VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti

19.05.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 36749 volte
Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti

Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso.

Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle e dei parametri zero…

Il nuovo Milan è nato, esiste. Mister Li Yonghong non sarà Bill Gates, ma è un manager con un patrimonio personale non da poco (500 milioni) e una solida esperienza. Forse in questo affare si è allargato un po’, ma ha tempo per rimediare. Intanto ha presentato un curriculum all’assemblea alla faccia di quelli che per anni si sono fatti chiamare dottore senza laurea

Ma quello che più conta sono le idee, al punto che la relazione di Fassone ha messo d’accordo anche la minoranza rossonera di solito rumorosa.

Il passivo c’è (75 milioni), ma i conti saranno risistemati e la squadra costruita per tornare subito grande. Del resto questa è una strada obbligata. Se mister Li vuol rivendere quote e attrarre investitori sul Milan, deve immediatamente valorizzare società e squadre riportandola ai vertici.

Montella resta, ora è ufficiale. Dal mercato sono già arrivati Kessie strappato alla Roma (gran colpo) e Musacchio, tanto per dare una ritoccata a centrocampo e difesa. Ricardo Rodriguez è vicino e la corte a Kalinic è partita. C’è la forte volontà di rinnovare il contratto di Donnarumma con una cifra equa per l’età del ragazzo (4 milioni) e clausola rescissoria oltre i cento milioni da valutare con Raiola. Fassone è ottimista. Della squadra base di oggi resteranno Bonaventura, Suso, Romagnoli, Abate e pochi altri. Locatelli forse andrà in prestito a maturare. Di sicuro lasceranno De Sciglio (Juve?) e Bacca. Su Deloufeu sono nati dei dubbi. Sarà mica un giocatore da dieci partite l’anno?

A occhio, i cinesi dell’Inter sono più indietro. L’anno è stato devastante, spero abbiano capito di organizzare prima la società e poi fare il resto. Le spaccature nello spogliatoio hanno dilaniato ambizioni e obiettivi e tutti a guardare. Se Sabatini e Ausilio riusciranno a trovare un modus operando funzionale il passo avanti sarà evidente. Intanto c’è da scegliere l’allenatore. Oggi Sabatini dovrebbe materializzarsi a Milano per un vertice. Ha senso inseguire ancora Conte e pensare a Sarri che resta di sicuro a Napoli? La mia risposta è no e forse l’hanno capito. Ma dopo i rifiuti di Simeone e Pochettino, i desideri sono rimasti pochi. Luis Enrique pensa davvero all’anno sabbatico, non si convince. O c’è un’intuizione forte o resta in ballo Spalletti che però non convince caratterialmente. Lo Spalletti romano ha dato un’impressione di non giusto equilibrio nella gestione del fuoricampo che alla fine ha inciso sul campo. E’ anche vero che a Milano non c’è Totti, ma nello spogliatoio dell’Inter potrebbe scoprirne di nuovi, magari meno bravi calcisticamente, ma caratterialmente più difficili da gestire senza una società dura.

Intanto, però, la vera bomba arriva da Parigi. Di Maria è nel mirino anche della Juventus, ma Ausilio ha fatto grandi passi avanti. Il Psg vuole 60 milioni, la controfferta è stata Perisic. Per ora non basta, ma la pista è buona. La cosa più complicata, al momento, sembra quella di convincere il giocatore che vuole giocare la Champions, ma l’unica cosa che non manca a Suning sono i soldi

Il problema dell’allenatore ce l’ha anche la Roma e mi sembra normale che Monchi guardi a chi conosce meglio. Paulo Sousa è molto più di un’idea. Il contatto c’è stato. Ma nella testa di Monchi il grande colpo sarebbe strappare Valverde all’Athletic Bilbao. L’allenatore spagnolo piace anche al Barcellona, una concorrenza complicata. Forse il Psg riprova un altro anno con Emery e anche questa pista è in stand-by.

Passo a Napoli e ribadisco ancora una volta che è inutile andare a scavare su tutte le frasi di Sarri e De Laurentiis per metterli contro. Sono già contro. Punto. Troppo diversi per amarsi, ma Sarri e la squadra hanno fatto un patto che va oltre il presidente. Oltre tutto. Hanno deciso di rimanere in blocco per continuare nella costruzione di questa grandissima, divertente macchina da calcio e provare l’anno prossimo (terza stagione assieme) a vincere qualcosa. Dopo Insigne anche Mertens ha detto ok. Nuovo contratto fino al 2020, 4 milioni l’anno e clausola da trenta milioni. Ora sotto con il rinnovo di Ghoulam. Sul mercato innesti in difesa e a centrocampo con giocatori carismatici, se di esperienza meglio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.