HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Totopanchina Juve: chi sarà l'erede di Allegri?
  Simone Inzaghi
  Maurizio Sarri
  Pep Guardiola
  Sinisa Mihajlovic
  Didier Deschamps
  Mauricio Pochettino
  Josè Mourinho
  Antonio Conte

La Giovane Italia
Editoriale

Milan, ecco quando Gattuso e la squadra hanno fatto "crac". Conte-Roma: settimana prossima quella decisiva. Petrachi, meglio "Il Cairo" di Roma. Corini, "Genio" in Paradiso

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
06.05.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 24877 volte

L'Atalanta meriterebbe un film a parte. Miglior sceneggiatura, miglior attore protagonista, miglior scenografia... Tutto a Bergamo. I tifosi dell'Atalanta si godono questo giochino pazzesco che può coronare il sogno Champions League. Il vero problema, tuttavia, in caso di quarto posto, sarà l'anno prossimo: squadre piccole in impegni così grandi rischiano di lasciare punti per strada. Il problema dello stadio c'è e il rischio di perdere Gasperini è elevato. Giustamente ci penseremo dopo. Prima c'è da consacrare una stagione che, tra Champions e finale di Coppa Italia, rischia di essere pazzesca. Questa sera, invece, toccherà al Milan. E' l'ultimo trenino per l'Europa. Forse non ci credono neanche più a Milanello ma bisogna fare quattro vittorie e sperare nella Juventus quando giocherà con l'Atalanta. La Roma ha perso due punti fondamentali ieri a Genova. Al Milan si è rotto qualcosa. Dall'arrivo di Leonardo c'è stata una convivenza forzata, i calciatori si sono schierati con Gattuso e insieme hanno fatto grandi cose. Miracoli no, sarebbe esagerato definirli miracoli, ma sicuramente una squadra come il Milan non era e non è da quarto posto. Poi aggiungi il bluff Higuain e i tanti infortunati. Perché prima il Milan era riuscito a toccare il terzo posto e poi è crollato? Il derby ha ammazzato questa squadra che prima dava l'anima per il suo allenatore ma, da quando sono emerse le voci di un addio sicuro a fine anno, i calciatori non hanno combattuto più per il loro comandante. I calciatori sono fatti così. Puoi toccarli solo sui soldi o se non giocano. Il resto scivola tutto addosso. Avevano dato l'anima per Rino ma quando lo stesso Gattuso ha fatto capire che a giugno sarebbe stato divorzio, ognuno è andato per la propria strada. La squadra non ha fatto mai un passo in più e Gattuso ha smesso di difendere l'indifendibile in conferenza stampa. Fino a marzo per ogni pareggio o sconfitta, Gattuso si caricava il peso della responsabilità. Da dopo il derby ha iniziato ad "accusare" la squadra e a mettere i calciatori di fronte alla realtà dei fatti. Basta scuse, adesso pedalate. Il derby con l'Inter ha sancito la fine di questo Milan che ha ancora poche chance per arrivare quarto: per continuare a sognare stasera deve solo vincere.
Non sarà questa la settimana decisiva per il futuro di Antonio Conte. Inter, Roma, Milan, Psg.... Qualche destinazione fantasiosa, altre più concrete. Una cosa è certa: Conte vuole e deve tornare in panchina questa estate. L'Inter sarebbe la destinazione più gradita, Roma la scommessa più forte. I tifosi romanisti non lo amano. Perché lo trovano antipatico, perché rappresenta l'emblema dei gobbi, ma il tifoso romanista vuole vincere e se ne frega se sarà Conte o chi per lui a far tornare i giallorossi al successo. Una cosa è certa: Conte senza squadra per Conte serve a poco o nulla. Pallotta deve consentire all'allenatore di incidere anche sul mercato e, giustamente, il patron americano si sarà fatto i suoi calcoli. 10 giorni per saperne di più, 20 per la verità. Conte cerca anche un nuovo vice dopo aver perso Angelo Alessio che ha deciso di camminare con le proprie gambe.
Conte si lega a Petrachi e viceversa. I due sono amici e sono legati a doppio filo. Petrachi potrebbe finire alla Roma e sicuramente sarebbe un salto di qualità per la carriera del Direttore Sportivo del Torino ma, a volte, cerchiamo sempre nuovi stimoli anche se il vero Paradiso ce l'abbiamo in casa. Fossi in Petrachi, conterei fino a mille; non ha bisogno dei miei consigli e io non conosco i fatti di Petrachi, ma la Roma di oggi non vale il Torino. Poco ma sicuro. Pallotta non si vede mai, si va a lavorare con un consulente esterno che decide per il Presidente come fare il mercato (Franco Baldini n.d.r.), Totti che prende sempre più potere dirigenziale e Massara che, per il momento, è ancora lì in attesa di Sabatini al Bologna. Insomma, un'insalatona dove non riconosci una carota da un finocchio. Petrachi è bravo, merita una grande, ma forse è già in una grande. Lavorare con Cairo vale cento volte di più che lavorare con Pallotta. Il fascino della Roma è immenso ma immaginate un Torino in Champions League. Sarebbe come vincere uno scudetto.
In B vorrei parlarvi del Verona, di Setti che in un anno rischia di buttare tutto dalla finestra. Play off a rischio con il Verona e serie C persa con il Mantova. Mi verrebbe da dire "chi è causa del suo male pianga se stesso" ma preferisco aspettare almeno 7 giorni per esprimere il mio pensiero. Piuttosto facciamo i complimenti a Cellino. Sarà anche antipatico ma vincere a Brescia, 8 anni dopo l'ultima stagione in serie A, non era facile. Aveva cannato Suazo, scommessa improponibile, ma si è rifatto alla grande con Eugenio Corini. E' stato bravissimo nella gestione e ha rilanciato una squadra forte. Il Brescia è stato un mix perfetto tra giovani ed esperti. Donnarumma e Torregrossa non li hanno tutti ma se hai una Ferrari devi saperla anche guidare. Il Brescia non era una Ferrari ma lo è diventata con il lavoro, sacrificio e con le idee di Corini che è un ottimo allenatore e ha raccolto, finora, meno di quello che avrebbe meritato. Persona educata e intelligente. Non urla ma si fa rispettare, non incanta ma vince, poche idee ma buone e ottimo nella gestione del gruppo. Insomma, il Brescia ha trovato l'uomo giusto al momento giusto. Bravo Cellino e bravissimo Corini. Salutano la B Padova e Carpi. Finisce così la favola Carpi che non era basata su una strategia societaria ben definita ma sulla individualità di Cristiano Giuntoli. Tolte le pile, il giocattolo ha smesso di funzionare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Guardiola alla Juve, tutto vero. L’operazione è ancora in piedi. Si tratta con il Tottenham per Pochettino al City. Sarri proposto da Ramadani. Il Milan vira su Inzaghi. Fiorentina verso la cessione 24.05 - Guardiola e la Juve, è tutto vero. In questo momento nessuno può avere la certezza al mille per mille di come finiranno le cose, ma sicuramente a questa operazione si sta lavorando da tempo, ci sono state delle proposte accettate, degli accordi già presi e siamo alla stretta finale....

