HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Milan giustamente riammesso in Europa. Juve Galactica, dopo Ronaldo almeno altri due acquisti... come l'Inter. 75 milioni di motivi per divertirsi con Monchi

Nato a Bergamo il 23-06-1984, vive a Firenze. Giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
22.07.2018 15:56 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 94305 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Vorrei partire con un disclaimer, sebbene la prima regola del giornalismo indichi come non si debba scrivere articoli alla prima persona singolare (sono in buona compagnia, nell’infrangere questa legge, non lo farò più). Dopo una settimana a seguire eventi come la presentazione di Cristiano Ronaldo, a scrivere bene di squadre che stanno lavorando ottimamente sul mercato (Inter e Roma) in molti mi hanno detto di specificare, all’inizio, di essere tifoso della squadra in questione. Però, dispiace deludere, non tifo nessuna delle squadre presenti nella scorsa Serie A. Scusatemi ma, visto che parlerò del Milan, più di qualcuno potrebbe avere il prurito di scrivermi l’ennesima mail dicendo che tifo rossonero.

Ieri è finito un incubo per Fassone e Mirabelli, perché il Tas ha deciso di accogliere il loro ricorso. Ci sono riusciti calando l’asso finale, cioè la presenza di Elliott per la memoria difensiva. Un bel passaggio di mano da un cinese che non conosce l’inglese a un fondo speculativo fra i più potenti al mondo. Elliott ha detto che vuole riportare il Milan in alto, dopo averlo “acquistato” con il loro prestito di un anno fa. Facendo un paio di calcoli si potrebbe dire che il Milan attuale non valga più dei soldi messi dagli inglesi, cioè i 303 più 32 consegnati a Yonghong Li (e mai ritornati). Fatturato che galleggia intorno ai 250 milioni - un po’ meno, a dir la verità - stadio non di proprietà, concessione firmata per San Siro per 30 anni (quindi impossibilità attuale a costruire lo stadio in tempi brevi, con la politica poi…) niente Champions League. La verità è che in potenza il Milan vale anche 1 miliardo di euro, attualmente assolutamente assolutamente assolutamente (per rendere chiaro il concetto) no. Tornando alla sentenza, il Milan è stato esaminato per il triennio 2014-17, dove ha avuto un disavanzo di bilancio “normale”. Non troppo esagerato, in linea con quello già visto con Roma e Inter. Avete mai visto le altre due squadre escluse dall’Europa? No, appunto. Però sono sotto esame e per anni hanno dovuto rispettare il breakeven dello zero in bilancio. Qualcuno con plusvalenze fantasiose (ma questo è un altro capitolo, perché non crediamo che sia solo il Chievo, vero?) altri con una semifinale di Champions che ha avuto l’effetto di accrescere incredibilmente il bilancio (pur perdendo Salah un anno fa, brutto colpo).

Così il Milan è stato giustamente riammesso alle coppe. Perché la UEFA, nella decisione di escludere aveva fatto riferimento alla mancanza di un proprietario vero, che doveva mostrare i suoi capitali (e magari da dove venivano). Al 100% se Yonghong Li fosse stato ancora il patron, allora il TAS avrebbe confermato la decisione della Uefa, perché era un caso nuovo. Così invece ci sono attenuanti (cambio di società e potere d'investimento che può sopperire a eventuali buchi di bilancio) e di fatto nessun motivo "nuovo" per procedere a un'esclusione per un caso molto simile a quelli di Roma e Inter. Alla fine la sentenza è giusta, nonostante gli strali di atalantini e fiorentini. Che, per inciso, non hanno capito che la UEFA non ha deciso su Yonghong Li e su chi ha tenuto il Milan per dodici mesi: lì ci penserà la giustizia ordinaria, non quella sportiva. Ed è giusto così. Ecco, magari fa un po' sorridere il timing delle decisioni...

Un piccolo excursus anche sul nostro calcio in generale. Come è possibile che un soggetto possa acquistare il Milan tramite una controllante in Lussemburgo e soldi che arrivano da altre società offshore? Perché è questo il problema del nostro calcio, non la sentenza UEFA. Come può l'Udinese, per anni, fare la stessa cosa pur sapendo che i presidenti, almeno lì, sono i Pozzo? Cosa che evidentemente non fanno in Premier League, perché non è possibile. Lì il calcio è una cosa seria, qui gli avventurieri sono all'ordine del giorno. Abbiamo già fatto riferimento al Chievo, ma anche all'Inter con i vari giovanissimi (Bettella, Carraro e compagnia) gente che non ha mai esordito in Serie A che costa più di Ilicic o di Pezzella.

La Juventus non si ferma a Cristiano Ronaldo e vuole raddoppiare. Godin è un'opzione, certamente arriverà un centrocampista e probabilmente anche un difensore centrale. Caldara può essere ceduto (ma non accetta il Borussia Dortmund, il Chelsea non può comprare tutti) mentre Pjanic, che aveva trovato l'accordo per il rinnovo, ha deciso di scompigliare le carte. L'Inter ha il tempo (e le possibilità) di acquistare un centrocampista e un difensore a destra (Vrsaljko?). La Roma ha 75 milioni di fondo cassa, vuole prendere Malcom e un portiere, con Areola in cima alla lista, sebbene 30 milioni per un portiere siano davvero troppi. Figuriamoci per Alisson...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: in attesa del "miracolo Modric" si punta a Keita! Juve: altro tassello in arrivo al centro. Milan: attenzione, Leonardo ha un segreto... Napoli: 10 giorni per risolvere un equivoco 07.08 - Ciao. Mancano 10 giorni alla chiusura del mercato poi, purtroppo, inizierà il campionato. Il campionato non interessa a nessuno. A tutti interessa il mercato. “Chi arriva?”. “Ne prendiamo due?”. “La pista è calda?”. Queste cose qui. Pochissimi si chiedono “dove giocherà?” o “ha senso...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Higuain e Caldara boom ma a Leo non basta. De Laurentiis si scrive le regole da solo. Belotti ad un bivio: ora o mai più. Un'estate italiana: la solita pagliacciata 06.08 - E' stata la settimana del diavolo. Tifosi che tornano a sognare e sperare dopo il bluff Lì. L'arrivo di Elliott è servito almeno a fare chiarezza sulla strategia futura della società. Avere un proprietario come fondo non è il massimo ma, almeno, conosciamo la mission. Rivalutare squadra...

EditorialeDI: Andrea Losapio

MIlan-Juve, scambio da sogno. Le scuse per Vidal, l'incredibile Modric. E il Napoli che ne prende 5 a Liverpool 05.08 - È stata una grande settimana di mercato. Tra Gonzalo Higuain, Mattia Caldara e Leonardo Bonucci, tre protagonisti inconsapevoli di questo mercato, almeno fino a inizio luglio. Higuain poteva finire sul mercato dopo qualche incomprensione con Allegri - e la panchina nella finale di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy