HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Milan e Juve, il giro si allarga. Attenzione a Morata e alle mosse del Chelsea. Inter non solo terzini, Roma ecco il dopo Malcom

26.07.2018 07:47 di Luca Marchetti   articolo letto 64228 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo l’incontro di ieri necessario far sedimentare le parole, cercare di capire le strategie, approfittare per provare di aggirare gli ostacoli nel miglior modo possibile. Ci sono alcuni punti fermi in questa vincenda, che non è detto per forza siano incastrabili. Il primo è che Bonucci vorrebbe lasciare il Milan e che contestualmente il Milan ha necessità di fare cassa e quindi di sacrificare qualche big. La Juventus Bonucci lo riprenderebbe perché sa che tipo di giocatore è, e sarebbe anche disposta a mettere sul piatto della trattativa (come ha fatto) Caldara, Pjaca, Sturaro. Insomma i giovani che ha. Perché l’altra necessità del Milan è: vendere sì, ma anche prendere giocatori giovani che preferibilmente guadagnino meno di quelli che ci sono ora. Quindi Bonucci ok, Caldara ok. Ovvero ok... non è che la Juventus ad oggi sia così convinta di dar via Caldara, considerato uno dei migliori prodotti in assoluto della scuola dei difensori italiani...
L’altro problema è che Milan e Juve hanno cominciato a parlare, anche prima, quando Mirabelli era in testa all’area sportiva, di Higuain. Higuain non può non piacere. Higuain ora per la Juventus è in vendita se arriva l’offerta giusta. Ma l’offerta del Chelsea tarda a materializzarsi e quindi la trattativa con il Milan è vista di buon occhio, anche con Bonucci dentro. Ma deve esistere, seppur scollegata, una possibilità Higuain in rossonero. Altrimenti diventa tutto ancora più complicato. Ma Higuain cozza con uno dei principi del Milan: più giovani degli attuali e che guadagnino meno.
Insomma sembrerebbe il profilo di Morata, non a caso monitorato anche in queste ultime ore incontrato dalla nuova dirigenza (non lui, i suoi agenti, ovvio). Contatto telefonico, richiesta fra i 65 e i 70milioni di euro. Tanti lo stesso, ecco perché Higuain rimane in corsa. Anche se... il giro di Morata (con il Chelsea che perde un attaccante) potrebbe comunque portare alla cessione di Higuain ma al Chelsea. Un giro tortuoso, ma comunque di soddisfazione per tutti.
Ecco perché bisogna seguire con attenzione tutte le mosse. Prendete anche il fatto che il Chelsea vorrebbe anche Rugani. Ma se va via Caldara (seppure in cambio di Bonucci) la Juventus che già non voleva darlo via, come si porrebbe? È una corsa contro il tempo anche per gli inglesi. Un grande triangolo internazionale in cui tutti sembrano contro ma potrebbero anche essere “alleati”. Juventus, Milan e Chelsea. Ognuno rinuncia a qualcosa, ognuno prende dal mazzo. Situazione ancora fluida, da definire, ma ormai indirizzata. Senza dimenticare che c’è chi - come Falcao - potrebbe sparigliare tutto...
Intanto il nuovo Milan prende forma. Leonardo è ufficialmente il nuovo responsabile dell’area sportiva, Gazidis nuovo amministratore delegato in pectore (da settembre) viene però frenato dall’Arsenal che ufficialmente smentisce qualsiasi tipo di trattativa o accordo con altri club. Gandini invece ci sarà e gestirà i rapporti con le istituzioni, sportive e non. Nell’ambito della ristrutturazione societaria previsto un ruolo anche per Francesco Baresi, per fare da collante fra la direzione e lo sviluppo dell’area giovanile in ambito nazionale e internazionale.
Si muove naturalmente anche l’Inter e al di là del discorso terzino (sempre Vrsaljko con Darmian e Zappacosta come piste parallele) la società vorrebbe capire come poter migliorare ancora il centrocampo. La prima considerazione da fare è che dipende dalle uscite. Intanto quella di Joao Mario: Inter valuta solo cessioni a titolo definitivo o prestito con obbligo. Valutazione intorno ai 30 milioni di euro. Dovesse partire ci potrebbe essere spazio per un altro colpo, magari quel Vidal che non vede l’ora di tornare in Italia.
Alla Roma sfumato l’arrivo di Malcolm adesso ci si concentra sulle alternative. Piacciono certamente Suso, Bailey e Neres (non sembrano esserci invece possibilità per Berardi e Cuadrado) e sta valutando l’offerta del Crystal Palace per Gonalons da circa 10milioni di euro.
A Napoli De Laurentiis ha fatto sapre di essere vicino alla chiusura per Arias, ma non c’è stato ancora nessun affondo significativo: attenzione allora all’Atletico Madrid (gli altri nomi restano Lainer e Sabaly per il quale il Napoli avrebbe chiesto delle visite mediche preventive, visto la botta ricevuta ai mondiali). Per il ruolo di terzo portiere il favorito invece è Bardi.
Alla Lazio si continua a trattare Correa con il Siviglia per 18 milioni più 4 di bonus. Sempre in standby la trattativa per Gomez, Lucas Perez sarebbe l’alternativa: ma ancora bisogna lavorare. Operazione da 5/6 milioni di euro.
La Samp sta per riabbracciare Obiang: si aspetta il sì definitivo del West Ham, il Genoa sta perfezionando Favilli dalla Juventus e ha chiuso per Rolon, centrocampista argentino classe 1995 del Malaga. L’Atalanta ha ufficializzato Pasalic ed è in dirittura d’arrivo per Blas Armoa esterno paraguayano dello Sportivo Luqueno. La Fiorentina ha preso l’altro Chiesa (Lorenzo) anche lui attaccante: chissà se forte come il papà o il fratello. Il Cagliari è interessato a Kannemann difensore del Gremio del 1991.
Siamo entrati negli ultimi 3 giri. Il mercato è vorticoso, tenetevi forte...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->