anni, è reduce da un brutto infortunio e ha migliaia di chilometri sulle spalle. Eppure, uno come Ibra, io lo vorrei sempre nella mia squadra… Sono arrivato a sperare che nessun top club lo contatti, così da poter, magari, tornare in Italia. Dove? Icardi con Ibra, guidati da Spalletti… O, perché no, Sarri che gli trova spazio nell’attacco atomico del Napoli? Magari a Roma con Dzeko? Potrebbe fare da chioccia ad André Silva al Milan… Alla Juve, no alla Juve non lo prenderebbero mai o forse Allegri potrebbe convincere Marotta?
Ragazzi, sabato 24 giugno, se non tempo e voglia, vi aspetto al Parco di Villa Annoni, a Cuggiono (MI), alle 18.30, per la presentazione del mio secondo libro fanta-thriller La Libellula!!! Magari parliamo proprio di Ibra… Ci sarà anche un aperitivo…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.