VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Milan: ha vinto ancora Galliani, Seedorf già al capolinea. Inzaghi in pole, ma torna il nome di Prandelli. La rivolta guidata di Montolivo. Inter: piace Morata, no a Torres ed Eto'o

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
21.03.2014 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 51308 volte
© foto di Federico De Luca

Ha vinto ancora Adriano Galliani. Chi pensava che la drammatica situazione del Milan arrivato in un punto di non ritorno, la peggior classifica dell'era Berlusconi, potesse indurre il Patron a fare la rivoluzione dando pieni poteri a Barbara, inserendo nello staff dirigenziale grandi ex giocatori a cominciare da Maldini, ha sbagliato le previsioni.

Del resto 35 anni assieme non si possono cancellare con facilità, forse per nessuna ragione, troppe cose legano inscindibilmente Berlusconi e Galliani, quindi la sensazione è soltanto una: Galliani uscirà dal Milan soltanto quando e se, un giorno Berlusconi dovesse decidere di vendere.

Cosa fare allora per uscire da questa situazione? Questa è la grande domanda che aspetta una risposta. Galliani in questi giorni ha dimostrato a Berlusconi che la scelta di Seedorf è sbagliata. L'amministratore delegato non lo avrebbe mai preso, avrebbe continuato fino a fine stagione con Allegri dando poi la panchina a Prandelli, ma Berlusconi ha voluto puntare su Seedorf e Galliani si è piegato.

Due mesi dopo il Milan va ancora peggio e allora Galliani ha voluto far sentire al Presidente tutte le voci dello spogliatoio e di Milanello per fargli capire come l'ex centrocampista sia già diventato un corpo estraneo alla squadra o come minimo ci sia in atto una crisi di rigetto.

I primi sentori si erano già avuti leggendo le penne più vicine a Galliani che hanno cominciato l'attacco a Seedorf quando non era ancora il momento e non c'erano i presupposti. Da lì è stato un crescendo. Nell'ultima settimana Berlusconi ha ascoltato soprattutto alcuni giocatori, Montolivo in testa in qualità di capitano. Proprio l'ex viola, paladino di Allegri, ha guidato la rivolta nello spogliatoio per motivi personali. Il ruolo a centrocampo datogli da Seedorf non gli piace, sta ruotando troppo, ha paura per il mondiale, poi non ha gradito di essere stato degradato nella gara con il Napoli in favore di Mexes. Attorno a Montolivo alcuni giovani e senatori che contestano i sistemi di allenamento.

Galliani, però, ha fatto notare come Seedorf stia disperdendo il patrimonio giocatori, Honda non gioca mai, De Sciglio non gli piace, altri sono finiti ai margini. Non piace neppure il feeling che l'allenatore ha instaurato con i tifosi, se la contestazione ha salvato solo lui un motivo ci deve essere. E questo non va bene a Berlusconi.

Il presidente ha parlato direttamente con Seedorf di tattica (non gradisce il 4-2-3-1), ma anche del Milan del. La squadra sarà cambiata, ma non rivoluzionata come pretenderebbe l'allenatore: non ci sono soldi. Troppe cose, quindi, dividono Seedorf da tutti e non soltanto per i risultati. Certo se la squadra fosse cresciuta e avesse fatto punti tutti si sarebbero nascosti, ma visto il flop in campo, tutto quello che succede fuori è stato esasperato e ingigantito fino a mettere Seedorf al muro. Che succederà?

Prima di mollarlo definitivamente, Berlusconi ha chiesto a Seedorf maggiore duttilità tattica passando al 4-3-1-2 con il famoso trequartista che potrà essere Honda con Kakà seconda punta, oppure Kakà con Pazzini-Balotelli in attacco. Seconda cosa una maggiore duttilità nei rapporti con il gruppo e con l'ambiente, l'allenatore non può essere il monarca assoluto, la psicologia conta.

Si vedrà con la Lazio se la scossa avrà dato risultati, se squadra e allenatore si sono riavvicinati, altrimenti dopo la partita con la Fiorentina della settimana successiva si tireranno le somme. Berlusconi spera di recuperare Seedorf, crede ancora che possa diventare un grande allenatore. In caso contrario Tassotti traghettatore fino a giugno. Poi?

Le soluzioni sono due. Piace Prandelli (non a caso è slittato l'incontro con Abete per il rinnovo in nazionale) che Sacchi aveva già suggerito l'estate scorsa a Berlusconi per il dopo-Allegri. Sacchi è sempre molto ascoltato, la candidatura è forte.

La soluzione B, sicuramente più affascinante per il presidente, è quella di Inzaghi. Pippo è una creatura di Galliani, ma anche l'ad ha paura di bruciarlo, lo vedrebbe ancora bene per un paio d'anni nelle giovanili o in una squadra media per fare esperienza per poi farlo tornare al Milan. Comunque dalla formazione di domenica prossima e dall'atteggiamento della squadra capiremo molte cose.

Congelato, quindi, anche il rinnovamento societario. Con l'intervista alla Gazzetta Paolo Maldini si è bruciato definitivamente. L'attacco a Galliani non è stato gradito neppure da Berlusconi, in questo Milan sarà difficile anche per Barbara trovare un posto per l'ex difensore. Anche Demetrio Albertini non è più stato contattato dopo un abboccamento che risale a qualche mese fa.

Insomma il rinnovamento si fermerà a Sogliano del Verona, direttore sportivo al posto di Braida passato alla Samp. Anche Barbara deve prendere atto che Galliani ha ancora forza, non fosse altro per una liquidazione di 30 milioni di euro e rotti... che pretenderebbe in caso di siluramento. Con quei soldi meglio tenersi Galliani e comprare qualche giocatore è il ragionamento condivisibile di Berlusconi. I tempi sono quelli che sono.

Tempi duri anche per l'Inter che vuole rinnovare, ma con budget relativi. Si cercano giocatori d'esperienza e di carisma per dare personalità. Dopo Vidic, Ausilio sta puntando Sagna. Piace Morata. Insensibili, invece, all'appello di Eto'o che vorrebbe tornare a Milano. Come ha detto Mourinho, avrà 35 anni...troppi anche per l'Inter. Anche Torres visto l'altra non piace, allora tanto vale tenere Milito.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Douglas: altri 2 colpi “da Champions” (uno nascosto). Inter: la strategia su Nainggolan, il patto con Dalbert e la “tecnica-Spalletti”. Milan: dietro al super-mercato c’è un piano preciso (e occhio al Gallo…) 11.07 - (A fine editoriale mi lascio andare a un delirio da ricovero coatto. Non fateci caso, è il caldo). Buondì. Oggi volevo ragionare con voi di emoticon. Le faccine che sorridono, che piangono, il simbolo della merda col sorriso, il dito all’insu, le corna, l’omino che corre, il vecchio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.