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve e la panchina, Inter e Milan e l’ultima curva Champions 23.05 - Non si parla d’altro. Da giorni. Ed è inevitabile che sia così: quando la panchina di una delle squadre più importanti in Europa è ancora da assegnare è ovvio che ci sia grande fermento, soprattutto fra la tifoseria. Che non si fa prendere dal panico: sa che la società è solida e...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte: firmato il precontratto! La Juventus sempre più avanti per Sarri. Cosa ci faceva Allegri a Londra il 7 maggio? Ecco chi c’era nello stesso albergo negli stessi giorni… 22.05 - Non c’è tempo per discettare e o poetare, il mercato allenatori è già sangue e sudore, e le notizie si accavallano. Partiamo dalla prima. Lo posso annunciare in anteprima: Antonio Conte ha firmato per l’Inter! Il segreto meno segreto del 2019, con l’accordo pendente da settimane,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: per la panchina si sceglie tra Inzaghi e “il piano-Ronaldo” (due nomi). Inter: il contatto Marotta-Conte e l’orgoglio… a un passo dall’Abisso. Milan: il destino all’opposto di Gattuso. Allegri: il futuro non sarà al Bayern… 21.05 - Buondì. Diciamo alcune cose veloci. Facciamo una dozzina al massimo. 1) La serie A si ritrova con l’ultima giornata più bella da un sacco di tempo a questa parte e non sa nemmeno lei come ha fatto. Parliamoci chiaro: è più “colpa” che “merito” dei club coinvolti. 2) La Fiorentina...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510